La letteratura di Camilleri: emozioni di un maestro unico

Dieci citazioni per ricordare Andrea Camilleri

0
580
La letteratura di Camilleri

La letteratura di Camilleri è un tesoro inestimabile. Storie e sogni che raccontano l’Italia vista con il cuore eterno della Sicilia. Romanzi, scritti e drammaturgie di un maestro unico e impeccabile.

Andrea Camilleri, il padre di Montalbano, scrittore e pensatore curioso, nacque il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle. Oggi lo ricordiamo attraverso dieci citazioni. Frasi profonde e significative di un uomo nato per narrare storie.


Andrea Camilleri è morto. Un grande lutto nazionale


La letteratura di Camilleri: tesoro prezioso

La letteratura di Camilleri: eredità dal valore inestimabile

“Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio cunto passare tra il pubblico con la coppola in mano”. Non si smette mai di fare ciò per cui si è nati. Camilleri è nato per scrivere, per inventare e incantare.

Senza dubbio Andrea Camilleri ha conquistato ogni tipo di lettore. Per tutto il mondo ha diffuso un’idea fantastica e al contempo realistica della visione siciliana della società. Ha descritto il mondo, gli uomini e la vita senza prediche e con leggerezza. Camilleri ha dialogato con gli italiani con onestà, genialità e li ha conquistati con il suo prestigio morale.

Dai romanzi e teatro alle prese di posizioni sulla politica, lo scrittore “vigatese” non si è mai risparmiato. Ancora oggi l’Italia piange uno dei suoi più grandi autori contemporanei. La letteratura di Camilleri è un’eredità culturale e umana infinita, grande, preziosa.


La concessione del telefono – C’era una volta Vigata | cast, trama, info


La letteratura di Camilleri: dieci citazioni dello scrittore siciliano

Dieci citazioni di Andrea Camilleri. Pensieri sublimi di un letterato eterno.

Montalbano dice di amare quel che resta della Sicilia ancora selvaggia: avara di verde, con le casuzze a dado poste su sbalanchi in equilibrio improbabile, e ma credo che sia piuttosto un gioco della memoria”.

“Fatevi condizionare il meno possibile da una società che finge di darci il massimo della libertà”.

“La felicità per me non ha motivazioni, non ne ha mai avute, per me è fatta di cose ridicole…Io la felicità l’ho trovata sempre nelle cose terrene, concrete, negli odori, nei sapori, nei rapporti umani, non nella letteratura”.

“L’uomo politico difficilmente si accorge di aver esaurito il suo corso e rimane attaccato al posto di potere come la patella allo scoglio”.

“Il tiranno viene quasi eletto dalla volontà di servitù del popolo”.

La letteratura di Camilleri: il racconto di Montalbano

I pensieri di Andrea Camilleri

“La percezione del tempo, soprattutto in certe situazioni di forte emotività, subisce delle notevoli alterazioni, ore trascorrono in un lampo e pochi minuti durano un’eternità”.

“La vera differenza tra un uomo e un altro uomo risiede nelle loro teste, nei loro pensieri, e non nelle insegne, nelle bandiere, nelle divise, nelle rotelle di panno”.

“Il rinnovamento avverrà quando qualcuno avrà finalmente il coraggio di dire che in politica non tutto è possibile”.

“Un autentico cretino, difficile a trovarsi in questi tempi in cui i cretini si camuffano da intelligenti”.

“Mentre il rigore morale e l’onestà non sono contagiosi, l’assenza di etica e la corruzione lo sono, e possono moltiplicarsi esponenzialmente con straordinaria velocità”.


Salvo Montalbano e la ricerca costante della giustizia