Con 72.039 ettari andati in fumo, il nostro Paese è secondo solo al Portogallo (115.323 ettari) per estensione bruciata

Nell’estate 2017 l’Italia, con 371 roghi divampati, è il primo Paese in Europa per numero di incendi boschivi. Inoltre con 72.039 ettari andati in fumo è seconda solo al Portogallo (115.323 ettari) per estensione bruciata. E’ quanto emerge da una mappa, aggiornata al 27 luglio, del Centro di coordinamento per la risposta all’emergenza della Commissione europea. In Spagna gli incendi sono stati 43, mentre in Francia 22.


Coldiretti: più caldo e meno pioggia, mix esplosivo – Il luglio bollente e le precipitazioni in calo del 42% hanno creato “un mix esplosivo che aggrava la siccità nei campi e alimenta gli incendi anche provocati dai piromani”. E’ quanto afferma la Coldiretti, precisando che le anomalie maggiori si verificano nel Centro Italia.

 Nelle campagne salgono a oltre 2 miliardi le perdite provocate da siccità e incendi alle coltivazioni e agli allevamenti. Le colture più colpite sono i cereali, il pomodoro da industria, l’olio di oliva, gli ortaggi e i legumi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here