La concentrazione dei poteri in India: Adani e il troppo potere nelle mani di troppo pochi

Nuova Delhi accelera la sua spinta alla privatizzazione per compensare il grave shock economico provocato dalla pandemia, portando molti poteri nelle mani di pochi.

0
539

E’ il caso del magnate Gautam Adani l’industriale miliardario senza storia di gestione di aeroporti, che ne ha raccolti sei, quando il governo indiano ha approvato la privatizzazione di sei aeroporti nel 2018.

Chi è Adani?

Il signor Adani, 58 anni, è una rarità tra i ranghi dei dinasti indiani: è un self-made man, nato in una famiglia di otto persone che praticavano il giainismo, una religione indiana che enfatizza le credenze ascetiche. Dopo aver abbandonato il college per tentare una carriera nell’industria dei diamanti di Mumbai, è tornato a casa per importare materie plastiche per la produzione, un’attività che avrebbe gettato le basi per il suo conglomerato.  
Alla fine degli anni ’90 ha ottenuto i diritti per gestire il porto di Mundra, situato sulla costa del Gujarat, costeggiata da mangrovie, sul Mar Arabico. Ha ampliato i terminal e ha guadagnato dimensioni, utilizzando i soldi delle operazioni e un dono per navigare nella burocrazia indiana per acquisire e sviluppare altri porti.

La storia di Adani

Da allora, ha assunto ingenti debiti per costruire una catena di alimentazione integrata verticalmente da una fossa all’altra e un portafoglio di aziende che vanno dalla difesa ai data center e persino alle coltivazioni di mele nello stato montuoso dell’Himachal Pradesh.  Il debito totale in essere del Gruppo Adani ammontava a più di 30 miliardi di dollari all’11 novembre, secondo i dati di Dealogic, inclusi $ 7,8 miliardi di obbligazioni e $ 22,3 miliardi di prestiti.  L’elevato debito non è una novità tra i conglomerati indiani, ma la rapida espansione del gruppo Adani ha destato preoccupazione. Il Credit Suisse ha avvertito in un rapporto del 2015 “House of Debt” che il Gruppo Adani era uno dei 10 conglomerati in “grave stress” che rappresentavano il 12% dei prestiti del settore bancario.

Il Gruppo Adani

Eppure il Gruppo Adani è stato in grado di continuare a raccogliere fondi, in parte prendendo in prestito da istituti di credito esteri e facendo perno sull’energia verde. “I gruppi che sono percepiti come politicamente connessi possono ancora attingere alle banche per ottenere prestiti “, afferma Hemindra Hazari, analista bancario con sede a Mumbai. “Se sei un altro gruppo molto stressato, allora è difficile per te.

La dichiarazione di Stephanie Findlay

Stephanie Findlay a Nuova Delhi e Hudson Lockett a Hong Kong NOVEMBER 13 2020 stampa questa pagina: Quando il governo indiano ha approvato la privatizzazione di sei aeroporti nel 2018, ha allentato le regole per ampliare il bacino di concorrenza, consentendo alle aziende senza alcuna esperienza nel settore di fare offerte.  C‘è stato un chiaro vincitore dal cambio di regola: Gautam Adani , l’industriale miliardario senza storia di gestione di aeroporti, ha raccolto tutti e sei. La sua piazza pulita è stata accolta con indignazione. Il ministro delle finanze dello stato del Kerala ha detto che Adani vincere il contratto di locazione per 50 anni per gestire l’aeroporto internazionale di Trivandrum è stato un “atto di sfacciato clientelismo” che ha mostrato come il governo centrale favorisse i magnati politicamente connessi. Il ministro dell’aviazione indiano ha risposto che il processo di offerta aperta è stato condotto in “modo trasparente”.

Da un giorno all’altro Adani è diventato uno dei maggiori operatori aeroportuali privati ​​del paese. È anche il suo più grande operatore portuale privato e produttore di energia termica a carbone.  Comanda una quota crescente dei mercati della trasmissione di energia e della distribuzione del gas in India, e quest’anno ha annunciato che il suo braccio per le energie rinnovabili Adani Green Energy avrebbe investito 6 miliardi di dollari per costruire impianti solari con una capacità di 8 GW, uno dei più grandi progetti di energie rinnovabili al mondo. Insieme al presidente di Reliance Industries  Mukesh Ambani , Adani è oggi uno dei magnati più visibili del paese , la cui importanza è aumentata negli anni da quando Narendra Modi è stato eletto primo ministro nel 2014. Come sia il signor Modi che il signor Ambani, il signor Adani arriva dallo stato occidentale del Gujarat, dove era un sostenitore chiave del signor Modi e del suo partito al governo Bharatiya Janata mentre saliva a dominare la politica nazionale .

