giovedì, Luglio 18, 2024

Iraq: al-Sadr annuncia il ritiro dalla politica

Il leader sciita dell’Iraq Moqtada al-Sadr ha annunciato il suo ritiro dalla politica. Sono passati nove mesi da quando ha vinto le elezioni, ma non è ancora riuscito a formare un governo. Sadr accusa i politici filo-iraniani per il mancato accordo per un nuovo governo. Il prolungato stallo politico ha fatto infuriare i sostenitori di Sadr, che alla fine di luglio hanno preso d’assalto il parlamento. Ora si teme un’ulteriore destabilizzazione dell’Iraq.

Iraq: il leader sciita al-Sadr annuncia il ritiro dalla politica

Il potente leader sciita iracheno Moqtada al-Sadr, vincitore alle elezioni legislative dello scorso ottobre, ha annunciato il suo ritiro definitivo dalla politica e la chiusura di tutte le istituzioni del proprio Movimento, ad eccezione del Santuario santo, del Museo nobile e dell’Autorità per il patrimonio di al Sadr. Al-Sadr ha anche affermato che avrebbe chiesto a tutti i leader di ritirarsi dai rispettivi incarichi per far posto alle riforme. Il leader sciita ha preso tale decisione in risposta ad un prolungato e “inammissibile” stallo politico e istituzionale per la formazione del nuovo governo.  

Si teme una maggiore instabilità

La decisione di al-Sadr potrebbe alimentare l’instabilità.  Sadr ora insiste sulle elezioni anticipate e sullo scioglimento del parlamento. Secondo il leader sciita, infatti, nessun politico che è stato al potere dall’invasione degli Stati Uniti nel 2003 può ricoprire un incarico. Alle elezioni di ottobre 2021 il partito di Sadr aveva conquistato 74 seggi su 329, rendendo il suo partito la formazione politica più numerosa in parlamento. Tuttavia non era riuscito a mettere insieme una maggioranza necessaria a formare un governo. Sadr aveva infatti rifiutato di allearsi con i partiti filo-iraniani. Dopo nove mesi di stallo, i seguaci di Sadr, infuriati, hanno preso d’assalto il parlamento. L’annuncio del leader sciita ha ora sollevato timori che i sostenitori di Sadr possano intensificare le loro proteste e questo potrebbe destabilizzare ulteriormente l’Iraq.  


Leggi anche: Iraq: sostenitori di al-Sadr assaltano il Parlamento

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles