La Grecia colpita dall’alluvione: almeno 15 i morti

0
527

La Grecia è sotto shock in seguito all’alluvione che ha colpito una vasta area a ovest di Atene a seguito delle forti piogge che da quattro giorni imperversano sul paese.

Nella notte tra Martedì e Mercoledì le precipitazioni hanno causato lo straripamento di alcuni torrenti. In poche ore si sono accumulate gradi quantità di acqua e fango che hanno travolto strade, auto e abitazioni.

I centri più colpiti sono le città di Mandra, Nea Peramos e Megara, nell’Attica, una delle 13 regioni amministrative della Grecia. L’area interessata conta una popolazione di circa 54000 abitanti, di cui Megara costituisce il centro principale.

Il bilancio provvisorio è di 15 morti, 10 uomini e 5 donne. Il centro di Mandra, frazione del comune di Mandra-Eidyllia, ce conta una popolazione di circa 13000 abitanti, l’area più gravemente colpita dalla tragedia.  La maggior parte delle vittime sono state ritrovate nelle camere delle loro abitazioni, colte probabilmente durante la notte. Si attesta a 17 il conto dei feriti trasportati in ospedale. Non si ha ancora un dato certo, invece, per quanto riguarda i dispersi, ma innumerevoli sono state le richieste di soccorso giorni giunte ai vigili del fuoco i persone intrappolate all’interno di veicoli. I centri di

Il ministro dell’Interno Panos Skourletis ha parlato alla televisione di stato ERT dell’evento come di una “catastrofe e una tragedia”, mentre la Protezione Civile parla di “evento senza precedenti” per la Grecia.  Il Premier greco Alexis Tsipras ha proclamato il lutto nazionale e avviato un’indagine per far luce sui motivi della tragedia. Il Premier ha poi promesso alle popolazioni colpite l’attivazione, nel più breve tempo possibile, di  misure di sostegno da parte del Governo.

La tragedia di questi giorni in Grecia è un invito ulteriore a riflettere sui temi del dissesto idrogeologico e della corretta gestione del territorio e degli ambiti urbani,  questioni sempre di grande attualità anche nel nostro paese.

Commenti