Il posticipo domenicale della 26° giornata di serie A vede l’Inter, davanti a  58652 tifosi,  affrontare in casa la Roma.

Ci sono alcune sorprese nelle formazioni iniziali delle due squadre: Pioli sceglie di mandare in panchina Ansaldi, schierando la difesa a 3, mentre rientra dalle due giornate di squalifica Icardi, supportato alle sue spalle dal duo Brozovic-Joao Mario e sulle due fasce laterali da Candreva e Perisic. Il tecnico nerazzurro non può inoltre disporre dello squalificato Miranda, mentre Murillo ha smaltito il fastidio muscolare rimediato a Bologna.

Il tecnico giallorosso Spalletti mette in campo  una squadra a trazione anteriore con Dzeko unica punta e in difesa si affida a Juan Jesus che sostituisce un acciaccato Emerson.

La Roma si trova attualmente a -10 dalla Juventus, che ha vinto anche sabato sera contro l’Empoli, mentre l’Inter vincendo potrebbe risalire a 3 punti dal terzo posto, dopo la sconfitta del Napoli contro una sorprendente Atalanta. La Roma vuole assolutamente non distanziarsi ancora dalla capolista, mentre la squadra di Pioli spera di avvicinarsi alla Champions e continuare l’incredibile rimonta.

Al 4’ salvataggio di Federico Fazio, autore di un’ottima partita, che con classe recupera il ritardo su Icardi solo in area, lanciato da un bel tiro di Gagliardini.

L’Inter cerca di pressare molto basso in maniera tale da non concedere terreno di gioco alla Roma.

Al 6’ viene ammonito Perisic per comportamento antisportivo. Il difensore infatti si alza la palla con il piede e la appoggia di testa ad Handanovic. Il gesto ricorda l’ingenuità che ha visto come protagonista Verratti, ammonito pure lui quando si è letteralmente sdraiato per recuperare il pallone.

All’8’ c’è un’occasione per i giallorossi con Salah che viene lanciato in area da Dzeko, ma il suo tiro trova la respinta di Handanovic.

Al 12’ gol capolavoro di Radja Nainggolan, alla sua ottava rete stagionale. Dopo un triangolo con Dzeko, il centrocampista belga si allarga, salta Gagliardini, rientra, si accentra e tira forte a giro sul secondo palo. E’un missile preciso e potente che sblocca la partita. Da segnalare anche l’ottimo lavoro di protezione compiuto dall’attaccante bosniaco.

 

 

 

Al 13’ l’Inter risponde subito in contropiede con una volata di Perisic sulla fascia che crossa per Joao Mario che va a colpo sicuro in area, ma il suo sinistro è deviato in angolo da Manolas che si immola.

La partita è viva e dinamica e i ritmi delle due squadre sono alti.  Si passa da una parte all’altra del campo in maniera repentina. La Roma sfrutta l’ampiezza e la profondità, è messa molto bene in campo e alza sempre il baricentro. Sono i giallorossi a tenere in mano le redini del match.

Al 26’ Salah tenta il raddoppio con un sinistro dai 25 metri che viene murato da Medel.

C’è un possesso continuato da parte della squadra di Spalletti.

Al 30’ fallo in attacco di Joao Mario che travolge Szczesny quando il portiere aveva già bloccato la palla a due mani.

Al 36’ bellissima parata di Handanovic su Edin Dzeko che sfiora il raddoppio con un tiro a colpo sicuro che passa in mezzo alle gambe di Murillo. D’Ambrosio poi salva in angolo sul sopraggiungere di Salah.

La superiorità della Roma a questo punto della partita è schiacciante.

Al  40’ c’è il primo giallo del match: ammonito De Rossi per un fallo su Gagliardini a centrocampo.

Al 43’ Salah serve col petto Strootman,che la gira a Bruno Peres, crossa per Dzeko, con Murillo che buca l’intervento. Dzeko fa da sponda per Salah, ma il tiro dell’egiziano incontra una gran chiusura di Perisic.

La Roma negli ultimi minuti del primo tempo gioca molto sulle ripartenze.

Al 45’ ultimo guizzo per l’Inter con Brozovic che da posizione centrale tira, ma Szczesny devia in angolo.

L’Inter fatica a trovare profondità ed ampiezza, anche se negli ultimi minuti tenta di ribaltare il risultato.

La ripresa vede subito una doppia occasione per i nerazzurri: al 49’ Candreva calcia in area, dopo una triangolazione con Brozovic, ma il portiere giallorosso devia in angolo e al 50’ il tiro di Perisic viene bloccato da un provvidenziale recupero di Bruno Peres.

