La Williams annuncia Sirotkin per il 2018

0
488

   La scuderia inglese di Sir Frank Williams annuncia il nome del pilota che da marzo affiancherà Lance Stroll: il giovane russo Sergey Sirotkin.
La Williams era rimasta l’unica a dover riempire un sedile per la stagione di Formula 1 2018, dopo l’abbandono del veterano Felipe Massa. Per mesi la stampa ha presentato nomi papabili per la sostituzione del pilota brasiliano: da Robert Kubica a Paul Di Resta fino ad arrivare al russo appena confermato, Sirotkin.
In nome più atteso e sperato da parte dei tifosi era sicuramente quello del polacco Kubica, assente dal panorama della Formula 1 da quasi otto anni ma sempre amatissimo. Dopo un grave incidente alla mano destra durante una competizione di rally in Liguria nel 2011, il pilota è stato costretto al ritiro non solo dalla Formula 1 ma da tutte le competizioni automobilistiche.
Il suo inaspettato test a Budapest con la Renault, nell’agosto dello scorso anno, ha riacceso la speranza dei fans che non vedevano l’ora di vederlo correre con la scuderia francese.
Quando la Renault ha però annunciato l’ingaggio di Carlos Sainz, è stata la Williams a rimettere gli occhi su Kubica per la stagione 2018. Il posto di Felipe Massa infatti sembrava destinato proprio allo sfortunato ma amatissimo pilota polacco.
Nei mesi che hanno preceduto l’annuncio di oggi però la sicurezza di pubblico e addetti ai lavori ha iniziato a scemare, portando con sé i nomi di molti altri papabili piloti.
Tra questi ha iniziato a farsi sentire quello del giovane russo Sergey Sirotkin: il ragazzo nato a Mosca nel 1995, campione europeo di Formula Abarth, ha infatti potuto offrire un budget di sponsor molto più grande rispetto a quelli dei suoi avversari.
Il pilota, che sembra avere niente meno che Vladimir Putin tra le sue simpatie, è stato agevolato dall’appoggio della SMP, un gruppo bancario che da anni supporta la carriera del russo offrendo ingenti sponsorizzazioni.
La scelta di Sirotkin è comunque stata ponderata dai dirigenti di casa Williams sulla base di alcuni test fatti dopo la fine del Gran Premio di Abu Dhabi dello scorso anno e grazie alle capacità che il ragazzo ha dimostrato in pista. Sergey nel 2014 fu scelto come terzo pilota Sauber e in quell’occasione ebbe la possibilità di partecipare alle prove libere del suo Gran Premio di casa. Nelle ultime due stagione è invece sceso in pista per alcune sessioni di prove con la Renault.
Il pilota ha sicuramente tanto da dimostrare per dimostrare a tutti i tifosi di Formula Uno che la scelta preso da Sir Frank Williams non è stata unicamente legata alle sponsorizzazioni, come quella del compagno di squadra Lance Stroll, ma è invece il frutto di un talento non ancora pienamente dimostrato.
Tra i tanti delusi troviamo anche Flavio Briatore che, intervistato da Speed Weed, si è soffermato sulle strae strategie di mercato portate avanti dalla Williams e parlando di una scelta basata unicamente sugli sponsor: “Mi dispiace molto che Kubica non sia riuscito a convincere Williams. Ho parlato diverse volte con il suo manager, Nico Rosberg, e so che è stato provato di tutto, ma il russo ha un budget enorme, stiamo parlando di venti milioni, Kubica potrebbe garantirne tra i sette e i dieci”. Briatore ha poi aggiunto che un ipotetico ritorno del polacco sulle piste di Formula Uno sarebbe stato un successo morale per lo sport di tutto il mondo ma che ovviamente le scuderie hanno bisogno di enormi sponsorizzazioni per resistere in uno sport come questo.
Se l’arrivo del giovane Sergey Sirotkin non ha quindi reso felici i tifosi di tutto il mondo non possiamo sapere come andrà la sua stagione e quella del suo, ancora più giovane, compagno di squadra. È certamente vero che la scuderia inglese ha deciso di formare una lineup giovanissima affiancando a Stroll, il più giovane dei paddock con i suoi 19 anni, un ragazzo di appena tre anni più grande.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here