Kumi Naidoo presenta le proprie dimissioni da Amnesty International

0
296

Una notizia improvvisa quella che ha scosso molti attivisti e attiviste di una delle associazioni per la tutela dei diritti umani più visibili e conosciute a livello globale, Amnesty International.

Il 6 dicembre scorso è stato reso ufficialmente noto che il segretario generale Kumi Naidoo ha lasciato l’incarico per motivi di salute e su consiglio del medico.

Naidoo, classe 1956, è un’attivista sudafricano con esperienza come ex Direttore Esecutivo anche per la ONG (organizzazione non governativa Greenpeace).

La fine dell’incarico ha avuto effetto immediato e al momento al suo posto temporaneamente ha preso l’incarico la vicesegretaria generale Julie Verhaar.

“Ho sempre considerato Amnesty International come uno dei più importanti attori mondiali ed è con estremo malincuore che ho preso la decisione di lasciare il mio incarico. Ora più che mai l’organizzazione ha bisogno di un segretario generale adatto alla lotta e che possa svolgere l’incarico con la vitalità che la missione della difesa universale dei diritti umani merita È stato un gran privilegio lavorare con uno staff e con dei volontari eccellenti e impegnati, al Segretariato internazionale e nelle Sezioni nazionali. Sono stato ispirato dal coraggio e dall’importanza del lavoro del nostro movimento. Ma a causa della mia salute non ho avuto altra scelta se non quella di prendere questa dolorosa decisione. Devo recuperare la mia salute e immaginare un modo più sostenibile di continuare a contribuire alla lotta per la giustizia“, ha dichiarato Kumi Naidoo.

Amnesty International ha fatto sapere che l’ex segretario generale parteciperà agli impegni già presi per il mese di dicembre se i problemi di salute glielo permetteranno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here