Home Esteri Attualita' Estera La crisi missilistica polacca

La crisi missilistica polacca

0
36
Mosca: incidente in polonia è un tentativo di provocare uno scontro militare diretto tra NATO e Russia

Il 16 dicembre 2022, un missile russo KH-55 ha attraversato mezza Polonia prima di atterrare a 12 chilometri da Bydgoszcz, una città di oltre 300.000 abitanti che ospita cinque unità NATO e il Centro di addestramento delle forze congiunte. Il più grande produttore di TNT della NATO, Nitro-Chem, si trova nella vicina Belma. Il missile russo, progettato per trasportare un carico nucleare fino a 200 chilotoni, 13 volte superiore alla bomba sganciata su Hiroshima, era lungo 6 metri e pesava 1,7 tonnellate. Fortunatamente, sembra che fosse disarmato.

Ne aveva sentito parlare? Io no e, a quanto pare, nemmeno il Primo Ministro polacco Mateusz Morawiecki e il Ministro della Difesa Mariusz Błaszczak. Il missile è stato trovato da una donna in sella al suo cavallo e riportato dai media il 27 aprile. I residenti locali stanno ora setacciando la zona alla ricerca di souvenir.

Colto alla sprovvista, Błaszczak ha immediatamente incolpato i due generali più importanti dell’esercito polacco, il comandante operativo tenente generale Tomasz Piotrowski e il capo di Stato Maggiore generale Rajmund Andrzejczak, per non aver segnalato l’incidente. Tuttavia, interrogato dai giornalisti sul caso, Andrzejczak ha risposto di aver “informato i suoi superiori… nel momento in cui è avvenuto”, aggiungendo che “non ho nulla da rimproverarmi in questa vicenda”.

Da parte sua, il presidente Andrzej Duda, capo delle forze armate polacche, si è rifiutato di licenziare i generali, apparendo persino con loro in occasione di eventi pubblici. Parlando a nome del presidente, l’Ufficio per la sicurezza nazionale riferisce che: “Le informazioni attualmente in possesso del Presidente della Repubblica di Polonia non giustificano l’adozione di decisioni sul personale del comando superiore dell’esercito polacco”.

Questo battibecco pubblico tra i vertici militari e civili della Polonia deve essere una notizia gradita al Cremlino. Purtroppo, tali bisticci interni e pugnalate alle spalle hanno caratterizzato il governo di Diritto e Giustizia (PiS) negli ultimi sei anni.

Peggio ancora, Onet.pl, uno dei più importanti media polacchi, ha confermato con tre fonti che Błaszczak sta mentendo su ciò che sapeva e quando. Il 16 dicembre, il Centro Operativo Aereo ha informato Piotrowski dell’incidente e questi ha ordinato a una coppia di F-16 polacchi e di F-35 americani di pattugliare l’area. Ha informato anche Andrzejczak, che ha passato l’informazione al suo diretto superiore, il ministro della Difesa. Błaszczak ha poi deciso di tenere la questione sotto silenzio per evitare di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica. Inviò solo una pattuglia di polizia, anziché soldati dell’esercito, a perlustrare il sito.

L’insabbiamento di Błaszczak ha fatto sì che i cittadini comuni non venissero mai avvertiti. E se il cavaliere o qualcun altro fosse incappato in una testata armata, o addirittura nucleare? E se fosse esplosa? Avremmo un caso di aggressione russa contro un Paese della NATO. Eppure, per quanto ne sappiamo, il governo polacco non ha nemmeno sollevato la questione con la Russia o convocato l’ambasciatore russo.

Non è un segreto che Błaszczak voglia da tempo sbarazzarsi dei due generali, anche se entrambi sono molto apprezzati dalla NATO. Onet.pl riporta che nel 2021 Błaszczak ha chiesto al Presidente di rimuovere Andrzejczak dal suo incarico, a causa del ruolo di Andrzejczak in un’esercitazione militare che si è conclusa con la sconfitta dell’esercito polacco contro la Russia. Le fonti di Onet.pl sostengono che questo risultato era stato pianificato per screditare Andrzejczak. Ma il presunto complotto è fallito. Quando Andrzejczak si è offerto di dimettersi, Duda ha rifiutato le sue dimissioni.

Ora, l’incidente missilistico ha sollevato ancora più domande e preoccupazioni. Come ha detto uno dei maggiori esperti polacchi di disastri aerei: “Se i militari hanno informato il ministro del missile già il 16 dicembre, perché hanno accettato la decisione di non cercarlo? Avevano forse paura della reazione del capo del Ministero della Difesa? Se è così, significa che il partito al governo ha portato a un collasso totale dell’esercito, perché gli ufficiali non hanno il coraggio di fare ciò che dovrebbero fare”.

Ci si deve interrogare anche sull’efficacia delle difese aeree polacche. Lo scorso ottobre, Błaszczak ha twittato che: “Abbiamo costruito un sistema di difesa aerea a più livelli. Abbiamo Piorun, Pilica, Little Narews e Patriot. Grazie agli sforzi del governo PiS, i nostri cieli sono sicuri”. Stava mentendo anche allora?

Un mese prima dell’atterraggio del KH-55 russo, un missile antiaereo ucraino vagante è volato in Polonia e ha ucciso due persone a Przewodów. All’epoca, la Germania voleva dare alla Polonia una batteria di missili terra-aria Patriot, ma il governo antitedesco di Morawiecki rifiutò l’offerta. Si è anche rifiutato di aderire a una coalizione, proposta dalla Germania, che avrebbe sviluppato un sistema di difesa aerea comune a 15 Paesi europei, anche se i cieli polacchi sono i più a rischio. Ora, dopo le ultime rivelazioni, la vulnerabilità della Polonia non è più in discussione.

In un Paese normale, un ministro della Difesa che non gode della fiducia dei militari e del presidente e che mente su un incidente con profonde implicazioni per la sicurezza nazionale sarebbe già stato licenziato. Ma la Polonia, governata dai populisti, non è un Paese normale e Błaszczak fa parte della fidata cerchia ristretta del leader del PiS Jarosław Kaczynski. Non perderà il suo posto e la Polonia si ritroverà con cieli non protetti e un ministero della Difesa in guerra con i suoi stessi militari.