La massoneria tra ieri e oggi: ma di cosa si tratta?

0
3903

Avvolta dal mistero e da mille segreti, la millenaria esistenza della massoneria fa ancora oggi parlare di sé, e a dirla tutta mette tuttora i brividi. Ma cos’è e di cosa si occupa questo gruppo segreto?

Le origini della massoneria

Stando a quanto affermato dalla storica inglese Frances Yates l’origine del gruppo massonico fa dubitare la fermezza delle date storiche. Tuttavia, se si vuole capire di preciso cos’è, la questione delle origini non può non essere affrontata.

Al contrario di ciò che si pensa, l’origine del termine Massoneria è piuttosto “umile”, etimologicamente derivante infatti dal francese maҫon che vuol dire letteralmente muratore. Questo significa che con molta probabilità la società segreta moderna sia nata dal nucleo dell’antica società corporativa medievale dei muratori che, compieva una serie di rituali di iniziazione complessi e segreti.

La realtà molto complessa e segreta dell’organizzazione di tale corporazione le consentì di svilupparsi anche tra il XVI e il XVII secolo, quando le altre associazioni dei mestieri cominciarono a sciogliersi con l’avvento del Rinascimento.

Pian piano, tuttavia, la società segreta iniziò ad accogliere tra le sue fila anche nuovi adepti non più legati al mestiere: intellettuali, artisti, alchimisti, liberi pensatori e occultisti che qui si rifugiarono.

La moderna massoneria nacque ufficialmente a Londra nel 1717 sulla cresta dell’onda di molte società segrete che sorgevano illo tempore con intenti rivoluzionari in Europa e non solo. Ecco che gli adepti di questa organizzazione si presentavano come i costruttori di una nuova società, dei riformatori che si definivano tra loro “fratelli” e giuravano solennemente di opporsi a qualsiasi forma di assolutismo.

Tali associazioni cominciarono a chiamarsi logge che era il nome delle capanne vicino alle chiese in cui si riunivano, e adottarono dei simboli che richiamavano la “filosofia del costruttore”: la squadra, il compasso, il martello, e lo stesso Dio era raffigurato come il grande architetto dell’universo.

La massoneria oggi

La domanda sorge spontanea: qual è lo scopo che si prefiggono oggi i massoni? Oggi come oggi i Fratelli Massoni muovono i fili della società evoluta, esulando chiaramente «dagli obiettivi e dalle relazioni» proprie della Massoneria.

Sin dalle sue origini la Massoneria ha partecipato in modo sostanziale allo sviluppo dell’uomo con le sue idee e le sue azioni, che sono state recepite divenendo il fondamento delle società democratiche. Il lavoro muratorio, svolto nelle Logge, ha infatti sempre consentito nel passato ai Fratelli di elevare la propria conoscenza e coscienza, e li ha così forgiati per influenzare il corso dell’umanità.

Il gruppo massonico, ancora oggi, va a svolgere un ruolo primario e centrale nella società perché è diramata dietro ai grandi esponenti politici, sociali, che muovono i fili della centralità dell’Uomo. Esso mina gli eventi della storia umana, fino a provocare contrasti, guerre, crisi finanziarie ed economiche, rivoluzioni sociali sanguinose, errori filosofici ed eresie teologiche.

La massoneria è un male? Chi può dirlo se non coloro che ci stanno dentro? I segreti su cui verte la loggia, il patto di fratellanza, volto al silenzio e alla tacita influenza sull’uomo non sono dai saperli ai comuni mortali.

Le logge massoniche sono però in questa era ancora un punto cardine della società, che da sempre agiscono nella storia e si sono organizzate ufficialmente a partire dal 1717 per provare a controllare e indirizzare tutta la storia.

Queste realtà si organizzano gerarchicamente e agiscono occultamente negli Stati, attraverso l’alta finanza, l’industria bellica e farmaceutica, la politica, l’informazione pubblica, la cultura controllata, la moda, la musica, la droga e l’esoterismo.

Massoneria e rapporto con la chiesa

Come si pone la chiesa a riguardo? Che non simpatizzi per i gruppi massonici di certo non è un mistero, e forse a dirla tutta avrà i suoi validi motivi.

La finalità ultima delle azioni della massoneria, secondo la chiesa, è la distruzione del Cristianesimo e della Chiesa di Cristo, attraverso l’innesco dell’odio generico contro Dio e la sua creazione.

Oltre varie cause naturali dei mali che affliggono l’umanità, vi è un ordine prestabilito per portar destabilizzazione, disordine, caos e anarchia nell’umanità. Ecco che per il clero si delinea così la fisionomia della massoneria, senza voler minimizzare solo ad essa ogni male.

La massoneria ha anche l’intento di distruggere la vera libertà dell’uomo, portandolo verso il male e rendendogli sempre più difficile la pratica del bene.

Siccome “la verità ci farà liberi” la massoneria non consente la verità e pratica l’arte dell’ errore oltre che dell’empietà. Per mettere in pratica il suo programma la massoneria cerca di stabilire un’unica dittatura globale. Ciò al fine di arrivare ad un unico governo mondiale, creando cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale in grado di controllare gli uomini, i popoli, le nazioni e le idee.

Quindi massoneria vuol dire potere assoluto, ambisce, sempre secondo la chiesa, ad una tirannia universale. Un mondo che cerca di sorgere sulle ceneri del Cristianesimo, per porre fine al regno di Dio e dare inizio al regno dell’uomo, che dovrebbe sostituire Dio stesso.

Quando finirà? Forse mai. In fondo è dagli albori che la segreta Massoneria indicizza la storia dell’uomo, una storia infinita che ancora non è giunta al termine e che continuerà ad avere come autori i cari vecchi Fratelli.

Commenti