domenica, Luglio 21, 2024

Cabras o Cagliari: chi vincerà La battaglia dei giganti?

In Sardegna il bottino si fa sempre più interessante. E’ in corso lo scontro tra Cabras, paese in provincia di Oristano, e Cagliari capoluogo della regione autonoma. La preda è La battaglia dei giganti di Mont’e Prama, le sculture nuragiche casualmente rinvenute durante alcuni lavori agricoli nei pressi dello stagno di Cabras, a metà degli anni Settanta. 

La battaglia dei giganti: perché è guerra?

E’ guerra tra Cabras e Cagliari, ma da cosa nasce questa disputa? Per necessità di provvedere al restauro di alcuni pezzi minori del monumento nuragico da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, Oristano e Sud Sardegna. A ciò si oppone con tutta la forza la comunità di Cabras per il sospetto che dietro questa operazione si nasconda il progetto di un definitivo trasferimento delle statue. Il paese infatti ha dato luogo ad una vera e propria battaglia dove sia il comune che i cittadini tutti sono scesi in piazza a protestare.

Turismo in Sardegna: escursione a Porto Pino nel Sud Sardegna

La comunità di Cabras

“Nessuna garanzia che questi materiali possano poi tornare a Cabras”. Spiega il sindaco Andrea Abis: “Soprattutto senza neanche prendere in considerazione la nostra proposta di eseguire a Cabras il restauro – continua – in un locale che siamo pronti a mettere a disposizione per fare di questa operazione un’ulteriore attrattiva turistica”. Sono queste le parole del primo cittadino di Cabras che, dopo essere venuto a conoscenza della decisione del restauro, ha emanato un provvedimento di chiusura del museo cittadino rendendo così impossibile ogni operazione relativa al trasferimento. Così il paese ha fatto un blocco unico e anche la Giunta regionale di Christian Solinas ha appoggiato il primo cittadino. Inoltre l’intera comunità è scesa in piazza a manifestare.


L’Oro Dei Nibelunghi : Mistica Eroica e Amore Puro

I giganti di Mont’e Prama

Non tutti conoscono i giganti di Mont’e Prama, sculture nuragiche a tutto tondo. Esse sono state ritrovate casualmente nel 1974 insieme ad un vasto cimitero, nel quale furono sepolti in postura seduta dei giovani individui. Questi sarebbero stati tutti di sesso maschile e con una muscolatura sviluppata in relazione alle immagini delle statue che ne sottolinea l’appartenenza alla classe dei guerrieri o aristocratici. Le statue sono scolpite in arenaria gessosa del luogo e la loro altezza varia tra i 2 e i 2,5 metri.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles