LA DISUMANA SINDACA DI LODI CHE DISCRIMINA I BAMBINI

0
294

Lodi, 200 bambini stranieri esclusi dalla mensa per regolamento della sindaca leghista

Da qualche giorno è andato in onda  un approfondito servizio di Piazzapulita che racconta storie, numeri e dati alla mano delle famiglie coinvolte.
Del caso di Lodi si stanno già occupando due associazioni molto esperte di protezione degli stranieri, come l’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI) e il Naga. Sembra che le succitate abbiano già presentato dei ricorsi civili al Tribunale di Milano per discriminazione su base etnica.

Come si fa a diventare così? A far la guerra allo straniero ed utilizzare come arma un bambino? La Sindaca pensava che “prima gli Italiani” avrebbero taciuto?

 

Sempre in un video nel report di Piazzapulita un anziano signore di Lodi ha etichettato i bambini come “zecche dei cani” . Da qui si evince che il problema non è proprio la mensa. Il problema è a monte e risale alle leggi di 80 anni fa, per alcuni non cancellate: “le leggi razziali”.

Forse Roberto Gervaso non ha tutti i torti quando sostiene che “L’Italia sta in piedi perchè non sa da quale parte cadere”..

 

Non influenzatevi l’un l’altro voi razzisti, fatevi influenzare da messaggi positivi soprattutto quando si parla di bambini e si hanno, oppure si stanno per avere, dei figli:

 

“Cibo per tutti” è la campagna del Governo della Norvegia. Non è troppo attinente perchè promuove le adozioni, ma alla sindaca non farebbe male guardarlo perchè questi sono i bambini. I bambini che soffrono per le differenze e i bambini che sono solidali. Non come gli adulti che riescono ad essere ostativi all’umanità e sempre nel peggiore dei modi.

A Lodi fortunatamente la sindaca non rappresenta tutti, e molta gente si è messa in azione a sostegno delle famiglie per consentire ai bambini uguali diritti

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here