La Cina sanziona 11 americani, tra cui i senatori Marco Rubio e Ted Cruz

La Cina ha imposto sanzioni a 11 americani, tra cui 6 legislatori, per "essersi comportati male sulle questioni relative a Hong Kong".

0
208
La Cina sanziona 11 americani

Dopo che gli USA hanno sanzionato diversi funzionari cinesi per le questioni relative ad Hong Kong, ora la Cina sanziona 11 americani. Tra questi compaiono anche 6 legislatori, tra cui i senatori Marco Rubio e Ted Cruz.

La Cina sanziona 11 americani

Continuano le tensione tra gli USA e la Cina. Dopo che Washington ha sanzionato l’amministratore delegato di Hong Kong, Carrie Lam, e altri 10 funzionari cinesi per il ruolo avuto nella repressione della libertà politica nella regione, ora Pechino ha imposto sanzioni a 11 americani.

Tra questi risultano esserci 6 legislatori. Di questi vi sono il senatore della Florida Marco Rubio, il senatore del Texas Ted Cruz, il senatore dell’Arkansas Tom Cotton, quello del Missouri Josh Hawleye quello della Pennsylvania Pat Toomey. Inoltre vi è il rappresentante alla Camera del New Jersey Chris Smith.

Il portavoce del ministro degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha motivato le sanzioni dicendo: “L’azione degli USA è stata una palese interferenza negli affari di Hong Kong e negli affari interni della Cina. Era in grave violazione del diritto internazionale e delle norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali”.

Oltre ai legislatori, gli altri cittadini americani sanzionati sono:

  • Kenneth Roth, il direttore esecutivo della Humans Rights Watch;
  • Carl Gershman, il presidente della National Endowment for Democracy;
  • Derek Mitchell, presidente della National Democratic Institute;
  • Daniel Twining, il presidente della International Republican Institute;
  • Michael Abramowitz, presidente della Freedom House.

Le reazioni dei diretti interessati

Il senatore Marco Rubio ha twittato: “Il mese scorso la Cina mi ha bandito. Oggi mi hanno sanzionato. Non voglio essere paranoico, ma comincio a pensare che non le piaccio”.

La portavoce del senatore Cruz, Lauren Blair Aronson, ha dichiarato: “La Cina pensa di poter distrarre dal suo giro di vite su Hong Kong, compreso l’arresto del combattente per la libertà Jimmy Lai, annunciando nuove sanzioni contro Cruz. Questo non funzionerà”.

Roth della Human Rights ha invece affermato che le sanzioni sono poco più che uno sforzo per distrarre l’attenzione dell’assalto cinese ai diritti del popolo di Hong Kong.

L’ex colonia ha tuttavia dichiarato che sostiene le sanzioni cinesi contro gli americani. Ha anche aggiunto che “ne faciliterà l’applicazione“.


Leggi anche: Intelligence USA dichiara che la Russia lavora contro Biden; Cina e Iran vogliono che…

Commenti