La fiera ART SG: a lungo ritardata di Singapore nomina oltre 150 espositori

0
267

Gli organizzatori della prossima fiera ART SG a Singapore hanno annunciato le oltre 150 gallerie che parteciperanno alla sua edizione inaugurale, in programma dall’11 al 15 gennaio al Marina Bay Sands Expo and Convention Centre.

Provenienti da 30 paesi: fiera ART SG

Le gallerie tra cui Gagosian, Pace e White Cube insieme a gallerie locali come 39+ Art Space, Gajah Gallery, iPreciation e Yavuz Gallery. Partecipano anche numerose gallerie occidentali con filiali in Asia, come Gladstone Gallery, König Galerie, Lehmann Maupin, Peres Projects, Perrotin e Thaddaeus Ropac. Esporranno anche altre importanti gallerie di tutta l’Asia, come Gallery Hyundai, Ota Fine Arts, Pearl Lam Galleries, ShanghART, Taka Ishii e Tina Keng Gallery.

Fiera ART SG: Magnus Renfrew

“In quanto fiera d’arte più selettiva e più grande del sud-est asiatico fino ad oggi, il lancio di ART SG creerà un momento decisivo nel panorama culturale asiatico e accenderà i riflettori su Singapore”, ha dichiarato il cofondatore di ART SG Magnus Renfrew in una nota. “Le dimensioni e il calibro del nostro elenco di espositori inaugurali dimostrano un forte impegno e una convinzione condivisa nell’importanza del mercato dell’arte nella regione”.

La fiera ART SG è in lavorazione da diversi anni

Dopo essere stata annunciata per la prima volta nel 2018. L’edizione inaugurale avrebbe dovuto aprirsi a novembre 2019. La fiera faceva parte di un piano di MCH Group, la società madre di Art Basel, di espansione il suo portfolio di fiere d’arte. Ma mesi dopo il suo annuncio, MCH Group si è ritirato e la fiera è stata ritardata di alcune settimane a novembre 2019. Tuttavia, a giugno 2019, la fiera ha deciso di rinviare nuovamente, questa volta al 2020, poiché gli espositori chiedevano più tempo per prepararsi. La pandemia ha quindi ritardato la fiera altre tre volte, al 2021, poi al 2022 e ora alle date attuali del 2023. All’inizio di quest’anno, MCH Group ha annunciato che avrebbe reinvestito nella fiera, acquisendo una quota di minoranza del 15%.

La scorsa settimana, l’Art Assembly, il gruppo che produce ART SG

Insieme ad altre grandi fiere asiatiche come Taipei Dangdai e India Art Fair, ha annunciato che lancerà una nuova fiera d’arte in Giappone chiamata Tokyo Gendai. Quella fiera verrà lanciata a luglio 2023, diventando il terzo nuovo evento del suo genere ad iniziare in Asia nei prossimi 12 mesi, dopo l’apertura di Frieze Seoul a settembre. Quell’edizione di Frieze dovrebbe essere un concorrente della più grande fiera della regione, Art Basel Hong Kong.

La prossima iterazione di ART SG

Sarà suddivisa in diverse sezioni, tra cui una sezione principale Gallerie, Focus per presentazioni di artisti solisti e in duo, Futures per gallerie che operano da meno di sei anni e Reframe per gallerie che presentano lavori in tecnologie digitali come l’AR e VR o NFT.

ARTALK CITY: gli studenti di ABABO incontrano gli artisti

Il direttore della fiera di ART SG: Shuyin Yang

“Riteniamo che il lancio di ART SG consoliderà la posizione di Singapore come luogo culturale eccezionale nel panorama artistico internazionale”, ha affermato in una nota il direttore della fiera di ART SG, Shuyin Yang. “Portando il mondo dell’arte internazionale in un luogo più vicino a casa, ART SG non solo inviterà i principali collezionisti e leader d’arte del mondo a sperimentare Singapore e tutto ciò che la regione ha da offrire, ma incoraggerà anche una nuova generazione di collezionisti emergenti ad essere ispirato dalla ricca diversità dell’arte immediatamente a portata di mano”.

