La coalizione di governo argentina perde la maggioranza al Senato

0
200
Argentina: annunciato il nuovo governo

Il presidente argentino Alberto Fernandez ha chiesto il dialogo con l’opposizione dopo che le proiezioni delle elezioni parlamentari di medio termine hanno mostrato che la sua coalizione di governo ha perso il controllo del Senato.

Cosa è successo alla coalizione di governo argentina

La coalizione Frente de Todos (Fronte di tutti) di Fernandez sembrava destinata a scendere da 41 a 35 seggi nel Senato composto da 72 membri, sulla base delle proiezioni delle elezioni di domenica. “Se i numeri saranno confermati, di fatto abbiamo perso il quorum al Senato”, ha detto una fonte governativa all’Afp. Sono stati contati più del 90 per cento dei voti. Secondo il conteggio ufficiale, la coalizione di centrodestra Together for Change ha ottenuto il 40,1 per cento dei voti nella provincia di Buenos Aires mentre la coalizione del presidente ha ottenuto il 38,4 per cento. Insieme per il cambiamento ha portato anche a Santa Fe, Cordoba e la città di Buenos Aires, altri distretti con un peso elettorale importante. Quasi la metà dei seggi alla Camera dei deputati era in palio, così come un terzo dei seggi al Senato nelle elezioni, che si sono svolte tra la rabbia diffusa per l’alta inflazione e l’aumento della povertà.

Cooperazione con l’opposizione

Quasi la metà dei seggi alla Camera dei deputati era in palio, così come un terzo dei seggi al Senato nelle elezioni, che si sono svolte tra la rabbia diffusa per l’alta inflazione e l’aumento della povertà. Front for Everyone, che è composto da un insieme di partiti peronisti e di sinistra, è stato minacciato di cadere dalla sua posizione di blocco più grande alla Camera dei deputati. È stata in grado di approvare leggi controllando il Senato mentre faceva affidamento sul sostegno degli indipendenti nella camera bassa, dove la coalizione aveva una forte minoranza. Fernandez sarà ora probabilmente costretto a fare concessioni all’opposizione durante gli ultimi due anni del suo mandato per approvare leggi o fare nomine chiave, anche alla magistratura.

Voto punitivo

Il risultato è stato visto come un voto “punitivo” contro il governo Fernandez per le difficoltà che hanno accompagnato un calo del 10% nell’economia argentina lo scorso anno. Più del 40 per cento dei 45 milioni di abitanti del paese vive in povertà, la disoccupazione è vicina al 10 per cento e l’inflazione a ottobre ha raggiunto un tasso annuo di quasi il 42 per cento. Il governo è stato anche ferito dalla percezione di una crescente insicurezza e da una serie di scandali, tra cui le violazioni da parte di Fernandez e delle persone a lui vicine delle restrizioni sanitarie dovute alla pandemia. Il ministro dell’Interno Eduardo de Pedro ha detto che l’affluenza alle urne è stata di circa il 71 per cento, battendo il 67 per cento delle primarie di settembre, il più basso da quando l’Argentina è tornata alla democrazia.