Iran ammette: abbiamo venduto droni alla Russia

0
307
Iran ammette: abbiamo venduto droni alla Russia

L’Iran ha ammesso di aver venduto droni alla Russia. Teheran ha anche detto che se Kyiv presenterà prove credibili che Mosca ha utilizzato questi droni durante la guerra, il governo iraniano non rimarrà indifferente. Dal canto suo, Mosca afferma che i droni che ha utilizzato nella guerra sono di fabbricazione russa e ha messo in guardia le Nazioni Unite dall’indagare sull’uso dei droni in Ucraina.

L’Iran ammette: abbiamo venduto droni a Mosca

L’Iran dopo settimane di smentite ha confermato per la prima volta di aver venduto droni alla Russia. Teheran ha tuttavia sottolineato che la vendita è però avvenuta mesi prima dell’inizio della guerra in Ucraina. Il ministro degli Esteri iraniano, Hossein Amirabdollahian, ha affermato che le affermazioni dell’Occidente secondo cui droni iraniani sono stati forniti a Mosca sono vere. Ha invece negato le affermazioni secondo cui l’Iran starebbe anche per fornire alla Russia missili terra-terra. Amirabdollahian ha poi ribadito che l’Iran non è un sostenitore di nessuna delle parti in guerra in Ucraina. Il ministro ha anche sottolineato che Teheran non rimarrà indifferente qualora venissero mostrate prove dell’uso di droni iraniani da parte della Russia nella guerra in Ucraina. Amirabdollahian ha detto che il governo iraniano sta aspettando che Kyiv fornisca le prove dell’utilizzo dei droni.


Leggi anche: Iran: se sarà dimostrato l’uso dei nostri droni in Ucraina ci saranno conseguenze