Gallerie

  • 39+ Art Space (Singapore)
  • Un faro chiamato Kanata (Tokyo)
  • Aicon Art (New York)
  • Alisan Fine Arts (Hong Kong)
  • Almine Rech (Parigi, Bruxelles, Londra, New York, Shanghai)
  • Annely Juda Fine Art (Londra)
  • Galleria Arario (Seoul, Shanghai, Cheonan)
  • Art Seasons (Singapore, Pechino)
  • Axel Vervoordt Gallery (Anversa, Hong Kong)
  • BANK (Shanghai)
  • Cardi Gallery (Milano, Londra)
  • de Sarthe (Hong Kong, Arizona, Pechino)
  • Dirimart (Istanbul)
  • Don Gallery (Shanghai)
  • Edward Tyler Nahem (New York)
  • Eric Firestone Gallery (New York, East Hampton)
  • ESLITE GALLERY (Taipei)
  • Esther Schipper (Berlino)
  • Flowers Gallery (Londra, New York, Hong Kong)
  • FOST Gallery (Singapore)
  • Gagosian (New York, Beverly Hills, Londra, Parigi, Ginevra, Basilea, Gstaad, Roma, Atene, Hong Kong)
  • Gajah Gallery (Singapore, Yogyakarta)
  • Galería Casado Santapau (Madrid)
  • Galería Cayón (Madrid, Menorca, Manila)
  • Galeria Plan B (Berlino, Cluj)
  • Galerie du Monde (Hong Kong)
  • Galerie Eva Presenhuber (Zurigo, New York, Vienna)
  • Forsblom (Helsinki)
  • Galerie Gisela Capitain (Colonia, Berlino)
  • Galerie Jocelyn Wolff (Parigi)
  • Karsten Greve (Colonia, Parigi, St. Moritz)
  • Galerie Knoell (Basilea)
  • Galerie Nagel Draxler (Berlino, Colonia, Monaco di Baviera)
  • Vazieux (Parigi)
  • GALLERIA CONTINUA (San Gimignano, Pechino, Les Moulins, L’Avana, Roma, San Paolo, Parigi)
  • Galleria d’Arte Maggiore gam (Bologna, Milano, Parigi)
  • Gallery Baton (Seoul)
  • Gallery Espace (New Delhi)
  • Hyundai (Seoul, New York)
  • GALLERY TARGET (Tokyo)
  • Gallery Vacancy (Shanghai)
  • Gana Art (Seoul, Busan)
  • Gladstone Gallery (New York, Bruxelles, Seoul, Los Angeles)
  • Goodman Gallery (Johannesburg, Cape Town, Londra)
  • Hive Center for Contemporary Art (Pechino)
  • Ingleby (Edimburgo)
  • Ink Studio (Pechino)
  • iPreciation (Singapore)
  • Johyun Gallery (Busan, Seoul)
  • Josh Lilley (Londra)
  • Kavi Gupta (Chicago)
  • KÖNIG GALERIE (Berlino, Londra, Seoul, Vienna)
  • KOTARO NUKAGA (Tokyo)
  • Kwai Fung Hin Art Gallery (Hong Kong)
  • Larkin Erdmann (Zurigo)
  • LATITUDE 28 (Nuova Delhi)
  • Lehmann Maupin (New York, Hong Kong, Seoul, Londra)
  • LGDR (New York, Hong Kong, Parigi, Londra)
  • Galleria Liang (Taipei)
  • Galleria MAKI (Tokyo)
  • Matthew Liu Fine Arts (Shanghai)
  • Meyer Riegger (Berlino, Karlsruhe, Basilea)
  • Galleria Michael Ku (Taipei)
  • Galleria Miles McEnery (New York)
  • Mizuma Gallery (Singapore, Tokyo)
  • neugerriemschneider (Berlino)
  • New Art Center (Salisbury)
  • ONE AND J. Gallery (Seoul)
  • Ota Fine Arts (Tokyo, Singapore, Shanghai)
  • Over the Influence (Hong Kong, Los Angeles, Bangkok)
  • PPOW (New York)
  • Pace Gallery (New York, Londra, Hong Kong, Palo Alto, Ginevra, Seoul, East Hampton, Palm Beach)
  • Pearl Lam Galleries (Hong Kong, Shanghai)
  • Peres Projects (Berlino, Seoul, Milano)
  • Perrotin (Hong Kong, Seoul, Tokyo, Shanghai, Parigi, Dubai, New York)
  • Pi Artworks (Londra, Istanbul)
  • Richard Koh Fine Art (Kuala Lumpur, Singapore, Bangkok)
  • Sadie Coles HQ ( Londra)
  • Sakshi Gallery (Mumbai)
  • SCAI THE BATHHOUSE (Tokyo)
  • ShanghART Gallery (Shanghai, Pechino, Singapore)
  • Shibunkaku (Kyoto, Tokyo)
  • ShugoArts (Tokyo)
  • Sies + Höke (Dusseldorf)
  • Skarstedt (New York, Londra, Parigi, East Hampton)
  • SPURS Gallery (Pechino)
  • Stephen Friedman Gallery (Londra)
  • STPI (Singapore)
  • Sullivan+Strumpf (Sydney, Singapore)
  • Sundaram Tagore Gallery (New York, Singapore, Londra)
  • Taka Ishii Gallery (Tokyo)
  • Tang Contemporary Art (Pechino, Hong Kong, Bangkok , Seoul)
  • TEMPLON (Parigi, Bruxelles)
  • Thaddaeus Ropac (Londra, Parigi, Salisburgo, Seoul)
  • Tina Keng Gallery (Taipei)
  • TKG+ (Taipei)
  • Tomio Koyama Gallery (Tokyo)
  • Vadehra Art Gallery (Nuova Delhi)
  • Victoria Miro (Londra, Venezia)
  • Vigo (Londra)
  • Wada Fine Arts Y++ (Tokyo)
  • Waddington Custot (Londra)
  • White Cube (Londra, Hong Kong, New York, Parigi)
  • Whitestone Gallery (Hong Kong, Taipei, Tokyo, Karuizawa)
  • Xavier Hufkens (Bruxelles)
  • Yavuz Gallery (Singapore, Sydney)
  • Yoshiaki Inoue Gallery (Osaka)
  • Zilberman (Istanbul, Berlino)

