La guardia costiera spagnola si adegua alle prossime elezioni

0
224
Un'immigrata africana in un centro sportivo trasformato in centro di accoglienza a Tarifa, 12 agosto 2014 (MARCOS MORENO/AFP/Getty Images)


Madrid vuole sembrare “dura” sulla migrazione prima del voto, dicono i critici.

BARCELLONA – Una revisione delle operazioni della Spagna nel Mediterraneo ha suscitato timori tra gli attivisti umanitari a Madrid.

Le modifiche alle operazioni di salvataggio  arrivano quando il governo del primo ministro spagnolo Pedro Sánchez è sotto pressione elettorale dall’estrema destra prima delle elezioni generali a fine mese .

“Stanno cercando di smantellare il servizio”, ha detto Ismael Furió, presidente del comitato dei lavoratori di Salvamento Marítimo, composto da rappresentanti dell’organizzazione e sindacati. 

Quattro delle navi da salvataggio di medie dimensioni saranno trasferite dal Mare di Alborán, dove la maggior parte dei soccorsi marittimi si sono svolti la scorsa estate, in aree che ricevono meno traffico migratorio: una verso le Isole Baleari, due verso la città spagnola di Cartagena, e uno nelle Isole Canarie, secondo un rapporto interno di febbraio da parte del comitato di sicurezza di Salvamento Marítimo.

Una delle più grandi navi , la Clara Campoamor, è stata portata nel mare di Alborán e sarà responsabile dei soccorsi lungo gran parte della costa meridionale della Spagna. Secondo il documento, tre membri della Guardia Civil saranno di stanza sulla nave, che sarà sotto la direzione delle forze di polizia.

Furió si preoccupa che Madrid stia riorganizzando le sue operazioni di salvataggio nel tentativo di sembrare “duro” sulla migrazione. 

“La strategia che il governo sta mettendo insieme è che quando c’è un’altra ondata di persone che arrivano, piccole imbarcazioni di soccorso effettueranno i salvataggi e poi trasferiranno le persone alla Clara Campoamor”, ha detto Furió. “In teoria dicono che è più efficiente, ma in realtà è molto più pericoloso.”

Oltre a ciò, Furió dice che è preoccupato che una nave non sarà in grado di coprire la parte di costa che l’estate scorsa era stata coperta da quattro, ed anche in questo caso, ha detto, l’equipaggio sarà sovraccarico. “Non saranno preparati”, ha detto. “Non hanno i mezzi. Non puoi fare dei salvataggi in mare in quel modo. “

I membri del Salvamento Marítimo sono stati fino a poco tempo fa considerati eroi popolari dalla stampa spagnola. Mentre un numero crescente di migranti sta cercando di raggiungere la Spagna dal Nord Africa, l’anno scorso sono state registrate 60.000 persone che hanno tentato il viaggio per mare dal Marocco alla Spagna: il servizio di salvataggio ha salvato migliaia di vite nello stretto di Gibilterra e nel mare di Alborán.

Il primo segnale di cambiamento è arrivato subito dopo l’elezione regionale in Andalusia a dicembre, quando il partito Vox di estrema destra ha colto impreparato l’establishment spagnolo prendendo un 11% senza precedenti , con un programma incentrato sulla limitazione della migrazione.

Fino ad allora, il paese aveva adottato un approccio alla migrazione più morbido rispetto ai suoi vicini europei. Quando il vice primo ministro italiano, Matteo Salvini, chiuse i porti italiani alle navi da soccorso delle ONG nel giugno 2018, fu Sánchez ad intervenire e permise alla nave di far sbarcare le 629 persone a bordo in Spagna  .

Dopo le elezioni il dibattito sulla migrazione in Spagna ha sterzato a destra. Politici e giornalisti descrivono spesso il Salvamento Marítimo come un “servizio taxi” per i migranti che cercano di raggiungere la Spagna.

