La bandiera americana e la sua storia

La storia della bandiera americana nello sviluppo del suo tempo

0
199

Siamo nel 1777 quando la “Stars and stripes”, ovvero la bandiera americana a stelle e strisce, fa la sua apparizione a beneficio della storia.

Siamo in piena Guerra d’Indipendenza dalla madrepatria, l’Inghilterra. All’epoca c’erano solo 13 stelle.

Tradizione vuole che la nascita della bandiera americana fosse opera di una sarta di Philadelphia, una certa Betsy Ross.

Si dice, infatti, che questa signora fosse stata convocata dall’allora Presidente George Washington, che la investì del compito di confezionare il vessillo.

In realtà quello che si sa di certo è che la signora Ross confezionò molte bandiere alla fine del Settecento, ma difficile dire se l’idea fosse attribuibile a lei.

La bandiera “stelle e strisce” probabilmente è da considerarsi un’evoluzione della bandiera della Compagnia Britannica delle Indie Orientali.

Ma è certo che la versione moderna della bandiera americana deve i suoi natali a Robert G. Heft di Lancaster, Ohio.

Questo studente diciassettenne, infatti, vinse il concorso indetto dal Presidente Eisenhower nel 1960 fra oltre mille progetti presentati.

Ma non fu solo questa la versione della bandiera americana.

Anzi, dal 1777, data della sua nascita, sono stati ben 28 gli interventi che si sono susseguiti, per aggiungere ogni volta una stella, via via che c’erano annessioni di Stati.

L’aggiunta della stella è sempre stata una cerimonia ufficiale, che si svolge a Philadelphia nell’Independence Day, il 4 luglio, in quanto si ricorda la fondazione della nazione.

Le ultime due celebrazioni sono del 1959, con l’annessione dell’Alaska, e del 1960, con le Hawaii.

La bandiera americana è venuta via via nella sua storia ad incarnare il coraggio e l’integrità degli uomini, ricordando libertà e uguaglianza per tutti.

Il colore blu rappresenta il cielo, la lealtà e la fede. Incarna i principi di libertà, giustizia e umanità.

Una bandiera sotto il cui vessillo si sentono protetti 300 milioni di cittadini americani.

Commenti