Rammstein-Manson e la musica maledetta

ATTENZIONE: In questo articolo si parlerà di un caso di cronaca piuttosto cruento, non sarà specificato assolutamente cosa accadde alle vittime, ma è ugualmente un argomento piuttosto delicato e molto duro da digerire. Si parlerà di musica maledetta ma non solo.

20 aprile 1999 – 20 aprile 2019, venti anni dal massacro della Columbine High School.
Due ragazzi Eric Harris e Dylan Klebold, rispettivamente di 17 e 18 anni. studenti della Columbine, mettono in atto un piano terrificante degno di un gruppo di terroristi.

Cento pagine dei loro diari in cui descrissero chi, come e perchè sarebbe dovuto morire. I ragazzi covavano un odio profondo verso quella scuola e verso alcuni dei loro compagni. E’ un evento che sconvolse il tranquillo quartiere del Colorado, dove nessuno si aspetterebbe un caso di cronaca così terrificante.

Eric Harris e Dylan Klebold

Dylan Klebold e Eric Harris

Perchè due giovani ragazzi hanno potuto commettere un atto del genere? Si poteva fare qualcosa per evitarlo? Non c’erano segnali premonitori?
Tante domande arrivate troppo tardi, troppe colpe addossati a chi responsabilità non ne ha: la musica. Si, la musica presa come capro espiatorio in chi non vuol vedere la reale colpevolezza.
Rammstein e Marylin Manson accusati di aver causato la morte degli studenti della Columbine High, la musica maledetta, la musica del demonio che spinge giovani menti all’attuare un massacro.

Eric Harris e Dylan KleboldPrima del Massacro

Il loro piano fu messo a punto lentamente, già due mesi prima i due ragazzi facevano le prove intorno alla scuola prendendo di sorpresa i vari studenti che passavano. Sbucavano da muri/vie, senza farsi notare, d’improvviso saltare davanti alla persona puntandogli le armi contro spaventandoli a morte. Molto probabilmente questo non fu necesseraio per far scattare l’allarme. Sono segni premonitori che qualcosa da li a qualche tempo sarebbe accaduta.

Ma andando a scavare nelle vite dei giovani ragazzi si scopre che anche loro avevano dei sogni.
Eric Harris voleva entrare nell’esercito, era il suo più grande desiderio, ed aveva fatto già domanda per entrare nei Marines. Ma il ragazzo da tempo dava segnali di squilibrio, destando non poca preoccupazione in chi gli stava intorno. Postumo alla sua morte e al massacro è venuto fuori che Harris aveva un disturbo di personalità tale da non avere la minima empatia verso il prossimo. Per quanto riguarda Dylan Klebold, aveva in programma di andare al college, quindi aveva in mente di proseguire gli studi, questo fino a qualche settimana prima del massacro. Anche qui, dopo la sua morte, si è venuto a sapere che il ragazzo stava attraversando un periodo depressivo, sembrerebbe che più volte abbia espresso la volontà di suicidarsi.
I due ragazzi avevano una passione in comune, l’informatica, erano appassionati di tutto ciò che riguardasse il computer ma, a quanto pare, avevano in comune anche qualche altra cosa: Il bullismo. Sembrerebbe che i due ragazzi fossero le vittime preferite dei giocatori della scuola.
Alla fine di tutto il massacro Harris e Klebold si sono suicidati.

La musica maledetta colpevole del massacro

La musica è stata presa di mira dai cristiani conservatori. I ragazzi erano seguaci dello stile goth, una cultura poco ben vista con tanti pregiudizi intorno. Inoltre Marylin Manson, Rammstein e KFMDM.
La musica maledetta è tale perchè il popolo conservatore vuole che sia tale, serve un capro espiatorio per coprire le mancanze delle istituzioni.
Le bands in questione hanno fatto delle dichiarazioni in tal proposito.
Fra le tre band, quella che ebbe la “denuncia” più assurda furono i Rammstein, l’accusa derivò da alcuni gruppi conservatori che asserirono che la R vibrante di Till Lindemann (Il frontman) era un’imitazione del modo di parlare di Hitler. Altro punto che fece puntare il dito sulla band tedesca fu che, sempre in base a delle congetture, i due assassini/suicidi siano stati ispirati dal testo di
Weisses Fleisch (Carne Bianca), la frase incriminata sarebbe:
Du auf dem Schulhof, Ich zum Töten bereit, und keiner hier weiß von meiner Einsamkeit. Rote Striemen auf weißer Haut. Ich tu dir weh, und du jammerst laut.”
Ovvero
Tu nel cortile della scuola, io sono pronto ad uccidere e nessuno qui sa della mia solitudine. Rossi lividi sulla pelle bianca. Io ti faccio male e tu gridi forte.
Nonostante le accuse la band ne uscì sempre pulita e fu, ovviamente, scagionata da ogni accusa. Stessa cosa per le altre band.

I ragazzi erano problematici e con l’idea di fare una strage già due anni prima dell’accaduto. Avrebbero commesso un omicidio anche se avessero ascoltato della musica classica. La mente borderlie di un adolescene va presa di petto e guidata. La musica che viene maledetta è solo un altro modo per gettare fango e incrementare il pregiudizio.

Massacro Columbine High la musica maledetta è la colpevole

Curiosità. Un fatto molto curioso ma che destò perplessità fu un videogame ispirato a questo massacro. inutile dire che le parti in causa lo fecero immediatamente togliere di mezzo

Altri articoli della serie: https://www.periodicodaily.com/category/spettacolo/musica/musica-maledetta/?filter_by=popular

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here