La Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra come sempre, eppure ad un certo punto, accade qualcosa di strano: dal portellone esce un astronauta russo senza imbracature di sicurezza e viene spinto alla deriva. Sembra una scena tratta dal film Gravity, eppure è accaduto davvero, nel 2006: gli astronauti dell’ISS hanno infatti lanciato una delle tute spaziali russe lasciandola orbitare attorno alla Terra per 7 mesi prima di bruciare nell’atmosfera.
La tuta, chiamata SuitSat-1, è stata utilizzata come una sorta di bizzarro satellite: è stata infatti lanciata dai due membri dell’equipaggio Bill McArthur e Valery Tulare durante la loro passeggiata spaziale della durata di 6 ore.
L’idea è venuta agli astronauti russi, che hanno pensato di trasformare una vecchia tuta in qualcosa di utile: al suo interno sono state inserite 3 batterie, un radiotrasmettitore e dei sensori per misurare temperatura e la carica delle batterie. Nonostante qualche problema iniziale, è stata utilizzata per trasmettere dati e informazioni in 6 lingue ai radioamatori di tutto il mondo. Dopo aver orbitato 7 volte intorno al pianeta, ha dato segni di malfunzionamento, finché non è entrato nell’atmosfera dissolvendosi sui cieli dell’Australia. In ogni caso SuitSat-1 è stato un successo e la NASA progetta di fare il bis con un SuitSat-2 prossimamente.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here