IV serata del Magna Graecia Film Festival: sul Red Carpet Alessandro Haber e Alessandro Capitani – FOTOGALLERY

0
508

Ieri si è svolta la quarta serata del Magna Graecia Film Festival con la proiezione del film drammatico in concorso “In viaggio con Adele” del regista Alessandro Capitani, ospite speciale della serata insieme all’attore protagonista Alessandro Haber. Tra il pubblico anche l’attrice Milena Vukotic.

Leggi anche: XVI Edizione del Magna Graecia Film Festival, la rassegna cinematografica di Gianvito Casadonte

Prima dell’accensione dei riflettori sul red carpet, un giovane scrittore calabrese, Matteo Transtevere, è salito sul palco del MGFF accanto alla conduttrice dell’evento, Carolina Di Domenico, per parlare del suo libro uscito da pochi mesi, “Il Masai bianco”: <<Si tratta di un romanzo. Per chi non lo sapesse, quella dei Masai, è una tribù che vive in Africa, tra Kenya e Tanzania e il romanzo parla di un uomo bianco, moderno, che finisce in un posto di neri poveri. Quello che facciamo noi, spesso, quando incontriamo qualcuno: se quel qualcuno ha delle idee simili alle nostre, allora possiamo essere amici. Se invece è diverso, prima proviamo a portarlo alle nostre idee e alle nostre convinzioni, se la cosa non funziona, nel migliore dei casi diciamo “grazie, arrivederci”, nel peggiore dei casi portiamo i carri armati a casa sua. Questo libro parla di un incontro/scontro tra due mondi diversi. Il protagonista del libro fa una scelta un po’ coraggiosa: prima è contro tutto quello che fa questa tribù e poi, invece di provare a cambiare gli altri, inizia ad indagare sul perché delle sue scelte. Lo fa coraggiosamente e scopre che la chiave è lì. […] per chi volesse spingersi un pochino oltre, è un libro che offre delle riflessioni, delle domande al lettore>>.

“In viaggio con Adele”

Alessandro Haber – ospite al MGFF da dieci anni – dopo aver attraversato il red carpet, è salito sul palco con molta ironia, di fianco alla conduttrice Di Domenico e al regista Capitani che, dopo la proiezione dei film, sono stati protagonisti del dibattito sul film “In viaggio con Adele”, un’opera prima.

<<Adele è una ragazza speciale. Libera da freni e inibizioni, indossa solo un pigiama rosa con le orecchie da coniglio, non si separa mai da un gatto immaginario e colora il suo mondo di post-it, dove scrive i nomi di ciò che la circonda. Cinico e ipocondriaco, Aldo è un attore di teatro che, appoggiato da Carla – sua agente, amica e occasionale compagna di letto – si trova alla vigilia della sua grande ultima opportunità nel mondo del cinema. L’improvvisa morte della mamma di Adele sconvolge i piani di Aldo che scopre, solo ora, di essere il papà della ragazza. Con il compito di dirle la verità e l’intento di liberarsene, Aldo parte con Adele risalendo dalla Puglia su una vecchia Cabrio per affrontare una viaggio dalla meta incerta>>.

Un film che ha fatto ridere e commuovere nel finale in cui, semplicemente, ogni nodo della storia si scioglie. Nel dibattito conclusivo, Alessandro Haber e Alessandro Capitani, spiegano al pubblico i retroscena del film, rispondendo alle domande del pubblico: <<Questo film è bellissimo perché inizia con la scena dell’obitorio, in cui questa ragazza scrive un post-it con un punto interrogativo, e poi il film finisce con l’ultimo post-it con scritto “Papà”. Quindi c’è un arco stupendo che fa questo biglietto rosa. Ed è anche una riflessione sul mondo di oggi: siamo tutti con gli smartphone, con le storie di instagram che durano solo 24h e tutto scorre, non rimane più niente. Abbiamo perso la voglia di scrivere, la voglia di fissare le cose, di segnarcele. E questa ragazzina stramba fa quello che noi non facciamo oggi: fissa le cose, le fissa in maniera divertente, ma anche in maniera profonda. […] quindi ci piaceva questo gioco, che in qualche modo riflette anche la condizione di oggi. […] Un invito a cercare di capire che alcune volte i valori importanti sono altri, che ci sfuggono. E invece dobbiamo soffermarci un po’ di più e riflettere sulle cose vere>>.

Alessandro Capitani ha sottolineato in particolar modo un momento del film: <<C’è una scena bellissima nel film, la scena in cui arrivano nella Casa Famiglia. All’interno della Casa Famiglia quei ragazzi che recitano sono tutti con la sindrome di Asperger, sono dei pazzarelli veri. Noi in questo film abbiamo fatto un piccolo miracoli, li abbiamo fatti recitare. […]Delle volte ci domandiamo cosa è normale e cosa non lo è. Questo film attraversa e salta sempre da una parte all’altra. Aldo parte come quello normale, come quello più vicino a noi, ma poi durante il percorso scopriamo che è Adele quella che di più ci assomiglia>>.

Alessandro Haber commenta in particolar modo una scena del film che lui stesso ha ideato: il momento in cui Aldo riesce a vedere, nelle ultime scene del film, il gatto immaginario di Adele: <<La scena del gatto è un’idea mia, non c’era in sceneggiatura, quando Aldo vede il gatto è il momento in cui accetta il suo mondo e decide di vivere la vita con Adele. […] Sono due solitudini e due vuoti che si ritrovano, che si riempiono. E lui rinuncia a tutto per lei, facendo quello che tutti i padri farebbero>>.

Anche il pigiama con le orecchie da coniglio, che Adele indossa per quasi tutto il film, non è del tutto casuale: rappresenta il modo di essere “codardi” nella vita, senza prendersi le proprie responsabilità: <<Quel pigiama è una sorta di maschera che Adele indossa per proteggersi da ciò che la spaventa, un po’ come capita quotidianamente nella vita di ogni uomo>>.

Leggi anche: III serata del Magna Graecia Film Festival. Sul Red Carpet, Francesco Pannofino e Mia Benedetta

Il programma di oggi:

h. 12:00 Hotel Perla del Porto: conferenza stampa con Valerio Mastandrea, Chiara Martegiani, Milena Vukotic e Milena Mancini (cast del film “Ride”). Modera Antonio Capellupo.

h. 17:30 Nuovo Supercinema: masterclass di Valerio Mastandrea. Modera Antonio Capellupo.

h. 18:15 Blanca Cruz (Caminia): presentazione del libro “Quattro piccole ostriche” (HarperCollins) di Andrea Purgatori. Modera Andrea Di Consoli.

h. 18:15 Hotel Perla del Porto: presentazione del libro “Sono italiana, ma voglio smettere” (Ultra) di Francesca Reggiani. Modera Donatella Soluri.

h. 21:00 Area Porto: red carpet e proiezione del film “Ride” di Valerio Mastandrea. Tanti ospiti speciali. Conduce Carolina Di Domenico. A fine proiezione, seguirà dibattito con il cast.

Commenti