Kosovo: l’impatto di Donald Trump sulla situazione politica

Il partito di Sinistra potrebbe vincere le elezioni del 14 febbraio

0
799
Kosovo

Nel 2020, il governo di coalizione del Movimento per l’autodeterminazione del Kosovo era finito in un colpo di Stato politico, sotto la pressione dell’amministrazione Trump negli USA. Trump aveva bisogno di successi nell’ambito diplomatico per la sua campagna di rielezione, e il partito kosovaro di Albin Kurti era tra essi.

Che impatto hanno avuto le decisioni di Trump sul Kosovo?

Nel marzo dello scorso anno, il governo di coalizione del Movimento per l’autodeterminazione, del Kosovo LVV, guidato da Albin Kurti, era finito in una sorta di colpo di Stato politico. il presidente USA Donald Trump, in corsa per la rielezione, cercava dei successi diplomatici in proprio vantaggio. Così, attraverso le continue pressioni esercitate da parte della sua amministrazione nei confronti della coalizione kosovara, hanno portato a un fallimento di essa. La Casa Bianca di Trump voleva che Kosovo e Serbia firmassero quello che il presidente definiva un accordo di pace. Tuttavia, i due Paesi dei Balcani non erano di fatto in guerra. Kurti, che riteneva insignificante un accorso simile, si era opposto a queste trattazioni.

La risposta degli USA alla decisione di Kurti e la presa al potere di Hoti

La risposta degli USA non si era certo fatta attendere. L’inviato speciale statunitense per la Serbia e il Kosovo Richard Grenell iniziò a esercitare un’enorme pressione sulla coalizione minoritaria di LVV. La Lega democratica del Kosovo LDK, di destra, ritirò di conseguenza il suo sostegno al governo. Nel mese di giugno del 2020, il membro di LDK Avdullah Hoti formò un nuovo governo di coalizione. Lui è il presidente serbo Aleksander Vucic firmarono i cosiddetti accordi di pace di Trump tre mesi dopo, alla Casa Bianca. Il 21 dicembre, la Corte costituzionale del Kosovo stabilì che il governo era incostituzionale. Questo fece sì che venissero stabilite delle nuove elezioni parlamentari, con data 14 febbraio. I sondaggi attuali mostrano il partito di Kurti in testa. Il Kosovo potrebbe così riprendersi dalla situazione conseguente all’influenza di Trump sul governo di Hoti.

Elezioni in Kosovo del 14 febbraio: LVV in vantaggio

Il governo di Sinistra di Albin Kurti, salito al potere nel febbraio 2020, aveva un programma fondamentalmente progressista, che si distaccava dalle ideologie degli anni Novanta. Il suo programma si basava perlopiù su questioni economiche e sforzi contro la corruzione. Vi erano quindi diverse tensioni fra l’amministrazione Kurti e la vecchia élite politica dello Stato. Quest’ultima si era pertanto alleata con l’amministrazione Trump. Dal canto suo, con Kurti Trump sapeva di non poter firmare alcun accordo di pace. Tutto ciò potrebbe aver portato al potere una coalizione di Destra, più incline agli ideali della vecchia élite politica kosovara.

Sembra però che l’incostituzionalità del governo Hoti possa riportare al potere l’LVV, considerato il partito favorito alle elezioni parlamentari di oggi. Punto focale del programma del partito è la revisione del sistema giudiziario, nonché sei servizi di intelligence e della polizia. è comunque probabile che a comunità internazionale possa chiedere un dialogo con la Serbia.


Leggi anche: Kosovo – Nuovo governo si fonda su voti da Belgrado cosi il Presidente Parlamento…