Al 54’ al posto di uno spento Brozovic entra Eder, che si posiziona alto  vicino a Icardi per mettere pressione sui centrali giallorossi.

Al 56’ 2-0 della Roma ancora con Nainggolan che fa tutto da solo. Il numero 4 giallorosso salta Gagliardini e dai 25 metri, dopo una corsa di 60 metri palla al piede, tira una fucilata potentissima di collo pieno a quasi 100 kmh che si infila nell’angolo destro della porta di Handanovic. Da evidenziare anche il taglio di Salah che gli porta via D’Ambrosio. Polemiche per una spinta di Nainggolan ai danni di Gagliardini in elevazione. Il centrocampista sale a quota 9 gol in campionato, 12 in totale e  va in rete con regolarità da quattro gare di fila in campionato.

Al 59’ un destro di Eder dai 25 metri viene deviato da Candreva sul fondo

Al 64’ Perisic crossa basso per Icardi che anticipa Manolas, ma l’attaccante colpisce al volo con poca precisione e il pallone finisce alto.

Al 68’ Perotti prende il posto di Salah. L’argentino è chiamato a gestire bene i tempi di inserimento e ad attaccare la profondità.

L’Inter continua a provare ad inserirsi con le due ali larghe, ma Manolas e Rudiger sono molto bravi a limitare i tentativi nerazzurri.

Al 71’ rigore netto per l’Inter non fischiato dall’arbitro Tagliavento. La palla dal corner arriva a Kondogbia che manca la conclusione a due passi dalla porta e poi Eder viene fermato fallosamente da Strootman.

Al 73’ Perotti crossa per Dzeko che di testa colpisce altissimo sopra la traversa da ottima posizione.

L’Inter mostra grinta, orgoglio e voglia di rimettere in discussione il risultato, senza lasciarsi abbattere dal rigore ingiustamente non concessole.

Al 75’ Pioli manda in campo Gabigol (esce Candreva), alla ricerca del suo primo gol a San Siro, dopo quello segnato nella scorsa giornata di campionato a Bologna.

Al 79’ una punizione calciata da De Rossi viene alzata di testa sopra la traversa da Manolas, lasciato tutto solo. Il difensore greco spreca l’opportunità di chiudere in maniera definitiva la partita.

All’81’ Gagliardini serve con un filtrante Perisic, che la mette dentro per Icardi. L’attaccante argentino si allunga in spaccata e devia la palla in rete, riaprendo la partita a 10 minuti dalla fine e dimostrandosi un finalizzatore pazzesco in area di rigore.    1-2.

All’84’ Rigore per la Roma: Dzeko viene travolto in area da Medel. Perotti non sbaglia dal dischetto: 3-1 per i giallorossi.

Al 93’ occasione per Eder che nell’area piccola tira addosso al portiere.

Una Roma molto aggressiva travolge l’Inter, espugnando il Meazza e consolidando il secondo posto a -7 punti dalla capolista Juve. L’Inter viene superata in classifica da Lazio e Atalanta e ora è sesta a -6 dal Napoli. I giallorossi hanno mostrato più compattezza e solidità, maggiore qualità e anche una difesa più attenta e sicura rispetto a quella nerazzurra che risente dell’assenza di Miranda.

La Juventus è certamente lontana, ma la Roma ha dato l’impressione di non volersi dare per vinta nella corsa scudetto.

TABELLINO

INTER ROMA 1-3

MARCATORI: 12’, 56’ Nainggolan (R) ,81’ Icardi (I), 84’Perotti (R) su rigore

INTER (3-4-2-1): Handanvic; Murillo, Medel, D’Ambrosio; Candreva (75’ Gabigol), Gagliardini, Kondogbia, Perisic; Brozovic (53’ Eder), Joao Mario (80’Banega), Icardi. A disposizione: Carrizo, Andreolli, Palacio, Biabiany, Ansaldi, Sainsbury, Santon, Nagatomo).

Allenatore: Pioli

ROMA (3-4-2-1): Szczesny; Rudiger, Fazio, Manolas; Bruno Peres (89’ Vermaelen), De Rossi (54’ Paredes), Strootman, Juan Jesus; Salah (71’ Perotti), Nainggolan; Dzeko. A disposizione: Lobont, Alisson, Grenier, Totti, Mario Rui, Gerson, Emerson , El Shaarawy.

Allenatore: Spalletti

ARBITRO: Tagliavento di Terni

AMMONITI: Perisic (I), Fazio (R) e Murillo (I) per comportamento non regolamentare, De Rossi (R) per gioco scorretto

 

 

 

 

 

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here