La poliomielite: è tornata negli USA, ecco come fare per proteggersi

0
372

Fino a poco tempo, la poliomielite era una reliquia della storia negli Stati Uniti Un tempo flagello che paralizzava o uccideva fino a decine di migliaia di bambini ogni anno, gli Stati Uniti dichiararono la malattia ufficialmente eradicata nel 1979, grazie alla vaccinazione diffusa.

Ma la poliomielite è tornata

Il 21 luglio 2022, il Dipartimento della Salute dello Stato di New York ha annunciato un caso di poliomielite in un uomo non vaccinato nella contea di Rockland. Da allora il poliovirus è stato trovato nelle acque reflue sia di Rockland che nella vicina Orange County, nonché a New York City.

Lo sviluppo ha portato ad un giustificato allarme

“Anche un singolo caso di poliomielite paralitica rappresenta un’emergenza sanitaria pubblica negli Stati Uniti”, scrive un gruppo di ricercatori in un rapporto pubblicato il 16 agosto sul Morbidity and Mortality Weekly Report . La linea di fondo è che chiunque non sia completamente vaccinato contro la malattia dovrebbe aggiornarsi immediatamente sulle vaccinazioni. Ecco cosa sapere su cosa significa per la tua salute il riemergere della poliomielite negli Stati Uniti.

Poliomielite: la paura aumenta a New York per la possibile diffusione

Una breve storia recente della poliomielite

Fino al 1988, la poliomielite era una minaccia mondiale: endemica in 125 paesi e causava una media di 350.000 casi paralitici o letali ogni anno, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Fu quell’anno che l’Assemblea Mondiale della Sanità istituì la Global Polio Eradication Initiative con l’obiettivo di spazzare via la malattia, proprio come il vaiolo era stato ufficialmente eradicato nel 1980.

I mezzi per la fine della poliomielite sarebbero gli stessi del vaiolo: la vaccinazione mondiale

La strategia ha funzionato straordinariamente bene. Oggi, la poliomielite è endemica solo in due paesi, Afghanistan e Pakistan, che hanno registrato solo 18 casi tra di loro quest’anno, secondo l’Iniziativa. Ma ci sono problemi con quella storia di successo generale e coinvolgono la stessa campagna di vaccinazione.

Cos’è la poliomielite da vaccino?

Esistono due tipi di vaccino antipolio: il vaccino antipolio orale (OPV), che, come suggerisce il nome, viene somministrato per gocce alla bocca; e il vaccino antipolio inattivato (IPV), che viene somministrato per iniezione. L’IPV utilizza un poliovirus ucciso per familiarizzare il sistema immunitario con la malattia e prepararlo a reagire se dovesse mai incontrare un virus vivente. L’OPV utilizza un virus attenuato, indebolito al punto da poter svolgere lo stesso lavoro di adescamento del sistema immunitario senza effettivamente causare la malattia.

Il grande vantaggio dell’OPV

E’ che è più economico e molto più facile da somministrare, rendendolo il vaccino preferito per le campagne di inoculazione di massa. Lo svantaggio è che in occasioni estremamente rare, il virus indebolito può tornare alla virulenza, causando la malattia nella persona che ha ricevuto le gocce o consentendo al virus rianimato di essere sparso nelle feci della persona infetta e di circolare nelle acque reflue, portando alla possibilità della cosiddetta poliomielite da vaccino in altri.

Il ritorno alla virulenza è raro

Dal 1988, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi, sono stati prevenuti 18 milioni di casi di poliomielite con la vaccinazione e 1,5 milioni di vite sono state risparmiate. Dal 2000, riferisce l’UNICEF , nel mondo sono state somministrate 10 miliardi di dosi di OPV. Misurata rispetto a questi numeri, la poliomielite derivata dal vaccino è a basso rischio, con un totale di 540 casi globali finora quest’anno, escluso il caso negli Stati Uniti, e un recente anno di picco che si è verificato nel 2020 , quando sono stati segnalati 1.100 casi a livello globale. In genere, ci sono molti meno casi in un dato anno.

Per eliminare il problema a livello nazionale

Gli Stati Uniti hanno smesso di utilizzare l’OPV nel 2000 e sono passati esclusivamente all’IPV. Ma ciò non impedisce che i ceppi derivati ​​dal vaccino vengano importati da viaggiatori dall’estero o da un residente negli Stati Uniti che ha viaggiato all’estero, ha raccolto il virus da qualcuno che aveva ricevuto l’OPV e lo ha riportato a casa. La digitazione del virus trovato nell’uomo della contea di Rockland ha mostrato che si trattava effettivamente di un ceppo derivato dal vaccino a causare la malattia.

Non importa come il virus sia arrivato qui

Ora è tra noi e non è necessariamente limitato all’approvvigionamento idrico in sole tre regioni di New York. Se un viaggiatore potesse portarlo in uno stato, altri viaggiatori potrebbero portarlo ovunque. “Il fatto che lo troviamo nelle acque reflue ti dice che è più comune di quanto la gente apprezzi”, afferma Ian Lipkin, professore di epidemiologia alla Mailman School of Public Health della Columbia University. “Stiamo guardando la punta dell’iceberg.” Aggiunge il virologo Vincent Racaniello della Columbia University School of Medicine: “Sospetto che sia già in molti, molti posti negli Stati Uniti In effetti, penso che se guardiamo in ogni grande città degli Stati Uniti, troveremo la poliomielite derivata dal vaccino in le fognature di sicuro”.

