La marina greca blocca carico armi destinato alla Libia

0
1386
marina greca

Il confronto attivo tra Grecia e Turchia sul Mar Mediterraneo, ha costretto Atene a dimostrare piena determinazione all’esercito turco. La marina greca ha recentemente preso d’assalto e catturato con successo la nave da guerra turca, che effettuava il trasporto illegale di armi verso la Libia.

La marina greca interviene in base alla missione “Irini”

Una fregata della marina greca che partecipa alla missione navale dell’UE al largo delle coste africane seguiva una nave turca. Sospettata di portare armi in Libia, violando l’embargo sulle armi imposto dall’ONU al paese lacerato dalla guerra civile.

Secondo fonti di difesa greche, l’HS Spetsai, che partecipa all’operazione “Irini” insieme ad altre navi dell’Unione Europea, ha inviato un segnale alla nave turca, accompagnata da due fregate turche.

La nave non ha risposto e un elicottero della Marina Militare greca è passato a chiedere il permesso di ispezionare il carico. La richiesta è respinta dalle fregate turche che navigano nelle vicinanze.

La marina greca ispeziona la nave turca

A bordo della nave hanno trovato sistemi missilistici antiaerei portatili, sistemi missilistici antiaerei, veicoli corazzati, veicoli aerei senza equipaggio, mezzi elettronici di soppressione e un gran numero di armi e munizioni di piccolo calibro.

Grecia e Egitto affronteranno le navi turche

In effetti, la Grecia ha dimostrato la sua disponibilità ad affrontare la Turchia nel Mediterraneo, lasciando quest’ultima in una situazione molto grave.

In precedenza anche l’Egitto ha dichiarato la sua disponibilità ad affondare le navi turche che forniscono armi alla Libia.

L’influenza turca in Libia

La Turchia, che sostiene il Governo di Tripoli (Gna), ha inviato decine di militari in addestramento. Questo nell’ambito della collaborazione dopo che i due Paesi hanno firmato una serie di accordi.

Gli esperti dicono che Erdogan spera di plasmare una Libia che possa preservare il dominio politico ed economico della Turchia nella regione.

La motivazione principale della Turchia è quella di evitare che la Libia cadesse sotto il dominio dell’Egitto e degli Emirati Arabi Uniti. Sarebbe un duro colpo per gli interessi geo-strategici ed economici di Ankara non solo in Libia, ma anche nel Mediterraneo orientale.

Da quando si è unita ufficialmente alla guerra a gennaio, la Turchia ha dispiegato le proprie forze militari, presumibilmente insieme alle milizie siriane, in Libia.

Nonostante il severo embargo sulle armi imposto alla Libia dalle Nazioni Unite, Ankara ha anche fornito droni e difesa aerea alla Gna, riconosciuta dall’Onu.

Molti paesi condannano il coinvolgimento turco in Libia

Il suo coinvolgimento militare è fortemente condannato da Egitto, Emirati Arabi Uniti, Grecia, Cipro e Francia.

Le relazioni tra Grecia e Turchia sono peggiorate a causa dei piani di Ankara di esplorare per il gas e il petrolio nel Mar Egeo.

Le autorità greche hanno denunciato alle autorità dell’UE il comportamento “provocatorio e illegale” della Turchia nel Mediterraneo orientale.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato la sua decisione di rafforzare temporaneamente la presenza militare francese nel Mediterraneo orientale.

Ha detto che i militari sarebbero inviati per valutare la situazione nell’area e controllare il rispetto del diritto internazionale.

Commenti