La Russia “ottimizza” il personale diplomatico in Ucraina

0
555
Severodonetsk: i russi hanno il totale controllo della città

Cresce la paura di una possibile invasione russa dell’Ucraina. La Russia “ottimizza” il personale diplomatico in Ucraina per paura di provocazioni da parte di Kiev o altre parti. Gli USA hanno evacuato l’ambasciata americana a Kiev. L’Unione europea ha invece approvato ulteriori aiuti finanziari all’Ucraina.

Crisi ucraina: crescono le tensioni

Crescono le tensioni al confine russo-ucraino e cresce la paura di una possibile imminente invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Il presidente americano Joe Biden ha chiesto ai cittadini statunitensi di lasciare entro immediatamente l’Ucraina. Il Dipartimento di Stato americano ha emesso un avviso nel quale ha annunciato che l’ambasciata americana a Kiev è stata evacuata a causa della minaccia di un’invasione russa. “Il 12 febbraio 2022, il Dipartimento di Stato ha ordinato la partenza della maggior parte dei dipendenti statunitensi assunti direttamente dall’Ambasciata di Kiev a causa della continua minaccia di un’azione militare russa”si legge nell’avviso.

L’avviso di livello quattro ha anche esortato i cittadini statunitensi a non recarsi nell’area e coloro che rimangono nel paese ad andarsene “immediatamente“. Il Dipartimento di Stato ha anche aggiunto che domenica l’ambasciata a Kiev interromperà tutti i servizi consolari e l’ambasciata “manterrà una piccola presenza consolare a Leopoli, in Ucraina, per gestire le emergenze, ma non sarà in grado di fornire passaporti, visti o servizi consolari di routine”.

La Russia “ottimizza” il personale diplomatico a Kiev?

La Russia ha annunciato di aver deciso di “ottimizzare” il numero del suo personale diplomatico in Ucraina, temendo “provocazioni” da parte di Kiev o di altre parti. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha affermato che ciò significa che sarà ridotto il numero del personale. Tuttavia ha sottolineato che l’ambasciata e i consolati in Ucraina continueranno a svolgere le loro funzioni chiave.  

UE approva gli aiuti all’Ucraina

Gli ambasciatori presso l’UE hanno approvato la proposta della Commissione di fornire 1,2 miliardi di euro di ulteriore assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. “Ciò significa che la proposta potrebbe essere accelerata al Parlamento europeo con l’obiettivo di adottare il testo il prima possibile. Intende fornire un rapido sostegno in una situazione di crisi acuta e rafforzare la resilienza dell’Ucraina“, si legge nel comunicato dell’UE. “Le attuali tensioni geopolitiche stanno avendo un effetto negativo sulla stabilità economica e finanziaria dell’Ucraina. Le persistenti minacce alla sicurezza hanno già innescato un sostanziale deflusso di capitali. L’Ucraina sta perdendo l’accesso ai mercati internazionali dei capitali a causa dell’accresciuta incertezza geopolitica e del suo impatto sulla situazione economica. L’UE sostiene l’Ucraina, anche economicamente. Le attuali tensioni geopolitiche stanno avendo un grave impatto economico sull’Ucraina”, prosegue il comunicato. Il testo deve essere adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio prima che possa entrare in vigore.


Leggi anche: Crisi ucraina: atteso nuovo colloquio Biden-Putin