Jerzy Grotowski il riformatore del teatro

0
243
Jerzy Grotowski

Direttore, educatore, creatore di metodi di recitazione. Nato nel 1933 nella città di Rzeszów nella Polonia sud-orientale, Jerzy Grotowski è morto nel 1999 a Pontedera, in Italia. È considerato uno dei più grandi riformatori del teatro del 20 ° secolo.

Nel 1955 Grotowski si laureò alla Scuola superiore di teatro statale di Cracovia con una laurea in recitazione. Ha continuato a studiare regia presso l’Istituto di arte teatrale Lunacharsky (GITIS) di Mosca nel 1955-1956. Fu lì che apprese le tecniche di recitazione e gli approcci artistici di grandi del teatro russo come Stanislavsky, Vakhtangov, Meyerhold e Tairov.

Al suo ritorno in Polonia, assunse una cattedra alla scuola di teatro di Cracovia e iniziò a studiare regia teatrale (1956-1960). Debutta come regista nel 1957 allo Stary Theatre di Cracovia, dove collabora con Aleksandra Mianowska alla produzione di The Chairs di Eugene Ionesco. Grotowski ha anche creato spettacoli radiofonici per il Radio Theater polacco. Questi erano basati principalmente su leggende cinesi e tibetane e sul vecchio dramma indiano Shakuntala. In questo periodo ha anche preparato e condotto una serie di conferenze sulla filosofia asiatica presso il club studentesco Pod Jaszczurami (UndertheSign of the Lizards). Nel 1958 diresse un laboratorio di produzione di The Devil Made a Woman di Prospero Mérimée – la produzione di fine anno degli studenti del quarto anno del Dipartimento di recitazione della Scuola superiore di teatro di Cracovia – nonché una produzione di Bogowie deszczu (Gods of Rain), opera contemporanea di Jerzy Krzysztoń, al Teatro Kameralny di Cracovia. Sarebbe tornato a questo spettacolo più tardi, assemblando una nuova versione al Teatr 13 Rzędów (Thirteen Row Theatre) di Opole. Nel 1959 diresse anche una produzione dello Zio Vanja di Anton Cechov allo Stary Theatre di Cracovia, anche se nello stesso anno si trasferì definitivamente a Opole, dove assunse la direzione artistica del Teatr 13 Rzędów. L’istituzione ottenne anche un nuovo regista letterario, Ludwik Flaszen, critico letterario e teatrale, precedentemente anche direttore letterario del teatro J. Słowacki di Cracovia. La collaborazione di Grotowski con Flaszen portò presto i suoi frutti alla creazione di un teatro d’avanguardia che divenne anche un centro dinamico per la ricerca nelle arti teatrali.

Jerzy Grotowski e il laboratorio di teatro

La prima produzione teatrale di Opole, Orpheus di Jean Cocteau, fu presentata per la prima volta nel 1959. Nella stessa istituzione, un anno dopo, Grotowski diresse inoltre Cain, Mystery-Buffo di George Byron dopo Vladimir Mayakovsky e Shakuntala dopo Kalidasa. Con quest’ultima produzione, il regista ha iniziato la sua collaborazione con l’architetto Jerzy Gurawski. La loro cooperazione su una nuova organizzazione dello spazio teatrale alla fine porta all’abolizione della divisione tra palcoscenico e auditorium. L’unica produzione che Grotowski creò in quel momento al di fuori del suo teatro fu Faust dopo Johan Wolfgang Goethe, prodotto al Polski Theater di Poznań (1960), per il quale Grotowski collaborò alla scenografia con il pittore Piotr Potworowski. Nel 1961, nell’ambito della ‘Fase pubblica’ del Teatr 13 Rzędów, il regista mise insieme due produzioni che erano i cosiddetti montaggi di fatti: Turyści (Turisti) e Gliniane Gołębie (Clay Pigeons) erano basati su documenti autentici, film documentario filmati e registrazioni audio d’archivio. Lo stesso anno, ad Opole, Grotowski ha diretto Dziady (Forefather’s Eve) di Adam Mickiewicz, seguito un anno dopo da un altro dramma romantico: il Kordian di Juliusz Słowacki. Sempre nel 1962, Grotowski lavorò con Józef Szajna alla prima e alla seconda variante di Akropolis (Acropoli), sulla base di un testo di Stanisław Wyspiański. A questo punto, il poster della produzione rifletteva il nuovo nome del teatro basato su Opole – Teatr Laboratorium 13 Rzędów (13 Row Laboratory Theatre). Prima della chiusura del Laboratory Theatre nel 1965, Grotowski ha diretto lì una serie di altre produzioni, tra cui Tragiczne dzieje doktora Fausta (The Tragic Fate of Doctor Faust), basato sul testo di Christopher Marlowe (1963), Studium o Hamlecie (A Study of Hamlet ), dopo William Shakespeare e Stanisław Wyspiański (1964), e una terza variante di Akropolis (Acropoli) dopo Stanisław Wyspiański (1964).

Dopo la chiusura del teatro di Opole, Jerzy Grotowski e il suo gruppo si trasferirono a Breslavia. La prima premiere del Teatr Laboratorium 13 Rzędów nella sua nuova casa fu una quarta variazione su Akropolis (Acropoli) dopo che Stanisław Wyspiański (1965), preparato, come tutte le precedenti variazioni, in collaborazione con Józef Szajna. I creatori della produzione hanno messo insieme la sua quinta e ultima variante due anni dopo, nel 1967.

