La Nasa: astronauti coltivano peperoncini a gravità zero

0
304

La Nasa: ha appena compiuto un passo avanti fondamentale. Gli astronauti hanno coltivato il primo lotto di peperoncino a gravità zero. Il primo lotto cresciuto come parte dello studio Plant Habitat-04 in uno degli esperimenti più impegnativi sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Perché coltivare nello spazio?

Quando gli umani si recheranno sulla Luna nel prossimo decennio e, si spera, metteranno piede su Marte, fornire cibo agli astronauti sarà una grande sfida. Le missioni di rifornimento potrebbero richiedere mesi. L’arduo viaggio nello spazio può presentare sfide invisibili. La soluzione su cui stanno lavorando gli scienziati è coltivare il cibo nello spazio.

A cosa serve l’esperimento della Nasa?

La National Aeronautics and Space Administration (Nasa) ha affermato che questo esperimento sulle piante è uno dei più complessi. Fino ad oggi sulla stazione a causa dei lunghi tempi di germinazione e crescita. I ricercatori stanno esaminando i benefici psicologici di vedere, annusare e prendersi cura delle piante in ambienti isolati e a circuito chiuso. “La coltivazione di peperoni nello spazio può anche avvantaggiarci qui sulla Terra. Dimostrando la fattibilità dell’utilizzo delle varietà di peperone esistenti nell’agricoltura in ambiente controllato”, ha detto la Nasa.

Nasa: perché ha ritardato il lancio Spacex?

La Nasa ha scelto i peperoncini: perché?

La scelta dei peperoncini per l’esperimento è dovuto in quanto contengono nutrienti chiave ed è un’ottima fonte di vitamina C. I peperoni sono autoimpollinanti, rendendo il frutto facile da coltivare. La Nasa ha affermato che il peperoncino è facile da maneggiare in condizioni di microgravità ed è una coltura da raccogliere e mangiare che non richiede cottura o lavorazioni complesse. Ha anche bassi livelli microbici, quindi sono sicuri da consumare per gli astronauti. “Pur impiegando molto più tempo per crescere rispetto alle precedenti colture spaziali della Nasa, questa varietà di peperoni matura in pochi mesi ed è cresciuta bene nello spazio limitato disponibile all’interno dell’Advanced Plant Habitat (APH) durante i test a terra”, aveva detto l’agenzia in precedenza.

Tempi lunghi e difficoltà

Coltivarli non è stato facile poiché i ricercatori hanno trascorso due anni a valutare più di due dozzine di varietà di peperoni da tutto il mondo da coltivare nello spazio. L’agenzia ha selezionato il peperoncino Hatch, il nome generico per diverse varietà di peperoncino verde di Hatch, nel New Mexico, che è cresciuto meglio nei test a terra.”Questo pepe è cresciuto meglio nei test a terra nell’APH, adattandosi bene all’agricoltura ad ambiente controllato e battendo altre cultivar di peperoncino Hatch”, ha detto l’agenzia in una nota.

Come è avvenuta la coltivazione degli scienziati della Nasa

Hanno piantato 48 semi in un dispositivo chiamato vettore scientifico, riempito di argilla cotta. Per far crescere le radici con un fertilizzante a rilascio controllato formulato per i peperoni. Il vettore scientifico lanciato sulla ISS a bordo della 23a missione di rifornimento cargo di SpaceX è nell’habitat vegetale della stazione. L’esperimento è iniziato il 12 luglio 2021. Monitorato sia dagli astronauti nello spazio che dai botanici a terra.

Tutti i semi hanno dato frutti

Per garantire che i fiori in orbita vengano impollinati: il team del Kennedy Space Center ha incaricato APH di far funzionare i suoi fan a velocità variabili per creare una leggera brezza. La microgravità ha agitato i fiori e incoraggiato il trasferimento di polline. Nel frattempo, gli astronauti hanno anche effettuato l’impollinazione manuale, in seguito alla quale i fiori di peperoncino si sono sviluppati in frutti. Gli astronauti hanno banchettato con parte del peperoncino rosso e verde cresciuto nello spazio, mentre il resto sarà rimandato sulla Terra per ulteriori analisi.