La Tankio Band di Riccardo Fassi con special guest Antonello Salis presenta il nuovo album omaggio a Frank Zappa

0
371

Mercoledì 29 marzo al Teatro Studio Gianni Borgna dell’Auditorium Parco della Musica di Roma il pianista e compositore Riccardo Fassi si è esibito con la sua Tankio Band e con un ospite d’eccezione, il fisarmonicista Antonello Salis, presentando in anteprima assoluta il nuovo progetto “The Return of the Fat Chicken”, un omaggio al celebre compositore e chitarrista statunitense Frank Zappa.

Il nuovo progetto si concretizzerà in un album di prossima uscita con l’etichetta AlfaMusic.  “The Return of the Fat Chicken” rilegge un insieme di composizioni che abbracciano vari periodi della produzione di Zappa, dai primi anni ’70 ai ’90, e rappresenta un ulteriore passo verso una sempre più profonda simbiosi tra la Tankio Band e la musica del Maestro.

Riccardo Fassi è nato a Varese e si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio di Musica L.Perosi di Campobasso. Nel 1983 ha formato la Tankio Band che esegue sue composizioni o progetti speciali, come quello basato sulle musiche originali, ovvero “Serial Killer” (Splasch Records), una mirabile sintesi di jazz orchestrale, avanguardia, funk, melodie seducenti, improvvisazione e molto altro, o ancora il progetto sulle originalissime musiche di Eric Dolphy.

Leggi anche Vilnius e il ricordo di Frank Zappa

L’orchestra è stata più volte votata dalla critica tra le dieci migliori formazioni del jazz.  La Tankio Band, da anni impegnata nella rilettura del repertorio di Zappa, ne porta alla luce la bellezza dei temi, le soluzioni innovative, l’ironia dei testi nei confronti dei luoghi comuni della società e il carattere ribelle di questo artista, una ribellione costruttiva: una figura unica ed irripetibile nel panorama internazionale.

Nella formazione, oltre naturalmente a Riccardo Fassi al piano e alle tastiere, figurano i trombettisti Claudio Corvini e Giancarlo Ciminelli, i trombonisti Roberto Pecorelli e Massimo Pirone, Sandro Satta al sax alto, Carlo Conti al sax soprano e alto, Torquato Sdrucia al sax baritono, il chitarrista Manlio Maresca, il vibrafonista Pierpaolo Bisogno, il contrabbassista Steve Cantarano e il batterista Pietro Iodice.

Zappa ha lasciato un corpus vastissimo di opere, complesse, eterogenee e suscettibili di ulteriori sviluppi: per Fassi e la Tankio Band, da sempre, arrangiare la sua musica per orchestra è come scavare e trovare nuovi spunti, in un processo che sembra non avere fine.

Riccardo Fassi: “E’ una necessità ineludibile suonare la musica di Zappa, viverla ed abitarla in modo proprio per poter sviluppare l’ispirazione continua che essa fornisce. Nel 2017 la visione aperta e senza confini di Frank Zappa e il suo esplorare ambiti diversi dal rock alla musica sperimentale, dal jazz al teatro, sono estremamente attuali, e abbiamo la conferma di quanto fosse avanti rispetto al suo tempo.”

Antonello Salis, classe 1950, è un fisarmonicista e pianista sardo. Nel 1973 ha fondato ad Alghero il gruppo musicale I Cadmo insieme a Riccardo Lay al basso elettrico e a Mario Paliano alla batteria, con i quali si è poi spostato a Roma nel 1975 incidendo un primo 33 giri nello stesso anno, “Boomerang”, e un secondo nel 1977, “Flying over Ortobene Mount on July Seventy-Seven”. Nel 2010 ha fondato il gruppo Giornale di Bordo composto da lui al piano e alla fisarmonica, da Gavino Murgia al sax, voce e flauti, da Paolo Angeli alla chitarra e dall’afroamericano Hamid Drake alla batteria. Il nuovo disco della Tankio Band plays Frank Zappa tra gli ospiti vedrà proprio Antonello Salis, oltre a Napoleon Murphy Brock, Alex Sipiagin, Gabriele Mirabassi, Ruben Chaviano e a Mario Corvini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here