La dieta mediterranea rallenta il deterioramento cognitivo

La dieta mediterranea rallenta il deterioramento e il declino cognitivo. Uno studio USA rivela come questo regime alimentare preservi la salute del cervello e contrasti l'Alzheimer.

0
1053

La dieta mediterranea è in grado di rallentare il deterioramento cognitivo e l’inesorabile declino di alcune delle sue funzioni.

Questo è ciò che si evince da una ricerca, condotta dal team della dottoressa Emily Chew, direttrice della divisione di Epidemiologia e Applicazioni Cliniche (DECA) presso il National Eye Institute di Bethesda, nel Maryland (USA).

Cereali, frutta, verdura, pesce azzurro, olio extravergine d’oliva, pane; sono tutti alimenti centrali nella dieta mediterranea, che a quanto pare non giova solamente al cuore, ma anche al cervello.

La dieta mediterranea comporta una riduzione del 45-50% del rischio di avere una funzione cognitiva compromessa

La dottoressa Emily Chew, ha dichiarato che nelle persone che seguono con più rigore una dieta mediterranea si riscontra una “riduzione del 45-50% circa del rischio di avere una funzione cognitiva compromessa“.

Il dottor Richard Isaacson, direttore della Clinica di prevenzione dell’Alzheimer presso il Weill Cornell Medicine Center di NewYork-Presbyterian, non coinvolto nello studio, ha detto che:

Le prove continuano a sostenere che sei ciò che mangi quando si tratta di salute del cervello. Chiunque oggi può assumere il controllo della propria salute del cervello e ridurre il rischio di compromissione cognitiva attraverso semplici scelte dietetiche.

Un altro aspetto evidenziato dalla ricerca è che i benefici iniziano a diventare rilevanti dopo diversi anni; perciò è importante che la dieta mediterranea diventi una costante nelle nostre vite.

In cosa consiste la dieta mediterranea?

Mangiare pesce due volte a settimana, consumare regolarmente frutta, verdura, cereali integrali, noci, legumi e olio d’oliva, riducendo il consumo di carne rossa e alcool.

L’alimentazione è una delle variabili ambientali più importanti, perché può condizionare il processo di invecchiamento nell’uomo. 

La dieta mediterranea rallenta il deterioramento cognitivo

Le abitudini alimentari condizionano infatti l’eventuale sviluppo di malattie e al tempo stesso svolgono anche una funzione di controllo delle stesse, modificandone la progressione clinica.

La dieta mediterranea può ridurre il rischio di tumore al seno

La dieta mediterranea e l’Alzheimer

La dottoressa Chew ha inoltre aggiunto che nel suo studio, come in un altro condotto dal dottor Richard Isaacson, questa correlazione non sembra funzionare solo nelle persone con il cosiddetto gene ApoE, gene che aumenta notevolmente il rischio di Alzheimer.

Ma quando sono stati esaminati solo i livelli di consumo di pesce, è emerso che mangiare pesce due volte a settimana ha rallentato il declino cognitivo delle persone con il gene ApoE.

A 10 anni dallo studio abbiamo potuto effettivamente vedere che c’era una differenza quando il consumo di pesce era alto.

In questo studio, mentre la dieta mediterranea ha complessivamente ridotto il rischio, il fattore più forte per spostare realmente l’ago è stato il consumo regolare di pesce“, ha affermato Isaacson.

Lo studio mostra come i cambiamenti dello stile di vita abbiano migliorato la cognizione nelle persone a rischio di Alzheimer.

Best Diets 2020: è la dieta mediterranea la dieta più sana del mondo

Gli effetti sugli occhi

Da alcune ricerche sulle malattie che colpiscono gli occhi con l’avanzare dell’età si è visto come gli antiossidanti possano migliorare lo stato di salute della vista.

Esiste una correlazione diretta tra l’insorgere di problematiche quali cataratta e degenerazione maculare senile e l’adozione di uno stile alimentare poco sano.

I risultati hanno evidenziato che chi mangia spesso pesce e verdure, contenenti due importanti antiossidanti come la zeaxantina e la luteina, che hanno importanti benefici per la retina, tende meno a sviluppare queste problematiche; nel tempo si verifica infatti una minore degenerazione maculare legata all’età. 

Luteina e zeaxantina si trovano in tutte le verdure, ma buone fonti di questi antiossidanti sono soprattutto le verdure a foglia verde, come cavolo, prezzemolo, spinaci, broccoli e piselli.

Perché i ricercatori dovrebbero utilizzare uno studio oculistico per analizzare l’effetto della dieta sulla cognizione?

“La retina è un’estensione del cervello”, ha spiegato Chew. “Un terzo del cervello funziona per la visione e la retina allinea il bulbo oculare e viaggia indietro attraverso un nervo ottico fino al cervello”

Ecco perché aveva senso che qualsiasi antiossidante che potesse migliorare la retina potesse anche migliorare il cervello.

Una volta nel corpo, la luteina e la zeaxantina viaggiano verso la retina nella parte posteriore dell’occhio. Lì aiutano a filtrare le lunghezze d’onda dannose della luce blu ad alta energia che possono danneggiare le cellule dell’occhio.

Lo studio ha scoperto che l’elevata aderenza alla dieta mediterranea ha contribuito a ridurre il rischio di degenerazione maculare in tutte le fasi.

Se hai una malattia precoce, ti impedisce di passare alla fase successiva; e se hai una fase più intermedia, ti impedisce di passare alla fase avanzata.

Un elemento di studio successivo ha incluso nel dare ai partecipanti le vitamine antiossidanti C, E, beta carotene e zinco.

“C’è stata anche una riduzione e una progressione verso la degenerazione maculare della malattia in stadio avanzato. Quindi questa è stata una delle storie di successo sulle vitamine dello stress ossidativo”

Come iniziare la dieta mediterranea?

Gli esperti affermano che il modo migliore per iniziare è sostituire una cosa alla volta. Ad esempio, sostituire i cereali raffinati con cereali integrali scegliendo pane integrale e pasta e scambiando riso bianco con riso integrale o selvatico.

Il pesce è il re della dieta mediterranea e viene consumato almeno due volte a settimana.

I pesci grassi come il salmone selvatico, le sardine, il tonno bianco, la trota di lago e lo sgombro sono carichi di acidi grassi Omega-3 sani per il cervello che nutrono le cellule cerebrali”, ha ricordato Isaacson.