La poesia delle fiabe: otto poeti raccontati ai bambini

Otto dei poeti più famosi raccontati ai bambini. A farlo è Stefano Accorsi in collaborazione con "Parole note"

0
922
La poesia delle fiabe

Dall’11 dicembre, su tutti i digital store è possibile ascoltare “Parole note: la poesia delle fiabe“. La voce narrante è quella dell’attore Stefano Accorsi. Lo scopo di questo progetto? Avvicinare i bambini a otto dei poeti più famosi della storia. Rendendo le loro vite delle fiabe originali.

Che cos’è il progetto “Parole note“?

Parole note” è un progetto discografico nato nel 2010. Voluto da Maurizio Rossato, uno degli obiettivi è quello di unire insieme vari tipi d’arte. Quasi di farli collaborare, in un certo senso. Al centro del progetto vi sono la poesia e la recitazione. Infine, vi è la musica. Ogni poesia è infatti accompagnata da un brano originale. Si è spesso sentito parlare di “Poesia in musica“. Soprattutto per i testi di quelle canzoni che sembrano delle vere e proprie poesie. “Parole note” fa un po’ sua questa definizione. In una maniera differente, certo. Forse quasi letteralmente. I primi tre dischi hanno infatti come sottotitolo “Un nuovo dialogo tra musica e poesia“. Mentre “Atomi“, “Particelle” e “Molecole” sono i titoli veri e propri. Questi tre dischi poi sono stati pubblicati tra il 2010 e il 2016. Molti personaggi famosi hanno appoggiato questo progetto. Recitando quindi queste poesie in musica.

Parole note: la poesia delle fiabe“: i grandi poeti raccontati ai bambini

Il progetto di quest’anno è invece dedicato ai bambini. In particolare quelli che si trovano nella fascia d’età tra i 4 e i 12 anni. Come già accennato, infatti, l’obiettivo è quello di avvicinare i bambini a otto dei poeti più celebri. Come, per esempio, Giacomo Leopardi. Oppure Emily Dickinson. Non solo poeti italiani, quindi, ma di diverse nazionalità. Ne “La poesia delle fiabe” le loro vite diventano delle fiabe. In modo da renderle più accattivanti per i piccoli ascoltatori. Come nei primi tre dischi, ogni favola è accompagnata da un brano musicale inedito. La durata dei racconti è tra i sei e i nove minuti. A raccontare questi poeti è Stefano Accorsi. Ancora una volta poesia, recitazione e musica si incontrano. In un modo tutto nuovo, però. Riuscendo non solo a suscitare curiosità nei bambini, ma anche a emozionare i più grandi.

Perché “La poesia delle fiabe” è un progetto importante?

Avvicinare i bambini alla poesia è fondamentale. Soprattutto è importante che lo facciano in maniera attiva. Imparare a memoria le poesie può essere utile fino a un certo punto. Questo metodo aiuta a migliorare la memoria. Non basta, però. È necessario che i bambini imparino a conoscere la poesia anche da un altro punto di vista. E “Parole note: la poesia delle fiabe” fa proprio questo. Questo progetto riesce a raccontare la vita dei poeti in modo originale. E lo fa tenendo conto del pubblico scelto. Perché, quindi, è così importante “La poesia delle fiabe“? Perché è un primo passo verso il mondo delle poesie. Anche verso quello della cultura in generale. Un mondo che non è così differente da quello interiore dei bambini. E che permette loro di conoscere altre realtà. In modo da sensibilizzarli e formare un loro pensiero critico.

Parole note: la poesia delle fiabe” e Save the Children

Un altro obiettivo di questo progetto è quello di appoggiare la campagna “Proteggiamo i bambini” di Save the Children. Come si può leggere sul sito di Deejay.it, l’intento della campagna è quello di aiutare molti bambini. In particolare quelli colpiti dalla crisi economica e sociale causata dalla pandemia. In modo che possano avere di nuovo il cibo necessario. Così come la possibilità di andare a scuola. Insomma, “Parole note: la poesia delle fiabe” è importante non solo da un punto di vista culturale. Anche (e soprattutto) da quello umano.