Modi e Adani una storica amicizia

Quando il signor Modi è entrato in carica, ha volato dal Gujarat alla capitale Nuova Delhi con il jet privato del signor Adani, un’aperta dimostrazione di amicizia che simboleggiava la loro contemporanea ascesa al potere.  Da quando il signor Modi è entrato in carica, il patrimonio netto del signor Adani è aumentato di circa il 230% fino a superare i 26 miliardi di dollari grazie alla vittoria di appalti governativi e alla costruzione di progetti infrastrutturali in tutto il paese. “Nation building” è il motto di Adani e gli piace parlare di come aiutare l’India a raggiungere la sicurezza energetica.

Le critiche contro Adani

 Ma mentre Nuova Delhi accelera la sua spinta alla privatizzazione per compensare il grave shock economico della pandemia di coronavirus , l’impero in crescita di Adani è diventato al centro delle critiche per coloro che credono che il capitale si concentri nelle mani di pochi titani aziendali favoriti a scapito della classe media indiana. Alcuni sostengono che la concentrazione del potere economico nei conglomerati a conduzione familiare sia un modo per accelerare lo sviluppo economico dell’India, come fece il  chaebol  per la Corea del Sud del dopoguerra.

Secondo i critici

 Ma i critici dicono che il rapido consolidamento dei beni statali sta creando monopoli e soffocando la concorrenza. “L’India si muoverà verso il modello dell’Asia orientale o il modello russo?  Finora la tendenza guarda al secondo [più] del primo “, dice Rohit Chandra, assistente professore di politiche pubbliche presso l’Indian Institute of Technology Delhi.  “Non è chiaro se la concentrazione di capitale dell’India porterà a benefici a lungo termine dei consumatori indiani” . “Gautam Adani è molto potente, politicamente molto ben collegato e molto astuto nell’usare quel potere“, afferma Tim Buckley, un analista energetico con sede in Australia che segue l’India. “È il Rockefeller di Modi.” Il gruppo Adani ha rifiutato di commentare questo articolo.

Oltre il Gujarat

L’ascesa fulminea di Adani è iniziata quando ha offerto sostegno a Modi nel 2003. All’epoca, il politico – allora primo ministro del Gujarat – era stato pesantemente criticato per non aver controllato le violente rivolte che avevano scosso lo stato un anno prima. Morirono più di 1.000 persone, la maggior parte musulmane, e il signor Modi era stato evitato dall’élite imprenditoriale indiana e dal mondo: gli fu impedito di entrare negli Stati Uniti per quasi un decennio fino a quando non divenne primo ministro. Ma quando alcuni dei magnati più potenti del paese lo hanno grigliato sul palco per le morti in un evento ospitato dalla Confederation of Indian Industry , Adani ha rotto i ranghi con la vecchia élite degli affari, rischiando potenzialmente il suo futuro per il politico sotto il fuoco.

L’uomo d’affari

 L’uomo d’affari ha quindi contribuito a creare un nuovo organo industriale per mettere da parte il CII ed era dietro Vibrant Gujarat, uno sfavillante vertice biennale che avrebbe introdotto il signor Modi sulla scena mondiale e consolidato la sua reputazione di leader pro-business. La scommessa è stata vinta per Adani, un semplice oratore che si distingue dall’establishment aziendale a Mumbai dividendo il suo tempo tra la sede della società ad Ahmedabad, la più grande città del Gujarat, e Nuova Delhi, la capitale indiana.

 “Questi sono nuovi indiani che dirigono il governo, hanno una visione completamente diversa del mondo e la loro visione è molto locale“, dice un dirigente presente all’aspro evento del 2003. “Le vecchie relazioni sono fiorite e fiorite perché queste sono le persone con cui il governo si sente a proprio agio.


India paese da due volti…. Perché investire

Commenti