La mente narcisista dei Leader delle sette di culto

0
168

Molte persone sono in preda alle conseguenze di abusi di culto. Le loro storie di vittimizzazione, mi portano a meravigliarmi dei paralleli tra una setta guidata da un narcisista e ciò che un individuo in cerca di cure sopportava attraverso una singolare relazione con un narcisista. Sembra che ci sia un progetto psicologico che i narcisisti maligni possiedono. Una sorta di manuale di istruzioni patologiche che insegna al narcisista a predare sia gli individui che le masse.

Gli orrori di Nxivm

Così, quando gli orrori di Nxivm, una società di marketing a più livelli ha recentemente fatto notizia di abusi di culto, mi sono ritrovato a sperare che la natura surreale di questo tipo di perfido trauma collettivo potesse finalmente essere spacchettata affinché il mondo la vedesse e la riconoscesse come sindrome da abuso narcisistico. A quanto pare, la Nxivm, pubblicizzando la tag line “lavorare per creare un mondo migliore” attraverso i suoi prestigiosi programmi di auto-miglioramento e di sviluppo personale, è stata esposta come una setta distruttiva. Il fondatore di Nxivm, Keith Raniere, è stato condannato a 120 anni di carcere per associazione a delinquere, truffa telematica, lavoro forzato, possesso di pornografia infantile e traffico sessuale. È uscito anche un film di denuncia (Seduced: Inside the NXIVM Cult ), che parla degli abusi che tante star di holliwood hanno subito all’interno della setta.

Che cos’è una setta?

Per spiegare le macchinazioni psicologiche di un leader di una setta narcisisticamente disordinata come Raniere, è fondamentale capire prima di tutto che cos’è esattamente una setta e cosa la distingue da altri tipi di impegno di gruppo. Quando un gruppo di persone si riunisce per venerare un sistema di credenze ideologiche sposato da un leader carismatico deificato, c’è il rischio che questa forma collettiva di culto si trasformi in un’incrollabile obbedienza e in una cieca conformità ai dettami del cammino e del leader.
Questo scenario descrive un culto.

Le tecniche di persuasione

Qualsiasi deviazione o opposizione dalla mente di gruppo di una setta distruttiva si scontra con un aggressivo attacco di punizione, emarginazione o esilio da parte del leader e dei seguaci. Caratterizzati da forme estreme di manipolazione psicologica note come lavaggio del cervello, i leader delle sette sfruttano, estorcono, puniscono ed emarginano.

Controllo mentale

Questo tipo di controllo mentale è prevalente nelle ideologie dominanti, nelle religioni organizzate e nelle organizzazioni di sviluppo professionale apparentemente benevole. Anche le famiglie possono essere distruttivamente simili a culti e infatti molte persone, a causa dei debilitanti abusi familiari, gravitano verso la seducente beatitudine che i culti promettono. Il filo conduttore di tutti i culti è l’uso di tecniche e metodi indicativi della rottura dell’identità di un potenziale discepolo per realizzare la riforma del pensiero. Il bombardamento d’amore, in cui un obiettivo è fatto sentire speciale e amato, è inframmezzato dal terrore e dall’incessante indottrinamento delle credenze assolutistiche.

Sindrome di Stoccolma

Quando “l’amore” è inframmezzato dalla paura si instaura un legame traumatico noto come Sindrome di Stoccolma. Il teorico delle relazioni oggettuali Ronald Fairbairn spiega questo fenomeno attraverso processi di attaccamento in bambini gravemente maltrattati. L’uso della dissociazione per preservare il buon oggetto genitoriale divinizzato è cruciale per la sopravvivenza del bambino maltrattato. L’insopportabile tradimento dell’abuso e del rifiuto deve essere murato e negato. Di conseguenza il bambino incolpa se stesso in modo da preservare il genitore come buono e umano. Dice a se stessa che è la sua cattiveria ad essere responsabile della crudeltà della sua badante.

Induzione collettiva della vergogna nelle sette di culto

Questo le offre la speranza a cui si aggrappa disperatamente. Questa spinta a massimizzare l’attaccamento a coloro che rifiutano e si ribellano, per sopravvivere, si manifesta nell’attaccamento patologico dei seguaci delle sette e delle altre vittime di abusi narcisistici. Attraverso l’induzione collettiva di sentimenti di vergogna e di senso di colpa, i membri della setta vengono controllati e convinti.

Il sistema chiuso delle sette di culto

Si richiede l’incontestabile venerazione degli insegnamenti e delle dottrine. Per raggiungere questo scopo i devoti sono isolati in un sistema chiuso, proibitivo dell’influenza esterna, in modo che i processi di pensiero possano essere controllati. L’uso della privazione sensoriale e la gestione del sonno, del mangiare e dell’uso del bagno sono determinati e fatti rispettare dal leader della setta. La sottomissione al leader e le richieste della setta richiedono che i seguaci taglino i legami con la famiglia e gli amici esterni e smantellino radicalmente gli obiettivi e le attività in cui si sono impegnati prima di unirsi al gruppo.

Take Back your Life

In Take Back Your Life: Recovering from Cults and Abusive Relationships: Lalich & Tobias hanno detto che i leader delle sette impongono, a volte in modo molto dettagliato, come i membri dovrebbero pensare, agire e sentirsi. I membri devono ottenere il permesso di uscire, cambiare lavoro o sposarsi. I leader possono prescrivere cosa indossare, dove vivere, se avere figli, come disciplinare i figli e così via. Sotto la costrizione dell’esperienza di conversione, le persone cambiano rapidamente e spariscono dalle loro famiglie.

