La disinformazione Russa: si diffonde in modi nuovi nonostante i divieti

0
393

L’Unione Europea ha bloccato RT e Sputnik, i due canali principali di Berlino, ma la disinformazione Russa, continua diffondere propaganda sulla guerra. Quasi sei mesi dopo, il numero di siti che promuovono lo stesso contenuto è esploso. Quando la Russia ha trovato il modo di eludere il divieto.

Hanno rinominato il loro lavoro per mascherarlo con la disinformazione Russa

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina lo scorso febbraio, hanno trasferito alcuni compiti di propaganda ai diplomatici e hanno tagliato. E incollato gran parte del contenuto su nuovi siti Web. Quelli che fino ad ora non avevano legami evidenti con la Russia. NewsGuard, un’azienda con sede a New York che studia e tiene traccia della disinformazione online. Ha ora identificato 250 siti Web che diffondono attivamente la disinformazione russa sulla guerra. Con dozzine di nuovi aggiunti negli ultimi mesi. Le affermazioni su questi siti includono accuse secondo cui l’esercito ucraino ha organizzato alcuni mortali attacchi russi. Per ottenere il sostegno globale, che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy sta simulando apparizioni pubbliche o che i rifugiati ucraini stanno commettendo crimini in Germania e Polonia.

Alcuni dei siti si atteggiano a think tank o organi di informazione indipendenti

Circa la metà sono in lingua inglese, mentre altre sono in francese, tedesco o italiano. Molti sono stati istituiti molto prima della guerra e non erano ovviamente legati al governo russo fino a quando improvvisamente non hanno iniziato a ripetere a pappagallo i punti di discussione del Cremlino.

“Potrebbero creare siti dormienti”, ha affermato il co-CEO di NewsGuard Gordon Crovitz

I siti dormienti sono siti Web creati per una campagna di disinformazione che rimane in gran parte dormiente, costruendo lentamente un pubblico attraverso post innocui o non correlati e quindi passando alla propaganda o alla disinformazione a un orario prestabilito. Sebbene l’analisi di NewsGuard abbia rilevato che gran parte della disinformazione sulla guerra in Ucraina proviene dalla Russia, ha trovato casi di false affermazioni con un’inclinazione filo-ucraina.

Il Dipartimento di Stato americano denuncia la propaganda di “denazificazione” russa

Affermazioni su un asso dei combattenti hotshot noto come Ghost of Kyiv

Che i funzionari in seguito ammisero fosse un mito. YouTube, TikTok e Meta, che possiede Facebook e Instagram, si sono tutti impegnati a rimuovere RT e Sputnik dalle loro piattaforme all’interno dell’Unione Europea. Ma i ricercatori hanno scoperto che in alcuni casi tutto ciò che la Russia doveva fare per eludere il divieto era pubblicarlo da un account diverso.

Il Disinformation Situation Center, una coalizione europea di ricercatori sulla disinformazione

Ha scoperto che alcuni contenuti video RT venivano visualizzati sui social media con un nuovo marchio e logo. Nel caso di alcune riprese video, il marchio RT è stato semplicemente rimosso dal video e ripubblicato su un nuovo canale YouTube non coperto dal divieto dell’UE. Una moderazione dei contenuti più aggressiva dei social media potrebbe rendere più difficile per la Russia eludere il divieto.

Secondo Felix Kartte, un consulente senior di Reset su la disinformazione Russa

Un’organizzazione no profit con sede nel Regno Unito che ha finanziato il lavoro del Disinformation Situation Center ed è critico nei confronti del ruolo dei social media in discorso democratico. “Invece di mettere in atto sistemi efficaci di moderazione dei contenuti, stanno giocando a colpi di talpa con l’apparato di disinformazione del Cremlino”, ha detto Kartte. La società madre di YouTube non ha risposto immediatamente alle domande in cerca di commenti sul divieto.

Nell’UE, i funzionari stanno cercando di rafforzare le loro difese per la disinformazione Russa

Questa primavera l’UE ha approvato la legislazione che richiederebbe alle aziende tecnologiche di fare di più per sradicare la disinformazione. Le aziende che falliscono rischiano grosse multe. Il mese scorso, la vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova ha definito la disinformazione “un problema crescente nell’UE e dobbiamo davvero adottare misure più forti”.

La proliferazione di siti e la disinformazione Russia sulla guerra in Ucraina

“Questo dimostra che la Russia, aveva un piano nel caso in cui governi o società tecnologiche avessero cercato di limitare RT e Sputnik. Ciò significa che i leader occidentali e le aziende tecnologiche dovranno fare di più che chiudere uno o due siti Web se sperano di fermare il flusso di disinformazione del Cremlino. “I russi sono molto più intelligenti”, ha detto l’altro co-CEO di NewsGuard, Steven Brill.