Iraq: drone colpisce aeroporto internazionale di Erbil

0
229
Iraq: drone colpisce aeroporto

Continuano gli attacchi in Iraq contro obiettivi statunitensi. Nella notte tra il 6 e il 7 luglio un drone ha colpito l’aeroporto di Erbil, Iraq, nel quale si trovano le forze statunitensi. La notizia, riportata dal quotidiano al-Arabiya, è stata confermata dalla coalizione internazionale anti-ISIS e anche dal Pentagono. A compiere questi attacchi sono i gruppi filo-iraniani, come Hezbollah. Il portavoce di Hezbollah ha detto che ci sarà un “asse di resistenza” contro le forze statunitensi in Iraq.

Iraq: drone colpisce aeroporto di Erbil?

L’aeroporto di Erbil, situato nella regione del Kurdistan iracheno, è stato colpito da un attacco con droni nella notte tra il 6 e il 7 luglio. La notizia è stata riportata per prima dal quotidiano al-Arabiya . Poi confermata dalla coalizione internazionale anti-ISIS, la quale vede alcune sur truppe ospitate nella sezione militare dell’aeroporto di Erbil. Anche il Pentagono ha confermato la notizia, sottolineando che non vi sono state vittime o gravi danni. Le autorità aeroportuali hanno riferito che, dopo una breve interruzione, il traffico aereo è tornato alla normalità. Il governatore di Erbil, Omid Khoshnaw, ha definito l’attacco “un attentato terroristico per eccellenza”.

Erbil è oggetto di numerosi attacchi

Non è la prima volta che Erbil è oggetto di attacchi volti a colpire obiettivi statunitensi. Attacchi simili si sono verificati anche il 14 aprile, sempre contro l’aeroporto internazionale, e il 26 giugno, quando 4 droni, carichi di esplosivi, sono caduti sul villaggio di Bragh, a circa tre chilometri di distanza dalla sede del nuovo consolato USA. Tutti questi episodi sono operazioni condotte contro obiettivi statunitensi sul suolo iracheno per mano di gruppi filo-iraniani, come Hezbollah.

Il portavoce di Hezbollah, Mohi Muhammad, ha parlato di un “asse della resistenza”, la cui missione è prepararsi costantemente a far fronte a qualsiasi minaccia, dalla presenza statunitense a quella posta da Israele e dallo Stato Islamico.  Ha detto: “La presenza delle forze statunitensi in Iraq è illegale, in quanto contraddice la decisione del Parlamento iracheno. Washington potrebbe rimanere sorpresa dalle capacità e dalle armi della resistenza nel caso in cui osi sfidare la volontà irachena e continuare a tenere proprie truppe nel Paese”.


Iraq: abbattuto drone-bomba diretto sull’ambasciata USA a Baghdad

Gli USA conducono raid aerei tra Siria e Iraq

Iraq: attacco alla base americana a Baghdad