Irlanda, leader di Sinn Feìn si è scusata per l’assassinio di Lord Mountbatten

0
206
Mary ou McDconald, leader di Sinn Fein

Era il 27 agosto 1979 quando Louis Mountbatten, l’ultimo vicerè dell’Impero Anglo-Indiano, nonchè zio del Principe Filippo, fu assassinato da un raid dell’IRA.

Ora, a distanza di decenni, la leader di Sinn Feìn, partito di sinistra legato all’IRA, ha chiesto scusa per l’assassinio del aristocratico inglese. Mary Lou McDonald, in una intervista al Times Radio, ricollegandosi alla morte di Filippo di Edimburgo, si è scusata con lui per la morte dello zio e ha confermato di essere ora distante dagli ideali che guidavano l’IRA.

Chi era Louis Mountbatten, zio di Filippo di Edimburgo?

Le scuse della leader irlandese sono un buon motivo per ricordare lo zio di Filippo di Edimburgo. Lous Mountbatten era una delle figure pià note all’interno degli ambienti britannici ed era conosciuto come mentore di Carlo d’Inghilterra. Durante la sua vita ha ricoperto alcuni ruoli importanti. Vicerè dell’Impero Anglo-Indiano, capo di Stato Maggiore della marina inglese e primo governatore generale dell’India indipendente.

La sua vita si è spenta in uno dei pochi attentati contro la famiglia Windsor. Era il 28 agosto 1979, nella Baia di Sligo, a Mullaghmore, ormeggiava l’imbarcazione con a bordo Lord Mountbatten ed altre persone: la baronessa Brabourne, Nicholas Knatchbull, il figlio della figlia maggiore di Lord Mountbatten, e Paul Maxwell, un ragazzo quindicenne presente sull’imbarcazione. Alcuni membri dell’IRA, che erano soliti passare da quelle parti, saputa della presenza di un illustre rappresentante della casata inglese, decisero di mettere in piedi l’attentato. Posizionarono una bomba controllata di 50 libbre proprio in cui sarebbe passata l’imbarcazione, la Shadow V. Appena arrivò alla baia di Donegal ci fu una terribile esplosione, in cui morirono l’ammiraglio ed altre tre persone.


Irlanda del Nord: Casa Bianca esprime preoccupazione per violenze

Morte Principe Filippo: i commoventi omaggi dei figli

Tempesta Aiden tra l’Irlanda e Regno Unito: ecco la situazione

Commenti