La spazzatura digitale che cresce rapidamente

0
204

I rifiuti elettronici stanno crescendo sempre più rapidamente e sempre più rapidamente si sta parlando di spazzatura digitale.

I rifiuti elettronici globali

I prodotti scartati con una batteria, cresceranno del 38% nel futuro.

Da 53,6 milioni di tonnellate nel 2019 a 74,7 milioni di tonnellate entro il 2030.

Ovviamente alimentati principalmente da maggiori tassi di consumo di apparecchiature, cicli di vita brevi e poche opzioni per riparazione.

In termini reali, i rifiuti elettrici ed elettronici nel 2019 equivalgono al peso di 350 navi da crociera che hanno le dimensioni della Queen Mary 2.

Secondo il Global E-waste Monitor 2020 delle Nazioni Unite, la crescita nel 2019 è aumentata del 21% in soli cinque anni.

Al momento sta raddoppiando, facendo dei rifiuti elettronici il flusso di rifiuti domestici in più rapida crescita al mondo.

Doreen Bogdan-Martin, direttore dell’Ufficio per lo sviluppo delle telecomunicazioni presso l’International Telecommunication Union (ITU), ha affermato che è evidente il problema urgente della gestione dei rifiuti elettronici nel mondo connesso al digitale di oggi.

Il monitoraggio dei flussi di rifiuti elettronici contribuirà al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e al monitoraggio dell’attuazione dell’agenda ITU Connect 2030.

Il rapporto costituisce una risorsa preziosa per i governi per migliorare il loro tasso globale di riciclaggio dei rifiuti elettronici.

Si potrà così sviluppare la politiche e la legislazione necessaria richiesta.

Secondo il rapporto, l’Asia, che comprende anche il Medio Oriente, ha generato il maggior volume di rifiuti elettronici nel 2019 – circa 24,9 tonnellate, seguita dagli Usa (13,1 tonnellate) e dall’Europa (12 tonnellate), mentre Africa e Oceania hanno generato 2,9 mt e 0,7 mt rispettivamente.

La spazzatura digitale è un vero problema attuale a livello globale.

Commenti