PARTE I — > https://www.periodicodaily.com/la-nostra-generazione-dei-pigri/?fbclid=IwAR3JJwTzLaO1FcOPxMf5_xUAaUO-F4ue8hC76nvrlQcOiYyC7hmDnwCMUMk

RIEPILOGO:

Su Facebook abbiamo una grande quantità di meme, creati e messi a disposizione pubblicamente con l’unico scopo della condivisione, dalle pagine più popolari come #alphawoman, #ilvomitorio, #nonfareniente ecc. ecc. Se raggruppiamo tutti i meme di tutte le pagine sopracitate, notiamo che hanno un solo filo conduttore: la pigrizia. Oggi ho raggruppato 7 meme e li ho fatti commentare da ragazzi della stessa generazione, ai quali ho visto condividere spesso questi meme-immagini sui social.

Vi presento Federica, Chiara, Davide, Aldo, Francesca e Wendy.


Wendy: Tristemente vera. Fa ridere, però poi a pensarci mi viene da dire: Ho problemi. A meno che non si tratti di qualcosa di noioso: in quel caso il senso di liberazione è una goduria.

Davide: lo faccio tutte le volte che non ho voglia di uscire nonostante abbia preso un impegno poco prima.

Federica: Uà sempre …. sono una persona molto pigra e spesso la pigrizia mi sale tipo l’ultima mezzora per cui mannaggia proprio in quell’ultima mezz’ora c’è stato un contrattempo.

Aldo: Si È capitato quando stavo o sto giù di morale.

Francesca: In realtà, nonostante la pigrizia, cerco di non annullare degli impegni, soprattutto all’ultimo minuto. Devo ammettere, però, che ho avuto la fortuna di ricevere il messaggio “alla fine non facciamo niente” proprio mentre mi lamentavo di non voler uscire. Fantastico.

Chiara: Non è proprio questa l’immagine che mi viene in mente, piuttosto mi viene in mente un’immagine di me che saltello per casa dalla felicità di essere riuscita a essere asociale un’altra volta.

Wendy: stressarsi anche per le cose inutili può voler dire qualsiasi cosa. O perché si è perfezionisti, o perché non si è in grado di gestire il proprio tempo e dare la giusta priorità alle cose, non avere un equilibrio. Personalmente mi ritrovo in entrambe le motivazioni.

Davide: decisamente me. Io e lo stress siamo migliori amici, non ci separiamo un attimo.

Federica: Ci stressiamo sempre per cose inutili se ci fai caso … alla fine sono tutte cose risolvibili con poco, tranne pochi gravi casi, eee basta non so più che dire quest’immagine non mi piace…

Aldo: Si Perché a volte mi sento insicuro su cose che poi,a mente lucida,vedo che non valeva la pena stressarti.

Francesca: Assolutamente si, eccomi, it’s me. Non so davvero come giustificare la cosa ma si, io mi fisso anche sulle cose più piccole ed insignificanti. Spero di non essere l’unica.

Chiara: Mi capitano quei giorni in cui piangerei per qualsiasi cosa, tipo il non avere voglia di alzarsi a prendere il telecomando che è lontano da te. Potrei farne un problema enorme.

Wendy: sentirsi stanchi dopo una nottata è normale, abbiamo delle regole fisiologiche precise e se per un giorno capita di interrompere la routine fisiologica di andare a dormire alle 00:00 e svegliarci alle 7:00, è normale che siamo scombussalti. Ma credo che capiti a tutti, a prescindere dalla pigrizia, nessuno da nottata fuori sette giorni su sette.

Davide: anche se ne ho 21 appena compiuti, mi sento sempre così se torno a casa dopo le 3 di notte…

Federica: Sinceramente vedo sempre questi meme che riguardano lo scatafascio mentale e fisico dei giovani dopo i 25 o 30 anni ma penso siano semplicemente stupide perchè a 25 o 30 anni si è ancora giovanissimi e, salute permettendo, ancora capacissimi di divertirsi come quando si aveva 20 anni. Semmai sono le abitudini che cambiano.

Aldo: Premetto che ho 21 anni e si,molte volte mi è capitato Capita anche che mi senta deluso su come sia andata la serata perché avevo altre aspettative.

Francesca: Ti assicuro che con la giusta dose di pigrizia si arriva a questo stato anche prima dei 25 anni. Quelle poche volte che sono stata fuori, o dopo qualsiasi ferragosto/capodanno, il giorno dopo mi sentivo una signora di 80 anni che non riesce neanche ad alzarsi dal letto.

Chiara: Un’immagine perfetta che rispecchia la mia persona, ne ho 22 e da quando ne ho fatti 18 la situazione è sempre la stessa, con la differenza che mi basta uscire qualche ora per stare così.

PARTE III –> https://www.periodicodaily.com/la-nostra-generazione-dei-pigri-iii/

16 COMMENTS

  1. Confermo tutto quello che avevo commentato nella prima parte dell’esperimento.
    Pigrizia (tramite meme) e social sono un matrimonio perfetto che sta in piedi con il minimo sforzo!

  2. Mi sono anche divertita a leggere il secondo pezzo di questo esperimento!!!! Come ti dicevo la volta scorsa , la generazione di oggi mi lascia perplessa!
    Nicoletta

  3. Un bell’esperimento che, però, ha messo in luce un dato assai preoccupante per i giovani di oggi. La pigrizia regna sovrana. La creatività non manca, si potrebbe però creare qualcosa di più ingegnoso.

  4. Ho letto con piacere la seconda parte dell’articolo..e anch io faccio parte del gruppo che ci si sente un pò pigri, spesso e volentieri! 😀
    Leggendo alla fine “TO BE CONTINUED”…leggerò anche il prossimo!!!

  5. Davvero interessante questo esperiment soprattutto visto il coinvolgimento della nuova generazione. Lascia molto spazio alla riflessione sulla proiezione della società futura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here