Sempre nel 1965, il teatro di Breslavia, che Grotowski chiamava anche Instytut Badania Metody Aktorskiej / Institute for the Study of Acting Methods, presentò due variazioni sull’adattamento di Sderowi di The Constant Prince di Calderon. Nel 1968 Grotowski presentò una terza variante del pezzo. Nel 1967 Grotowski e il suo ensemble abbandonarono il lavoro su una produzione intitolata Ewangelie (Vangeli). Prima di questo, tuttavia, la troupe ha tenuto una prova generale dell’opera teatrale e diverse proiezioni chiuse. Questi studi, che descrivono la vita di Cristo e la dimensione contemporanea di assumere una posizione cristiana, hanno trovato la loro continuazione in una produzione rivoluzionaria del teatro di Grotowski intitolata Apocalypsis Cum Figuris, che attingeva a citazioni dalla Bibbia, le opere di Fyodor Dostoyevsky, Thomas S. Eliot e Simone Weil. L’apocalisse Cum Figuris, che insieme ad Akropolis e The Constant Prince, divenne la più famosa delle produzioni di Grotowski in tutto il mondo e fu infine realizzata in tre diverse versioni: la prima nel 1968, seguita da versioni successive nel 1971 e 1973. Tutte queste furono prodotte al teatro di Breslavia, che ha acquisito un nuovo nome nel 1971 – Actors ‘Institute – Laboratory Theater. Grotowski ha creato queste produzioni in collaborazione con il suo attore protagonista, Ryszard Cieślak. Negli anni ’60 e ’70 il Laboratory Theatre partecipò a una serie di grandi tournée straniere e partecipò alla maggior parte dei festival teatrali più importanti del mondo.

In una delle sue prime produzioni, il controverso Bogowie deszczu (Gods of Rain), il regista Grotowski, come Zbigniew Osiński ha registrato per iscritto, “si è scontrato con l’autore, mentre il suo teatro si è scontrato con la letteratura. Grotowski non solo cambia il titolo dell’opera teatrale (l’originale era Rodzina pechowców (Famiglia sfortunata)), ma intrecciava il testo originale con frammenti di altre opere poetiche e aggiungeva un film come prologo. Nel programma per la produzione, Grotowski ha citato una delle massime di Meyerhold: “Selezionare la commedia di un autore, non significa condividere le sue opinioni”. In seguito avrebbe dovuto approfondire questo argomento in un’intervista: “Per quanto riguarda il mio atteggiamento nei confronti del testo drammatico, penso che il regista debba trattarlo esclusivamente come un tema sul quale costruisce una nuova opera d’arte che è lo spettacolo teatrale” ( R. Konieczna, Przed premiera “Pechowców”. Rozmowa z reżyserem (Prima della premiere di “The Unlucky” – Una conversazione con il regista).

Da quel momento, difenderebbe costantemente il diritto di un regista di lavorare al testo, con la maggior parte delle sue produzioni successive costruite “secondo” o “basate sulle parole dell’autore del testo”. Il suo desiderio non era quello di raccontare la storia in modo tradizionale. Tentò invece di trasformare i drammi in allestimenti mentalmente coerenti. Con le sue due prime anteprime successive, Orfeusz (Orpheus) e Kain (Cain), Grotowski ha messo in dubbio la funzione che la letteratura svolge tradizionalmente in teatro, modificando le sue produzioni come regista potrebbe modificare un film. Fu accusato di concentrarsi eccessivamente sulla sperimentazione formale. Egli stesso avrebbe successivamente ammesso che Caino era “più un esorcismo del teatro convenzionale che una proposta per un controprogramma” (Jerzy Grotowski, Teatr Laboratorium 13 Rzędów, in: 5. Festiwal Polskich Sztuk Wspolczesnych (5 ° Festival degli spettacoli polacchi contemporanei, Breslavia , 17-25 ottobre).

Grotowski ha continuato a costruire il proprio “programma”, conducendo ricerche approfondite sul rapporto tra il palcoscenico e il pubblico e, di conseguenza, tra l’attore e il pubblico. A Sakuntala il pubblico ha assunto il ruolo di eroe collettivo, mentre nella vigilia degli antenati sono stati trattati come i partecipanti di un rituale. In Kordian erano i pazienti di un reparto psichiatrico, mentre in Faust divennero il confessore dell’eroe. Durante questo periodo il regista e la sua troupe si sono concentrati soprattutto sulla ricerca di nuove forme espressive per gli attori. Il lavoro svolto dalla troupe su Shakuntala si è rivelato particolarmente significativo in questo senso. Come diceva Grotowski:

In questa produzione abbiamo testato le possibilità di creare segni all’interno del teatro europeo. Le nostre intenzioni non erano completamente prive di malizia: abbiamo cercato di creare una produzione che sarebbe stata un’immagine del teatro orientale, non del tutto autentica, ma simile al modo in cui gli europei lo immaginano. […] Tuttavia, sotto la superficie di questa ricerca che era allo stesso tempo derisiva e diretta contro lo spettatore, c’era un programma nascosto: lo sforzo di scoprire e rivelare un sistema di segni che sarebbe appropriato per il nostro teatro e appropriato per la nostra civiltà.

Grotowski ha ammesso che questo percorso doveva condurre alla creazione di segni che sarebbero stati uno schema prestabilito, ma allo stesso tempo, è stato il lavoro su questa produzione che ha portato, come dice il regista, “all’avvio di una ricerca nel regno delle reazioni umane organiche e alla creazione di una struttura di queste reazioni. Questo è ciò che è derivato da questa avventura più fruttuosa nella storia della nostra troupe, in particolare, ha portato alla nostra ricerca sull’arte della recitazione ‘(Jerzy Grotowski, Teatr a rytuał / Theatre and Ritual).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here