Italia Nostra mostra preoccupazione per il Teatro Greco di Velia

Si ad interventi di restaurazione purché non deturpino l’originalità della struttura

0
317
Teatro Greco di Velia

Quando si parla di restaurazione, si intende appunto mettere in condizioni originarie un sito, un manufatto e pure un’opera d’arte. Ed è proprio da questo punto che Italia Nostra, prende posizioni in merito ai cambiamenti attuati al Teatro Greco di Velia. Dopo aver preso visione di alcune foto della strutturazione della cavea, non pochi dubbi sono scaturiti nel vedere l’utilizzo dei nuovi intonaci.

Cosa scrive Italia Nostra nella lettera inviata al Mibac?

Attraverso una lettera inviata al Mibac, Italia Nostra, esprime le perplessità di come la struttura stia radicalmente stravolgendosi. In particolare fa notare che viene lasciando poco spazio alla storia che ruota attorno ad essa. Domandano lecitamente se i lavori in corso, fossero stati approvati da una struttura di esperti archeologi statali. Italia Nostra, infatti, si mostra disponibile e non contraria ad ospitare nel sito eventi pubblici, benché, per la realizzazioni di questi ultimi, non si debba cambiare nettamente lo scheletro primario del Teatro Greco di Velia. Per ovviare alla possibile problematica, ha inoltre proposto delle soluzioni alternative per ottenere un compromesso fra il mantenimento del sito originale e gli eventi pubblici.


Top 10 dei posti da visitare in Sicilia


Le possibili soluzioni suggerite da Italia Nostra per il Teatro Greco di Velia

Sarebbe possibile infatti, l’utilizzo di materiali leggeri come strutture lignee o metalliche, che non andrebbero di certo a cambiare la struttura, ma essendo amovibili, permetterebbero agli ospiti di avere lo spazio necessario e, la rimozione degli stessi in caso di inutilità. L’uso dei materiali leggeri, si locherebbe nella zona destra della cavea, ciò significherebbe mantenere illibata la zona che nel Medioevo portò alla distruzione di una parte del teatro e la configurazione dello spazio della stessa.