Violenza nelle strade in Polonia: protesta contro il divieto totale di aborto

0
254

La polizia ha sparato spray al peperoncino contro centinaia di manifestanti a Varsavia mentre si opponevano a una sentenza del tribunale che proibiva quasi completamente l’aborto nel paese. Escalation di violenza nelle strade in Polonia ieri sera.

Violenza nelle strade in Polonia: cosa sta succedendo?


Diverse centinaia di persone si sono radunate ieri sera, giovedì 22 ottobre, davanti alla Corte costituzionale polacca. Hanno marciato verso la residenza di Jaroslaw Kaczynski, il leader del partito al potere per la legge e la giustizia (PiS), per protestare la una decisione del tribunale che essenzialmente vieta l’aborto.

La polizia ha usato spray al peperoncino per disperdere la folla. In risposta, i manifestanti hanno lanciato pietre e hanno tentato di sfondare il cordone intorno alla casa.

https://twitter.com/notesfrompoland/status/1319408448874872836

La manifestazione è stata dispersa nelle prime ore di oggi, venerdì mattina. Tuttavia, gli organizzatori hanno chiesto a più persone di riunirsi durante la giornata. Un portavoce della polizia ha confermato che 15 persone sono state arrestate.

Le proteste in tutta la Polonia

Giovedì sera si sono verificate anche proteste minori in altre località della Polonia, tra cui Cracovia, Lodz e Stettino, che sono andate avanti senza scontri con le forze dell’ordine. Gli oppositori della sentenza della corte hanno accusato i giudici di agire per conto del PiS, in quanto il partito ha nominato la maggioranza dei componenti del Tribunale costituzionale. Come logico, il PiS ha negato qualsiasi tentativo di influenzare la corte.

Il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Dunja Mijatovic lo ha definito un “giorno triste per i diritti delle donne” e ha affermato che “rimuovere la base per quasi tutti gli aborti legali in Polonia equivale a un divieto e viola i diritti umani“. Kara Godek, membro del gruppo polacco Stop Abortion, ha invece elogiato la decisione, dicendo: “oggi la Polonia è un esempio per l’Europa, è un esempio per il mondo“.



In Polonia vietato abortire, anche in caso di malattia e malformazioni
Biedron propone all’Ue la risoluzione di restrizioni su aborto in Polonia


Il Tribunale costituzionale polacco ha stabilito giovedì che l’aborto a causa di difetti fetali è incostituzionale, vietando i motivi legali più comuni per interrompere una gravidanza nel paese. Prima della decisione, la Polonia aveva già una delle più severe leggi anti-aborto in Europa.

Commenti