All’inizio di quest’anno, il governo spagnolo ha vietato a due navi di soccorso delle ONG – Open Arms e Aita Mari – di effettuare soccorsi al largo delle coste della Libia. Entrambi non sono stati in grado di lasciare il porto per mesi.

Prima della vittoria del partito Vox le campagne mediatiche di Salvamento Marítimo erano ben conosciute dal pubblico spagnolo,veniva documentata la loro attività con molte foto.

Poi, all’inizio di dicembre, i media hanno smesso di pubblicare informazioni riguardo queste operazioni. Le ONG e la stampa spagnola l’hanno definito un ” blackout informativo ” . L’ufficio stampa di Salvamento Marítimo ha dichiarato ai giornalisti che l’agenzia aveva “aggiornato la propria strategia mediatica”.

“C’è stato un cambio di direzione nella politica umanitaria del governo spagnolo”, ha detto Iñigo Barandiaran, deputato nazionalista basco ed ex portavoce del comitato di lavori pubblici – che sovrintende la guardia costiera civile – nel parlamento spagnolo.

La Guardia Civil ha aperto un ” comando unitario ” che coordina tutti gli attori che lavorano sull’immigrazione irregolare attraverso il confine marittimo meridionale della Spagna. Il comando include rappresentanti di Frontex, la frontiera e guardia costiera dell’UE, militari spagnoli, intelligence e polizia, oltre a Salvamento Marítimo e la Croce Rossa, tra gli altri.

In un incontro a porte chiuse con le ONG presso gli uffici della Marina Mercantile il 13 marzo, l’allora direttore di Salvamento Marítimo, Ignacio López, che si è dimesso una settimana dopo per candidarsi alle elezioni regionali, ha dichiarato: “La filosofia operativa nel confine meridionale è cambiata “.

López e il direttore del porto mercantile spagnolo, Benito Núñez, hanno detto al gruppo che la strategia darebbe priorità al ruolo del Marocco nei soccorsi. I marinai marocchini, hanno spiegato, riceveranno addestramento e attrezzature dalla Spagna e dall’Unione Europea.

Incalzato dai rappresentanti delle ONG sul fatto che le navi spagnole possano rimpatriare i migranti verso i porti marocchini, López riconosce che i due paesi non hanno un trattato che lo consenta. Ma ha detto che si potrebbe ratificare, se il Marocco fosse d’accordo. In quel caso, ha detto, “non sarebbe un ritorno; sarebbe un salvataggio “, secondo coloro che hanno partecipato all’incontro.

Nell’incontro, entrambi i funzionari hanno anche confermato l’intenzione di utilizzare la Clara Campoamor come “nave madre” alla quale le piccole navi avrebbero trasferito le persone soccorse. Quando questa nave sarà piena, andrà in un porto che sarà deciso dal comando unitario della Guardia Civil,ha successivamente confermato un portavoce del ministero degli interni.

Nessun commento da parte del portavoce del ministero degli interni che ha rifiutato di chiarire se il governo stava pianificando o meno un accordo con il Marocco per restituire i migranti salvati in mare nel paese. 

Un portavoce di Salvamento Marítimo ha confermato che il comando unitario della Guardia Civil sarà responsabile delle questioni relative all’immigrazione irregolare e ha affermato che l’organizzazione umanitaria “sposta le sue risorse per adeguare la sua capacità di salvataggio alla situazione attuale”.

Allo stesso tempo, le autorità di frontiera spagnole ed europee si stanno preparando per un’altra ondata migratoria a causa del surriscaldamento globale. Un portavoce di Frontex ha detto che l’organizzazione si aspetta un aumento degli arrivi dal Marocco.

In un rapporto di marzo del Dipartimento spagnolo per la sicurezza nazionale, i consiglieri del governo hanno rilevato che, nel 2018, la Spagna ha registrato un aumento di immigrati irregolari nel paese.

“Stiamo lavorando per invertire questa crescente tendenza, iniziata tre anni fa e accelerata negli ultimi due”, hanno dichiarato . 

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here