La Musica del Silenzio – Amos Bardi è in realtà Andrea Bocelli

"La Musica Del Silenzio" è un film biografico sulla vita di Andrea Bocelli, nonostante il protagonista abbia lo pseudonimo Amos Bardi. In onda oggi su RAI1.

0
4393

Serata dedicata completamente ai tenori su RAI 1: dopo la messa in onda di una puntata di Techetechete interamente dedicata a Luciano Pavarotti, la prima serata della rete ammiraglia della RAI continua con “La Musica Del Silenzio”, film biografico tratto da un libro autobiografico di Andrea Bocelli in cui tuttavia il protagonista è un personaggio fittizio chiamato Amos Bardi. Bocelli in questo modo parla della sua vicenda personale in terza persona, riuscendo ad ottenere una visuale dall’esterno sulla sua vicenda privata. La regia del film tratto da quest’opera è affidata a Michael Radford, mentre fra gli attori principali troviamo Toby Sebastian, Jordi Molla, Luisa Ranieri ed Antonio Banderas.

La trama de “La Musica del Silenzio” è dunque perfettamente scritta ed interpretata sulla falsa riga della vera vita di Andrea Bocelli, nonostante il protagonista abbia appunto un altro nome. Amos Bardi è un ragazzo ipovedente per via di un glaucoma congenito ma dotato di un grandissimo talento canoro: ad un certo punto egli è costretto ad abbandonare la famiglia per trasferirsi in una scuola dove possa imparare il linguaggio Braile, ma proprio qui subisce un trauma fisico che lo rende completamente cieco. Questo non basta però per scoraggiarlo: la musica dà ad Amos aka Andrea tutta la passione e l’energia che gli serve per andare avanti nella sua esistenza, dritto verso la realizzazione del suo sogno.

Quello Che Non So Di Lei – un intrigante thriller 

Come spesso avviene con questa tipologia di film biografici, la distribuzione cinematografica del film è durata soltanto pochi giorni: 18, 19 e 20 settembre 2017. Successivamente, il film è tuttavia approdato in RAI: un destino simile ai lavori dedicati ad artisti come Fabrizio De André e Mia Martini. Il lavoro di produzione è stato molto attento affinché l’opera fosse coerente con la vita dell’artista, tant’è che è stato girato proprio nelle tre città italiane in cui il tenore è cresciuto: Roma, Pisa, Volterra. Andrea Bocelli appare fisicamente soltanto in una scena di “La Musica del Silenzio”, ma la sua voce narrante ci accompagna durante tutta la durata del lungometraggio – quasi due ore e mezza.

L’appuntamento è quindi sulla prima serata di RAI 1 con i due più grandi tenori che la musica italiana contemporanea abbia avuto: Luciano Pavarotti prima ed Andrea Bocelli dopo. Buona visione.

Commenti