La Slovenia è il primo paese europeo ad uscire dal tunnel

La Slovenia ce l’ha fatta. E’ il primo ministro sloveno a darne la notizia. Pochissimi casi di contagio rimasti.

0
289

In Slovenia, il primo caso di contagio da coronavirus venne registrato il 4 marzo. Oggi il primo ministro Janez Jansa ha annunciato in parlamento la fine dell’epidemia. “La Slovenia ha il quadro epidemiologico migliore d’Europa ed è il primo paese europeo ad aver domato il virus”.

In due mesi, a fronte di una popolazione che conta due milioni di persone, il governo della Lubiana ha registrato 1.464 casi di contagio di cui 103 decessi.

Nelle ultime due settimane sono stati registrati solamente 7 nuovi casi.

Si veda anche il sito ufficiale del governo sloveno https://www.gov.si/en/topics/coronavirus-disease-covid-19 e il sito agenzia di stampa slovena https://english.sta.si/in-focus/slovenia_vs_covid19?utm_campaign=si-marc20-pr-obv-24&utm_medium=email&utm_source=Net-Results

Uno sloveno su trenta esposto al virus

Uno studio nazionale sugli anticorpi pubblicato sul sito www.english.sta.si ha affermato che uno Sloveno su trenta è stato probabilmente esposto al Covid-19, rendendo il 2-4% della popolazione immune al coronavirus.

https://english.sta.si/2760398/antibody-study-shows-one-in-thirty-slovenians-exposed-to-coronavirus

Il successo delle misure di lockdown

Le misure di lockdown messe in atto fin da subito dal governo sono riuscite a contenere la diffusione del virus, permettendo al paese di dichiarare la fine dell’emergenza sanitaria.

La ripartenza del turismo sloveno

A partire da oggi 15 maggio nessun isolamento previsto per i cittadini provenienti dai paesi dell’unione europea. E da lunedì il turismo sloveno riaprirà le porte: tutti i negozi rialzeranno la saracinesca e sia i bar che i ristoranti potranno servire anche all’interno.

La Slovenia come nuova meta turistica

E con l’Italia ancora attanagliata da un semi-lockdown, c’è già chi grida al complottismo tra Austria, Slovenia e Croazia per accaparrarsi i turisti tedeschi e scandinavi sulle coste adriatiche orientali.

Commenti