La rabbia: nasce se sentiamo il bisogno di difenderci contro la sofferenza

0
190

Se vedi il rosso e hai la rabbia, di fronte alla maleducazione, o pensi di essere aggredito, questo potrebbe essere il motivo. Ce lo spiega, Shelley Treacher, terapeuta e membro del Counseling Directory.

La rabbia: un meccanismo di difesa

Mentre alcune risposte possono essere il risultato di una brutta giornata, un momentaneo errore di giudizio o una reazione appropriata all’aggressività di qualcun altro, in alcuni casi, la rabbia perpetua può derivare da altrove. Per le persone sempre preparate, o addirittura in cerca di confronto, questo può essere spesso collegato all’infanzia. Il modo in cui veniamo nutriti nei nostri anni formativi ha un grande impatto sul modo in cui ci comportiamo da adulti. I bambini che vengono lasciati soli ad affrontare la risoluzione dei problemi possono lottare per regolare le proprie emozioni, sia nell’infanzia che nell’età adulta. E i legami tra rabbia e abbandono dell’infanzia sono ben documentati .

Essere isolati per lunghi periodi da bambino

Sia perché i genitori devono lavorare, avere responsabilità di cura o altri impegni, può lasciare i giovani a dover risolvere i problemi da soli, facendoli sentire più stressati, ansiosi e arrabbiati. La ricerca mostra che l’isolamento sociale danneggia non solo le funzioni fisiologiche del corpo, ma anche lo sviluppo delle cellule di supporto del sistema nervoso, che a sua volta influisce sullo sviluppo del funzionamento cognitivo. Quindi, mentre alcuni di questi bambini potrebbero diventare più abili nel gestire lo stress e gestire le proprie emozioni da soli, per altri può essere un percorso più difficile.

La rabbia potrebbe sorgere in loro un po’ più facilmente

Quanto non sarebbe la loro controparte poiché non hanno mai avuto lo sbocco per esprimere le proprie emozioni durante l’infanzia. Dom* era un figlio unico che può relazionarsi. Il 34enne londinese, che lavora per una casa editrice, dice: “I miei genitori lavoravano molto, quindi sono rimasto molto solo, anche a otto anni. Quindi ho dovuto badare a me stesso. “Sono stato anche vittima di bullismo a scuola e ho cambiato scuola più volte, durante la mia adolescenza ho sviluppato problemi di salute mentale e ho dovuto affrontarli da solo. Da adulto, mi sento come se avessi sempre un filo sulla spalla, perché voglio difendere me stesso e avere le mie spalle, e sono disposto a fare di tutto per proteggermi”.

Shelley Treacher, terapeuta e membro del Counseling Directory

Afferma che il modo in cui siamo stati trattati da giovani può influire sul modo in cui agiamo in seguito. Dice a HuffPost: “Durante l’esplorazione della rabbia, dell’irritazione o della frustrazione, in terapia, ciò che spesso emerge è la sensazione di essere stata trattata ingiustamente durante l’infanzia o in passato. “La rabbia si manifesta come un modo per mostrarci che qualcosa non va. Succede quando sentiamo il bisogno di difenderci ed è una protesta contro la sofferenza. Può anche dare molto potere ad arrabbiarsi. Questo è un antico strumento di sopravvivenza”. Aggiunge che quando sei giovane, non hai sempre la piattaforma per provare ed esprimere quei sentimenti, soprattutto se non c’è nessuno a cui mostrare le tue emozioni, ad esempio genitori e/o tutori.

La rabbia: deriva da un trattamento non giusto?

“Quando sperimentiamo un trattamento ingiusto o doloroso all’inizio della vita, spesso non possiamo reagire. Di solito è considerato troppo pericoloso farlo”, aggiunge Treacher. “Ci confondiamo tra giusto e sbagliato. Quindi, il risentimento cresce nei nostri sistemi. In una famiglia o in una cultura che valorizza il controllo delle emozioni, possiamo anche sopprimere i nostri sentimenti per poter funzionare nella vita.“Ma, come una pentola a pressione, la rabbia è pronta ad esplodere ogni volta che un trattamento ingiusto viene percepito più avanti nella vita. Purtroppo, questo può spesso essere una proiezione e un malinteso”. Spiega come il sistema nervoso sia pronto per una risposta di “lotta”. Ogni volta che percepisce una minaccia o qualcosa di simile al maltrattamento originale. Questo spiega improvvisi scoppi di rabbia fuori luogo, o “essere sulla difensiva”.

Quindi, come puoi ottenere questa risposta, se non del tutto?

Treacher aggiunge: “Questa reazione è fisiologicamente impossibile da controllare, senza una pratica coerente di autoregolazione consapevole e la comprensione della ferita originale. “Molti di noi sono continuamente alla ricerca di scuse o di un trattamento equo nel presente, quando in realtà ciò che ripetiamo continuamente è il desiderio che il dolore originale venga riconosciuto e guarito”.

La rabbia è un’emozione naturale

Può essere catartico da rilasciare, ma l’importante è eseguirla in modo sano e comunicativo, invece di esplodere e causare danni irreversibili. Se sei più incline agli sfoghi, puoi anche provare esercizi meditativi in ​​cui respiri e conti fino a cinque prima di rispondere. Se è un problema perpetuo, allora potrebbe valere anche la pena parlarne con i propri cari e con un terapeuta.