La Brigata Sassari distribuisce materiale scolastico in Libano

0
650

Importante iniziativa dei militari della Brigata Sassari che hanno distribuito quaderni e altri oggetti utili alla vita scolastica degli studenti di Tiro, in Libano. Un’iniziativa che sottolinea l’importanza della missione italiana nel paese.

Come l’Italia sta contribuendo al sostegno del Libano?

I militari della Brigata Sassari di stanza in Libano hanno deciso di contribuire in modo concreto al sostegno dell’istruzione nel paese. Il contingente italiano, impegnato nel paese in una missione di pace dell’UNIFIL, ha deciso di donare quaderni, zainetti, astucci e pennarelli ai giovani della città libanese. Tutto ciò che è stato raccolto è stato donato a due scuole pubbliche di Tiro, frequentate per la maggior parte da ragazzi poveri. La difficile situazione del Libano, alla quale si è aggiunta la pandemia di Covid 19, ha costretto i militari italiani ad intervenire. Il contingente italiano ha organizzato una raccolta di materiale utile allo svolgimento delle attività scolastiche. In collaborazione con i dirigenti delle scuole libanesi, i militari italiani di UNIFIL hanno avviato una raccolta in Italia.

Brigata Sassari: un aiuto concreto a un paese in grave difficoltà

I militari della Brigata Sassari hanno raccolto una grande quantità di materiale utile agli studenti libanesi. Nel corso di una cerimonia Iman Joumaa Assamra ,direttrice di una delle scuole pubbliche di Tiro, ha ringraziato i militari della Brigata Sassari. Nel sottolineare l’importanza del lavoro svolto dal contingente italiano, la Assamra ha evidenziato l’importanza del lavoro svolto dai nostri militari. Da sempre, infatti, la missione italiana supporta le autorità locali nel sostenere la popolazione. Oltre a operare nel quadro della risoluzione Onu 1701, con lo scopo di fornire supporto alla cessazione delle ostilità, le truppe italiane svolgono un’importante ruolo di sostegno alla popolazione. La costante presenza della Brigata Sassari, sta dando ottimi risultati sia in termini di sicurezza che di sostegno alla popolazione locale.

Brigata Sassari: una missione importante

La missione italiana in Libano ha avuto inizio nel 2006 in seguito alla risoluzione d 1701 dell’Onu che interveniva nel conflitto tra Hezbollah e Israele. Nel quadro della missione UNIFIL, i militari italiani operano nel quadro della missione LEONTE come forza di interposizione tra le truppe israeliane e i miliziani di Hezbollah. Attualmente le operazioni italiane stanno vedendo l’impiego di unità dell’esercito, tra le quali la Brigata Sassari. Si tratta di un’importante missione che ai tempi del conflitto ha consentito anche l’evacuazione, con la partecipazione della Marina Militare, dei nostri concittadini dal territorio di guerra.

L’importanza della missione italiana in Libano

L’impegno italiano in Libano ha avuto molteplici riconoscimenti internazionali. Oltre a operare nel quadro della missione UNIFIL, i nostri militari si distinguono infatti per il forte impegno favore della popolazione locale. Il difficile compito dei nostri soldati, nel quadro della missione UNIFIL, sta migliorando notevolmente le condizioni di un paese, il Libano, ormai da decenni dilaniato da guerre e conflitti interni. Con le varie iniziative a sostegno della popolazione civile, il contingente italiano sta dando un forte impulso al raggiungimento della pace.

Voci in Libano evocano la pace con Israele