Le caratteristiche dei guru

Perché la conversione avvenga, il mentore, l’insegnante, il guru o il leader spirituale designato di una setta deve sembrare più grande della vita e convincente. Come Keith Raniere, i narcisisti psicopatici che possiedono una grandiosità insaziabile possono avere un complesso del messia, alias complesso di Cristo o complesso del salvatore. Al timone di una setta, sono percepiti come un essere speciale, un avatar, un redentore in una missione speciale per salvare l’umanità. Essi sposano la proclamazione assolutista che solo loro hanno la formula per salvare gli altri dalle forze del male nel mondo.

I privilegi

La loro particolarità gli conferisce privilegi unici. Dopo tutto, il leader e il gruppo per procura, sono elitari. Dotato di uno status distinto ed esaltato e al di sopra di questo piano mondano dell’esistenza terrena, il leader della setta non deve rendere conto alle autorità tradizionali come la legge, gli organismi di licenza o anche i codici di condotta standard. In effetti, la malignità del leader della setta narcisistica si riflette nelle strategie e tattiche illecite impiegate per controllare i seguaci.

Le caratteristiche dei soggetti reclutati

Le persone reclutate nei culti sono ritenute utili per l’approvvigionamento sia in termini monetari che attraverso lo status e la conformità. Spesso coloro che sono designati come marchi desiderabili sono cercatori che attraversano le transizioni della vita, desiderando di trascendere il vuoto e le asperità della vita. Sono sedotti dall’esca di superare le imperfezioni della vita. Sono vulnerabili. Alcuni sono già predisposti per essere riforniti a causa di una preparazione precoce.

Lo studio della dottoressa Singer

La professoressa di psicologia Margaret T. Singer ha studiato centinaia di membri di sette e ha studiato le tecniche di controllo della mente utilizzate sui prigionieri dell’esercito americano durante la guerra di Corea. La dottoressa Singer sostiene che i cambiamenti comportamentali estremi visti nei seguaci delle sette sono dovuti a tecniche acquisite dal movimento del potenziale umano, dall’incontro, dall’addestramento alla sensibilità e dai movimenti umanistico-psicologici. In combinazione con l’ideologia delle sette e con metodi di vendita convincenti, i potenziali devoti vengono manipolati e sottoposti a lavaggio del cervello.

Controllo mentale

Anche se consideriamo molti devoti di culto come particolarmente impressionabili, come suggerisce la Dr. Singer, dati gli ingredienti giusti siamo tutti suscettibili al controllo della mente. Per esempio, gli allettanti espedienti del culto della personalità ci spingono a glorificare in massa i leader e le celebrità attraverso campagne mediatiche socialmente organizzate. Siamo sovraccaricati da immagini più grandi della vita e psicologicamente manipolati per assegnare poteri speciali per selezionare le persone. Attratti, diventiamo convertiti e trasformiamo le persone con grande beneficenza e saggezza.

L’indottrinamento

Il processo di indottrinamento prevede l’immersione in ritiri educativi o psico-spirituali, insieme a tattiche di bombardamento d’amore, tattiche di privazione sensoriale e lavaggio del cervello. Si verifica la marginalizzazione da sistemi di pensiero alternativi o da persone che potrebbero offrire convinzioni o giudizi contrari. Isolare il potenziale discepolo è fondamentale per assicurare la lealtà. Inoltre, le persone che sono nate in circostanze familiari avverse tendono ad essere segni facili, poiché bramano una connessione tribale per riempire un vuoto onnipresente nato dalla rottura di legami primari traumatici e traumatici. Questi individui non sono solo bersagli malleabili per i leader delle sette, ma sono anche vittime compiacenti dei narcisisti.

Esistono diversi tipi di sette di culto

Senza dubbio ci sono grandi differenze tra il culto nazista segreto  Colonia Dignidad, dove i bambini venivano schiavizzati e torturati sessualmente e sotto il governo dei sovversivi del governo di Pinochet venivano torturati e uccisi, rispetto a culti apparentemente benigni come il Landmark Forum o The Kabbalah Learning Center. Anche se i culti possono andare dall’essere gravemente distruttivi a quelli relativamente innocui, credo che qualsiasi tipo di devozione intensa nel contesto di una comunità abbia il potenziale per diventare corrotta.

Come il razzismo è legato al narcisismo

Identità di gruppo

L’identità di gruppo offre un senso di potere e di appartenenza, ma a causa di tratti innati della condizione umana come l’egocentrismo, i bisogni di ammirazione, il potere e lo status, la competitività e la sicurezza, la diminuzione dell’individualità e la divisione sono inevitabili. Soprattutto, coloro che occupano posizioni di potere rischiano sempre di deviare dalle migliori intenzioni, e coloro che sono attratti dal potere possono essere predisposti a mettere in atto programmi narcisistici. Come disse Lord Acton, “il potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente”. Nella nostra ricerca di appartenenza e di realizzazione comunitaria è sempre imperativo rimanere intelligentemente custoditi e protetti dalla nostra sacra unicità e autonomia. È la comunità sana, anche se rara, che abbraccia l’egoismo e accoglie la diversità. Purtroppo, questa è l’eccezione piuttosto che la regola.

Commenti