Messa a fuoco

  • albertz benda (New York, Los Angeles)
  • Art Front Gallery (Tokyo)
  • artcommune gallery (Singapore)
  • Artinformal (Manila)
  • Beyond Gallery (Taipei)
  • Carl Kosty l (Londra, Stoccolma, Milano)
  • Chambers Fine Art (New York)
  • Galerie Urs Meile ( Pechino, Lucerna)
  • Galerie Zink (Waldkirchen)
  • Harper’s (New York, East Hampton, Los Angeles)
  • HdM GALLERY (Pechino, Londra)
  • ISA Art and Design (Jakarta, Yogyakarta)
  • Jack Bell Gallery (Londra, Sydney)
  • Klemm’s (Berlino)
  • KOSAKU KANECHIKA (Tokyo)
  • Galleria Kristin Hjellegjerde (Londra, Berlino, Nevlunghavn)
  • Galleria Kukje (Seoul, Busan)
  • Spazio creativo Lawang Wangi (Bandung)
  • MadeIn Gallery (Shanghai)
  • MAKASIINI CONTEMPORARY (Turku)
  • Make Room Gallery (Los Angeles)
  • Nicolas Krupp (Basilea)
  • Ode to Art (Singapore)
  • Richard Saltoun Gallery (Londra, Roma)
  • SAC Gallery (Bangkok)
  • Shrine Empire (Nuova Delhi)
  • Starkwhite (Auckland ) , Queenstown)
  • STATION (Melbourne, Sydney)
  • The Columns Gallery (Seoul, Singapore)
  • The Drawing Room (Manila)
  • Unit London (Londra)
  • Vari piccoli fuochi (Los Angeles, Seoul, Dallas)
  • Vin Gallery (Ho Chi Minh City) Luogo di
  • lavoro (Londra ) )
  • Workshop Yeo (Singapore)
  • Galleria Yutaka Kikutake (Tokyo)

Futuri

  • 1PROJECTS (Bangkok)
  • 856G / Tropical Futures Institute (Cebu)
  • Art Porters (Singapore)
  • Capsule Shanghai (Shanghai)
  • CHRISTINE PARK GALLERY (New York, Shanghai)
  • Cuturi Gallery (Singapore)
  • Galerie Julien Cadet (Parigi)
  • Linseed Projects (Shanghai)
  • Nunu Fine Art (Taipei)
  • P21 (Seoul)
  • Galleria Tabula Rasa (Pechino, Londra)
  • Warin Lab Contemporary (Bangkok)

Riformulare

  • bitforms gallery (New York, San Francisco)
  • GAZELL.iO (Londra)
  • Hyundai (Seoul, New York)
  • Galerie Nagel Draxler (Berlino, Colonia, Monaco)
  • Kate Vass Galerie (Zurigo)
  • The Columns Gallery (Seoul, Singapore)
  • Vanguard Gallery ( Shanghai)
  • Institut / Unit London (Londra)