I tassi di vaccinazione contro la poliomielite sono spaventosamente bassi

Le linee guida sui vaccini richiedono che i bambini ricevano tre vaccinazioni contro la poliomielite entro i due anni per essere considerati completamente vaccinati. Ma l’adozione del vaccino contro la poliomielite negli Stati Uniti non è all’altezza. Nella contea di Rockland, poco più del 60% dei bambini idonei ha ricevuto le tre dosi.

Questi tassi variano notevolmente all’interno della contea

In un codice postale, solo il 37% dei bambini viene vaccinato secondo il rapporto del 16 agosto .) Nella contea di Orange, meno del 59% dei bambini è completamente vaccinato. A New York City, le tariffe sono molto più alte, a circa l’ 86% , ma la media varia in base al distretto, con Manhattan che raggiunge il 91% e Brooklyn che segue gli altri distretti all’81%. I tassi di vaccinazione in tutto lo stato sono appena inferiori al 79%.

A livello nazionale, le cifre sono più alte

Con il 92,6% dei bambini completamente vaccinati entro i due anni, secondo il CDC . Ma anche qui ci sono differenze locali; per esempio, solo il 79,5% dei bambini in Oklahoma, insieme all’80,3% nella Carolina del Sud, sono completamente vaccinati. Ciò preoccupa gli esperti perché ogni bambino non vaccinato è a rischio di diventare una vittima della poliomielite e un serbatoio per il virus. Per ogni caso di poliomielite paralitica, è probabile che siano infette fino a altre 200 persone che non mostrano segni del virus o che presentano lievi sintomi di raffreddore o simil-influenzale. Ognuno di loro è un vettore virale ambulante. “La maggior parte delle persone infette dalla poliomielite non ha sintomi”, afferma Lipkin. “Non sono nemmeno consapevoli di essere infetti, ma possono trasmettere la malattia”.

Anche le persone che sono state vaccinate contro la malattia con l’IPV

Che è l’unico tipo di vaccino antipolio utilizzato negli Stati Uniti, possono potenzialmente eliminare il virus. L’OPV stabilisce ciò che è noto come immunità intestinale, il che significa che, supponendo che una persona non sia tra i pochi in cui il poliovirus ritorna al suo stato virulento, non c’è replicazione virale nel sistema intestinale, e quindi non c’è virus infettivo sparso in feci. Ma l’IPV, poiché deve essere iniettato per essere efficace, non fornisce immunità intestinale, il che significa che se una persona vaccinata con IPV raccoglie un ceppo derivato dal vaccino, quel virus attivo può riprodursi nell’intestino ed essere eliminato.

Ciò non rappresenta alcun rischio per la salute di una persona vaccinata con IPV

Ma può contribuire involontariamente alla diffusione del virus se entra in contatto con esso. “Non sviluppi la poliomielite” se hai il vaccino IPV, “perché una volta che il virus entra nel tuo sangue, il tuo sistema immunitario se ne prenderà cura”, dice Racaniello. “Ma il virus può riprodursi nel tuo intestino e tu puoi spargerlo e può finire nelle acque reflue in quel modo”.

Cosa puoi fare per ridurre il rischio per la poliomielite

La ricomparsa della poliomielite non significa necessariamente che una diffusione nazionale della malattia sia imminente. Ma è un campanello d’allarme che i bambini e gli adulti non vaccinati devono farsi vaccinare ora. “La soluzione al problema è solo assicurarsi di essere vaccinati”, afferma Racaniello. “Perché se sei vaccinato, non svilupperai la poliomielite”.

La buona notizia è che entrambi i vaccini contro la poliomielite

Sono straordinariamente efficaci e di lunga durata. Se le persone hanno ricevuto un ciclo completo di entrambi i vaccini da bambini, non hanno bisogno di ricevere un richiamo ora. “Chiunque abbia avuto una serie completa di vaccinazioni antipolio non ha bisogno di un richiamo”, afferma Racaniello. “L’immunità alla poliomielite conferita dalla vaccinazione dura una vita”. Questo, sottolinea, è vero sia che tu abbia ricevuto l’IPV o l’OPV durante l’infanzia.

Ciò non significa che i booster per la poliomielite non siano mai necessari

Le persone che viaggiano in aree ad alto rischio, come l’Afghanistan, il Pakistan o uno qualsiasi dei paesi che hanno visto alti tassi di poliomielite derivata da vaccini, come la Nigeria, che ospita 238 dei 540 casi globali quest’anno, dovrebbero prima ricevere un booster, dice Lipkin. Per la maggior parte delle persone, però, il riemergere del poliovirus negli Stati Uniti non rappresenta un pericolo, grazie al semplice strumento preventivo dei vaccini.