Ipertensione: l’esercizio fisico può prevenirla anche in aree inquinate

La relazione rischio-beneficio tra inquinamento atmosferico e attività fisica è una preoccupazione pubblica importante. Oltre il 91% delle persone in tutto il mondo vivono in aree in cui la qualità dell'aria non soddisfa le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS)

0
461
ipertensione

L’ipertensione arteriosa è uno dei principali fattori di rischio che innesca problemi cardiaci. Una problematica importante considerata un ‘killer silenzioso‘.  Perché spesso, soffrendone anche per molti anni, è del tutto asintomatica. Fino a che non si fa individuare lasciando però dei danni.

Lo sport anche moderato: un rimedio

Alcune palestre e aree fitness, dopo il lockdown, ancora sono chiuse. Il percorso di rinnovo e di adeguamento dettato dalle nuove regole di distanziamento sociale, ha ritardato le riaperture. Per questo alcune persone stanno optando per esercizi all’aperto come correre, camminare o andare in bicicletta. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), oltre il 91% delle persone vive in aree con scarsa qualità dell’aria . Questo può influire sulla salute del cuore, alzare il rischio di Alzheimer e accelerare la caduta dei capelli. Per fortuna, un nuovo studio sulla rivista Circulation afferma che l’esercizio fisico regolare, anche nelle aree inquinate, può avere benefici per la salute. Lo sport contrasta anche l’invecchiamento a livello cellulare.


Quanta acqua bere al giorno: quanto e quale acqua scegliere

Anziani e lockdown: tutto quello che c’è da sapere


La ricerca può aiutare chi soffre di ipertensione

I ricercatori dell’Università cinese di Hong Kong hanno effettuato studi su circa 40.000 adulti sani a Taiwan. Per cinque anni. Hanno scoperto che coloro che facevano esercizio fisico moderato avevano il 4% in meno di probabilità di soffrire di ipertensione. Mentre chi faceva esercizio fisico più intenso aveva un rischio del 13% inferiore rispetto a coloro che non si allenavano affatto. Entrambi i gruppi di persone presentavano queste caratteristiche indipendentemente dai livelli di inquinamento dove svolgevano l’attività fisica.

Favorire lo sport anche in aree inquinate

Mentre le persone che svolgevano un’attività fisica elevata e vivevano in aree a basso inquinamento presentavano il rischio ancora più basso. L’esercizio fisico andava comunque a vantaggio di coloro che avevano un’esposizione elevata all’inquinamento.

“I risultati indicano che una regolare attività fisica è salutare per le persone che vivono in regioni relativamente inquinate. Questo per prevenire la pressione alta”,ha detto in un comunicato stampa l’autore dello studio Xiang Qian Lao, Ph.D. “L’esercizio dovrebbe essere promosso anche nelle aree inquinate”.

Gli esercizi all’aperto , come la corsa e la camminata, sono delle forme di fitness veramente accessibile a tutti. Ora chi volesse affrontare questo tipo di attività sportiva può impegnarsi con un pò meno paura dell’inquinamento.