La situazione tragica in cui versa la Somalia

0
271

La Somalia è uno Stato dell’Africa orientale che al momento sta vivendo una situazione tragica. Carestie, fame, Covid e conflitti armati stanno distruggendo il Paese. Chi riesce a scappare e trovare rifugio altrove, racconta le condizioni drammatiche in cui si trovano i cittadini somali.


Le fabbriche tessili stanno inquinando i fiumi africani


Perchè la Somalia versa in una situazione tragica?

I continui conflitti interni che non si placano, i cambiamenti climatici che alimentano le carestie che a loro volta portano a fame e miseria, senza dimenticare il Covid. Questi sono i principali problemi che la Somalia si trova ad affrontare ma che al momento non riesce a superare. I cittadini dello Stato africano sono disperati: scappano in altri territori con la speranza di costruirsi una vita migliore. L’incertezza, però, la fa da padrona. Fadumo Ali Mohamed è una donna somala che con i suoi nove figli ha deciso di lasciare il proprio villaggio ormai distrutto. Ha attraversato la regione di Basso Scebeli, per arrivare a Mogadiscio dove ora si trova in un campo d’accoglienza, insieme ad altri 800.000 sfollati. Queste le sue parole: “È stato un incubo che odio ricordare: case in fiamme e persone indifese che morivano sulla strada. Hanno combattuto per molto tempo, ma recentemente, la situazione è peggiorata”.

“La Somalia è uno dei luoghi più rischiosi della Terra”

La storia di Fadumo è solo una tra le migliaia di altri tragici racconti che riguardano i cittadini somali. Il direttore regionale dell’IFRC per l’Africa, Mohammed Mukhier, in merito alle condizioni dello Stato, ha detto: “La Somalia è uno dei luoghi più rischiosi della Terra in cui vivere in questo momento. Il paese è un catalogo di catastrofi. I disastri legati al clima, i conflitti e il Covid-19 si sono uniti in una grave crisi umanitaria per milioni di persone. Non possiamo continuare a parlare, dobbiamo ridurre la sofferenza ora”. In pericolo ci sono le vite di migliaia di persone, soprattutto bambini che continuano a soffrire la fame e il cui futuro è davvero incerto.