Kulu, orso polare nato in cattività, si unisce ai due dello Zoo di Como

0
154

Kulu è un orso polare di 2 anni, nato nello zoo di Columbus nel 2019. Kulu è stato trasferito allo Zoo di Como, dove sarà il terzo orso polare, insieme a Nan e Neil, entrambi più di 25 anni.

Perché Kulu è stato trasferito?

Per ora, Kulu è in quarantena, lontano da Nan e Neil. Sebbene inizialmente Kulu sia separato, può sentire, vedere e annusare i suoi vicini. “Devi prendere a calci i cuccioli a un certo punto, quando si tratta di aver bisogno di riprodursi di nuovo“, dice la custode senior dello zoo di Como, Allison Jungheim. Kulu, il suo nome è un vezzeggiativo Inuit, era il quinto cucciolo nato dagli orsi in Ohio e l’unico orso polare nato in uno zoo nordamericano nel 2019. Il trasferimento del giovane orso, parte del piano di sopravvivenza delle specie dell’Associazione degli zoo e degli acquari, potrebbe essere temporaneo.

Le difficoltà del monitoraggio degli orsi polari

Gli orsi polari affrontano minacce crescenti per il loro habitat naturale mentre l’Artico si riscalda. I ricercatori fanno fatica a rintracciare e comprendere meglio gli orsi selvatici, in parte a causa dell’anatomia dell’orso. Gli orsi maschi adulti hanno colli enormi, delle stesse dimensioni dei loro crani, quindi non possono indossare collari di rilevamento. I dispositivi abbastanza grandi da essere sicuri scivolano via dalle loro teste. Gli scienziati di 3M hanno lavorato per sviluppare un modo per collegare localizzatori GPS delle dimensioni di un pollice alla loro pelliccia. Kulu ha già un prototipo tra le scapole, dove non può raggiungerlo e grattarlo via. Il localizzatore ha spazzole d’acciaio, simili ai bigodini, per aggrapparsi alla sua pelliccia. Jungheim dice che il personale dello zoo terrà d’occhio lui e il localizzatore. “Stiamo cercando di perfezionare le nostre tecniche per l’applicazione, con la speranza che continui a funzionare bene. La speranza è che rimanga acceso per 270 giorni, perché è la quantità di tempo che la batteria durerebbe nei localizzatori GPS che userebbero sugli orsi selvatici”, ha detto Jungheim.