La vita di Fabrizio Savarese, sordo dalla nascita

0
656

La vita di Fabrizio Savarese, sordo dalla nascita. Difficoltà e possibilità. Si racconta.

“Mi chiamo Fabrizio Savarese, ho 36 anni, sono nato a Crema e vivo a Brescia da quando avevo 12 anni. Sono sordo dalla nascita, ma grazie ad un impianto cocleare sento suoni e voci, anche se non in modo così selettivo da sentire distintamente. Mi ritengo fortunato ad avere genitori udenti che mi abbiano dato ogni supporto. Sono oralista e non conosco tanto bene la Lingua dei Segni, ma per me è importante comunicare sia con i sordi che con gli udenti”.

Sei laureato. Una cosa straordinaria per un sordo. Sbaglio?

Non sbagli. Ho studiato grafica all’Istituto Golgi di Brescia e sono laureato allo IED di Milano come illustratore di fumetti e narrativa. L’università IED mi ha insegnato tante cose. Ho imparato che osare spesso significa che è importante sapere tutto ciò che c’è nella vita.

Hai famiglia? Loro sono sordi?

Sono sposato con una ragazza sorda e ho una figlia nata appena un anno fa ed è udente. Sono due donne meravigliose. Mi sento fortunato.

Quali sono le difficoltà inerenti la sordità? Sia dal punto di vista personale che dal punto di vista professionale.

Da piccolo non parlavo per niente e non sapevo come comunicare, ma successivamente, grazie ai miei e alle logopediste che mi hanno aiutato a comunicare, è andata meglio. Avevo paura e provavo vergogna perché non sapevo come parlare con gli amici e parenti. Ora parlo senza problemi con amici e parenti. Alla scuola elementare ero in difficoltà, ma fortunatamente avevo amici migliori a Crema che mi hanno insegnato cos’è l’amicizia vera. Non dimentico chi mi ha aiutato sempre, logopediste e dottoresse, ma soprattutto i miei genitori: sono cresciuto grazie a loro. Sono degli eroi: ero testardo e loro non hanno mai perso la pazienza. Poi soprattutto mia moglie..una grande donna! Mi ha fatto capire tante cose, a volte mi ha sgridato e comunque aveva sempre ragione.

Qual è il tuo impiego?

Lavoro presso gli Ospedali Civili di Brescia in amministrazione come impiegato e grafico. Mi occupo dell’elaborazione di dati. Uso anche il computer e conosco i programmi tipo Photoshop, Indesign, ecc.

Ma so che avevi un sogno per migliorare l’accessibilità ai sordi in un ambito particolare che sei riuscito a realizzare, giusto?

Un sogno, un progetto, una sfida.. assolutamente!! Ma ne riparliamo nell’articolo di domani 🙂

Allora ci vediamo domani, così tutti insieme potremo continuare a leggere la vita di Fabrizio Savarese, sordo dalla nascita, che ha realizzato un grande progetto.

Commenti