Ennesima tegola per una Juventus che, si, riesce a vincere a stento sul Cagliari, ma che non riesce proprio a brillare come sempre accaduto da 5-6 anni a questa parte.

Nella sfida di sabato 6 gennaio 2018 allo  Juventus Stadium, l’argentino Paulo Dybala ha dovuto rigorosamente lasciare il terreno di gioco per infortunio. Viste le lacrime del bomber, al momento del cambio , i tifosi e la società compresa hanno sin da subito temuto il peggio.

Trattasi di lesione distrattiva ai flessori della coscia destra di livello lieve-medio.
Mediante un comunicato ufficiale, i bianconeri hanno reso pubblica la notizia che il neo-numero 10 della Juventus, dopo essersi sottoposto ad una risonanza magnetica, inizierà sin da subito il suo percorso di recupero. L’infortunio colpisce ancora una volta la stessa zona fisica. Pare infatti che sia la stessa gamba già stata  ‘ferita’ lo scorso 22 ottobre 2016 durante il match contro il Milan, a San Siro.

L’unico grande obiettivo, per Max Allegri, è quello di poter riuscire a recuperare la ‘Joya‘ prima dell’attesissimo appuntamento di Champions League contro il Tottenham. La sfida valevole per gli ottavi di finale , avrà luogo il prossimo 13 febbraio in casa juventina.
Riuscirà a farcela Dybala?
Per i tifosi bianconeri non resta che attendere e sperare in un breve e intenso recupero.

Quasi certa l’assenza del ventiquattrenne attaccante nelle sfide di campionato contro Genoa, Chievo, Sassuolo, Fiorentina e nella semifinale di Coppa Italia contro la brillante Atalanta di Gasperini, uscita vittoriosa dallo Stadio Olimpico di Roma proprio nell’ultima di campionato di ieri pomeriggio.

Nel corso della stessa partita in cui Dybala ha avuto, purtroppo, la peggio, ad esserne usciti ‘malconci’ anche il tedesco Samir Khedira e il difensore della nazionale italiana Giorgio Chiellini. Le condizioni dei due juventini restano sicuramente migliori rispetto a quelle dell’argentino. Lieve ferita all’arcata sopracciliare per il leader della difesa e colpo alla testa per il centrocampista.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here