Iran: Khamenei concede grazia a quasi 3.000 detenuti

0
201
Iran: Khamenei concede grazia

In occasione delle festività islamiche la Guida Suprema dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, ha firmato un provvedimento di grazia per quasi 3 mila detenuti. Un provvedimento simile era già stato preso in occasione delle celebrazioni della nascita dell’Imam Reza. Intanto, il presidente uscente Hassan Rouhani ha affermato che negli otto anni di mandato il suo governo non ha sempre detto la verità.

Iran: Khamenei concede la grazia a molti detenuti?

La Guida Suprema dell’Iran, Ali Khamenei, in occasione delle due festività islamiche Eid al- Adha, o Festa del Sacrificio, e Eid al-Ghadir, ha firmato un provvedimento di grazia o riduzione di pena per 2825 detenuti. In giugno, Khamenei aveva concesso un provvedimento di clemenza per altri 5 mila detenuti in occasione delle celebrazioni della nascita dell’Imam Reza, una delle figure più amate dell’Islam sciita.   

Rouhani ammette di non aver detto sempre la verità

Secondo quanto riportato da Reuters, il presidente iraniano uscente, Hassan Rouhani, ha riconosciuto in un discorso che il governo di Teheran “non ha detto tutta la verità” durante i suoi otto anni di carica. Rouhani, dopo aver ricevuto l’ayatollah Khamenei, ha affermato: “Ciò che abbiamo detto alla gente non era contrario alla realtà, ma non abbiamo detto parte della verità alle persone. Perché non lo trovavo utile e temevo che nuocesse all’unità nazionale. Se abbiamo un difetto, ci scusiamo con le persone e chiediamo loro perdono e misericordia”. Tuttavia, Rouhani non ha specificato a cosa si riferisse con le osservazioni.

Il presidente iraniano incolpa Trump

Rouhani ha poi incolpato l’ex presidente USA Trump, che si è ritirato dall’accordo sul nucleare iraniano, per molti dei problemi dell’Iran. La decisione di Trump di ritirarsi ha fatto crollare di valore il rial iraniano. Inoltre ha impedito a Teheran di portare a termine alcuni piani a causa della mancanza di fondi. Il presidente iraniano ha detto: “Non avevamo i soldi per comprare a causa delle sanzioni”.  


Leggi anche: Iran: Raisi sospettato di crimini contro l’umanità