La Serbia stringe un accordo sul gas con la Russia

0
456
La Serbia stringe un accordo sul gas con la Russia

Mentre prosegue la guerra in Ucraina e l’UE sta cercando di ridurre la sua dipendenza dal gas russo, la Serbia stringe un accordo sul gas con Mosca. Il presidente serbo, Aleksandar Vucic, ha annunciato di aver assicurato un accordo triennale di fornitura di gas naturale “estremamente favorevole” con la Russia durante una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin.

La Serbia stringe un accordo sul gas con Mosca?

Il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, ha annunciato di aver assicurato un accordo triennale “estremamente favorevole” per la fornitura di gas naturale con la Russia. “Quello che posso dirvi è che abbiamo concordato gli elementi principali che sono molto favorevoli per la Serbia. Abbiamo deciso di firmare un contratto triennale”, ha detto Vucic dopo aver concluso un colloquio telefonico con il presidente russo Putin. L’annuncio del presidente serbo arriva mentre l’Unione europea sta cercando di eliminare gradualmente le forniture energetiche russe. È probabile che l’accordo venga firmato durante la visita del ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, a Belgrado, che si terrà all’inizio di giugno.

La Serbia dipende quasi interamente dal gas russo e le sue principali compagnie energetiche sono di proprietà della maggioranza russa. Gazprom Neft e Gazprom detengono insieme una quota di maggioranza nell’unica compagnia petrolifera del paese, mentre Gazprom è l’azionista di maggioranza nell’unico impianto di stoccaggio del gas del paese.

Vucic alimenta la propaganda pro-Cremlino

Vucic afferma di voler portare la Serbia nell’Unione europea. Tuttavia, ha passato gli ultimi anni a stringere legami sempre più stretti con la Russia. Il presidente serbo amplifica la propaganda pro-Cremlino. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la Serbia si è rifiutata di condannare esplicitamente la decisione di Mosca e non ha anche aderito alle sanzioni occidentali contro la Russia. “L’accordo raggiunto dal presidente Vucic con il presidente Putin è la prova di quanto sia rispettata la decisione della Serbia di non partecipare all’isteria anti-russa“, ha detto il ministro dell’Interno Aleksandar Vulin. “Il leader libero, le persone libere, prendono decisioni che sono buone per la Serbia e non accettano ordini dall’Occidente“, ha aggiunto. Diversi sondaggi mostrano che la maggioranza dei serbi preferirebbe aderire ad una sorta di unione con la Russia piuttosto che con l’UE.


Leggi anche: Sri Lanka: petrolio russo per alleviare le carenze