La diga olandese che non sfrutta l’elettricità

0
231
La diga olandese

La diga olandese costruita dall’artista Daan Roosegaard è un progetto assolutamente innovativo. Infatti, questo punta a non utilizzare l’energia elettrica per l’illuminazione della stessa. È lunga ben 32 chilometri.

Che cos’è la diga olandese?

L’installazione, di fatto, si chiama Gates of Lights, è una diga che fa da protezione per le inondazioni per i Paesi Bassi. È lunga ben 32 chilometri e, è stata progettata dall’artista Daan Roosegaarde. Per coloro che la transitano, crea uno spettacolare paesaggio fatto di luci che, però, non sono alimentate da energia elettrica. Al passaggio delle autovetture, questa diga si illumina grazie all’utilizzo dei fanali delle stesse auto. Quindi, non c’è stato il bisogno di utilizzare elettricità. Le porte funzionano tramite retro riflessione. Ciò è dato dall’installazione di piccoli prismi nella struttura architettonica. Le originali paratoie del 1932 sono state di fatto conservate. Quando nessuna vettura è di passaggio, l’interno della galleria risulta buio. Questo, è un progetto del tutto green, che non contribuisce affatto all’inquinamento luminoso.


Con “Grow” Daan Roosegaarde usa led nell’agricoltura


La struttura migliorata di Daan Roosegaard

Si chiama Afsluitdijk, una diga che protegge da acqua ed inondazioni i Paesi Bassi. La stessa, venne costruita principalmente a mano nel 1932. Ma ben dopo 85 anni, questa, necessitava di assoluta ristrutturazione. Ed è stato così che è entrato in gioco Daan Roosegaard. La struttura è rimasta quella originale, ma lo studio dello stesso artista, ha studiato un metodologia per un progetto adatto all’ambiente. Così, sono stati istallati degli strati retro riflette di, che permettono di fatto, di illuminare il paesaggio, al passaggio delle macchine, senza sfruttare energia elettrica. Si tratta di uno dei progetti commissionati dal governo olandese, per rimodernare le caratteristiche della leggendaria diga. Grazie a ciò, sono stati attribuiti differenti premi, come il Global Future Design Awards del 2020 o, l’Europe 40 Under 40 Awards.